Le dimissioni del terzo ministro del governo giapponese in un mese in un colpo al primo ministro

TOKYO (Reuters) – Il ministro degli Interni giapponese si è dimesso domenica per uno scandalo finanziario, diventando il terzo membro del gabinetto a lasciare l’incarico in meno di un mese, un duro colpo per il già traballante sostegno del primo ministro Fumio Kishida.

La popolarità di Kishida è crollata dopo che l’assassinio dell’ex primo ministro Shinzo Abe a luglio ha messo in luce legami profondi e di lunga data tra i politici al potere del Partito Liberal Democratico e la Chiesa dell’Unificazione, un gruppo i cui critici dicono che è una setta.

Il ministro degli Interni Minoru Terada ha rassegnato le dimissioni a Kishida dopo che i media hanno riferito che il primo ministro si stava preparando a licenziarlo. Kishida lunedì ha nominato Takaaki Matsumoto, l’ex ministro degli Esteri, come successore di Terada.

“Il fondamento dell’impegno politico è la fiducia del pubblico”, ha detto Kishida ai giornalisti dopo la nomina di Matsumoto. “Come politico, devo mantenere la fiducia del pubblico rafforzando e perdendo ciò che mi circonda”.

Un sondaggio condotto durante il fine settimana, prima delle dimissioni di Terada, ha rilevato che solo il 30,5% degli intervistati ha approvato Kishida, ha detto lunedì TV Asahi, in calo di 2,6 punti rispetto a un sondaggio di ottobre.

Poco più della metà, il 51%, ha disapprovato il modo in cui ha gestito le dimissioni di due precedenti ministri, il ministro per il rilancio economico Daichiro Yamagiwa e il ministro della Giustizia Yasuhiro Hanashi.

Terada, che è stato criticato per diversi scandali di finanziamento, ha ammesso che uno dei suoi gruppi di sostegno ha fornito documenti di finanziamento che sembravano firmati da una persona morta.

READ  KABUL - Un'esplosione mortale ha colpito una moschea della capitale afgana, ha detto la polizia afgana

Kishida ha affermato di aver accettato le dimissioni di Terada per dare priorità al dibattito parlamentare, comprese le discussioni su un secondo budget aggiuntivo per l’anno fiscale che si concluderà a marzo.

Alla domanda sul fatto che tre ministri si sono dimessi dal 24 ottobre, Kishida ha detto che vorrebbe scusarsi.

“Sento un’enorme responsabilità”, ha detto ai giornalisti domenica.

La partenza di Terada potrebbe indebolire il primo ministro in difficoltà, il cui gradimento è rimasto al di sotto del 30% in diversi sondaggi recenti, un livello che potrebbe rendergli difficile l’attuazione del suo programma politico.

Dopo aver guidato l’LDP alla vittoria elettorale pochi giorni dopo che Abe è stato ucciso durante la campagna elettorale, ci si aspettava che Kishida godesse di “tre anni d’oro” senza la necessità di elezioni nazionali fino al 2025.

Il sospetto assassino di Abe ha detto che sua madre è stata mandata in bancarotta dalla Chiesa dell’Unificazione e ha accusato Abe di averla promossa. L’LDP ha riconosciuto che molti legislatori hanno legami con la chiesa ma nessun legame organizzativo con il partito.

La stragrande maggioranza degli elettori si è inoltre opposta alla decisione di Kishida di tenere un funerale di stato per Abe alla fine di settembre.

Yamagiwa si è dimesso il 24 ottobre a causa dei suoi legami con il gruppo religioso e Kishida è stato criticato per quello che gli elettori hanno visto come un ritardo e una goffaggine nel gestire la situazione.

Ulteriori danni sono venuti dalle dimissioni del ministro della Giustizia Yasuhiro Hanashi a metà novembre, a causa di commenti visti come un indebolimento delle sue responsabilità lavorative, in particolare la firma delle esecuzioni.

READ  Il tifone Noru ha colpito le Filippine, uccidendo 5 persone e lasciando i villaggi a brandelli

Le dimissioni di Hanashi e Terada rischiano di essere particolarmente dolorose poiché erano membri della fazione Kishida del LDP.

(Segnalazione di Eileen Lies e Kantaro Cumiya); Montaggio di Jerry Doyle e Stephen Coates

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.