Le Nazioni Unite hanno avvertito che i ghiacciai in Yosemite e in Africa scompariranno entro il 2050

Sospensione

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Yosemite) ha avvertito che i ghiacciai in almeno un terzo dei suoi siti Patrimonio dell’Umanità, incluso lo Yosemite National Park, scompariranno entro la metà del secolo anche se le emissioni saranno ridotte. Giovedì nuovo reportage.

Anche se il riscaldamento globale fosse limitato a soli 1,5°C (2,7°F), cosa che ora sembra improbabile, tutti i ghiacciai e i ghiacciai dello Yosemite nel Parco Nazionale di Yellowstone, così come i pochi ghiacciai rimasti in Africa, andrebbero persi.

Nel suo rapporto, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) ha avvertito che altri ghiacciai possono essere salvati solo se “le emissioni di gas serra sono significativamente ridotte” e il riscaldamento globale è limitato a 1,5 gradi Celsius.

“Questo rapporto è un invito all’azione”, ha affermato il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay in una dichiarazione, collegando il rapporto alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici nota come COP27, che inizierà in Egitto la prossima settimana. “COP27 avrà un ruolo fondamentale per aiutare a trovare soluzioni a questo problema”.

Lo scioglimento dei ghiacciai nel mondo svela i loro segreti molto rapidamente

In circa 50 degli oltre 1.150 siti del patrimonio mondiale dell’organizzazione, ci sono ghiacciai, che insieme costituiscono quasi un decimo dell’area glaciale del mondo.

Quasi 19.000 ghiacciai situati nei siti del patrimonio perdono più di 60 miliardi di tonnellate di ghiaccio all’anno, ha affermato l’UNESCO, che equivale al consumo annuale di acqua di Spagna e Francia messe insieme e rappresenta circa il 5% dell’innalzamento del livello del mare globale.

READ  Biden e Snack si impegnano a sostenere l'Ucraina e ad affrontare la Cina nella prima chiamata | Rishi Sunak

“I ghiacciai si stanno ritirando a un ritmo accelerato in tutto il mondo”, ha affermato Tales Carvalho Resende, idrologo dell’UNESCO.

L’organizzazione ha descritto un “ciclo di riscaldamento” in cui lo scioglimento dei ghiacciai fa apparire le superfici più scure, che quindi assorbono più calore e accelerano il ritiro del ghiaccio.

Oltre alle significative riduzioni delle emissioni, il rapporto dell’UNESCO chiede un migliore monitoraggio dei ghiacciai e l’uso di meccanismi di allerta precoce per rispondere ai disastri naturali, comprese le inondazioni causate dall’eruzione dei laghi glaciali. Già una tale inondazione costano migliaia di vite Potrebbe aver in parte alimentato le disastrose inondazioni in Pakistan quest’anno.

Sebbene ci siano stati alcuni tentativi locali di ridurre i tassi di fusione, ad esempio di Coperte di ghiaccio – Carvalho Resende ha avvertito che intensificare questi esperimenti “potrebbe essere molto difficile, a causa dei costi ma anche dell’inaccessibilità della maggior parte dei ghiacciai”.

Nel corso della storia, i ghiacciai sono cresciuti durante periodi molto freddi e si sono ridotti quando queste estensioni sono terminate. L’ultimo periodo di freddo estremo del mondo è terminato oltre 10.000 anni fa e un disgelo naturale era atteso in Europa Dopo la fine dell’ultima “Piccola Era Glaciale” in 19esimo secolo.

Ma poiché le emissioni di anidride carbonica sono aumentate nel secolo scorso, i fattori umani hanno iniziato ad accelerare quello che ci si aspettava essere un graduale declino naturale. In Svizzera, solo quest’anno i ghiacciai hanno perso il 6% del loro volume.

Sebbene lo scongelamento aggiuntivo abbia in qualche modo compensato altri effetti del cambiamento climatico, ad esempio impedire che i fiumi si prosciughino nonostante le ondate di caldo, sta rapidamente raggiungendo una soglia critica, secondo l’UNESCO.

READ  Gli attacchi ucraini aumentano la pressione sugli alleati occidentali per quanto riguarda i sistemi di difesa aerea

Nel ghiacciaio Würkel in Svizzera, gli scienziati sono in grado di scoprire antichi manufatti dove un tempo il terreno era ghiacciato. (Video: Rick Nowak/The Washington Post)

Nel suo rapporto, l’organizzazione ha scritto che il picco dell’acqua di disgelo potrebbe essere già passato su molti ghiacciai più piccoli, dove le acque stanno ora iniziando a diminuire.

Se questa tendenza continua, l’organizzazione ha avvertito, “durante la siccità sarà disponibile un flusso di base ridotto”.

I cambiamenti dovrebbero avere importanti implicazioni per l’agricoltura, la biodiversità e la vita urbana. L’UNESCO scrive che “i ghiacciai sono fonti vitali di vita sulla Terra”.

“Forniscono risorse idriche per almeno la metà dell’umanità”, ha affermato Carvalho Resende, avvertendo che anche le perdite culturali sarebbero enormi.

In tutto il mondo, riscaldamento globale Esporre antichi manufatti Più veloce di quanto gli archeologi possano salvare.

“Alcuni di questi ghiacciai sono luoghi sacri e sono davvero importanti per le popolazioni indigene e le comunità locali”, ha affermato.

L’UNESCO ha citato l’esempio del secolare Snow Star Festival nelle Ande peruviane, già interessate dalla perdita di ghiaccio. I leader spirituali una volta condividevano blocchi di ghiaccio con i pellegrini, ma la pratica è stata interrotta quando la gente del posto ha notato un rapido declino negli ultimi anni.

Iscriviti per ricevere le ultime notizie sui cambiamenti climatici, l’energia e l’ambiente, fornite ogni giovedì

I piccoli ghiacciai a bassa o media quota saranno i primi a scomparire. L’Unesco ha affermato che i tassi di perdita di ghiaccio nei piccoli ghiacciai “sono più che raddoppiati dall’inizio degli anni 2000 alla fine degli anni 2010”.

Ciò corrisponde alle osservazioni dei ricercatori che studiano il ritiro dei ghiacciai. Il glaciologo europeo Matthias Haas ha affermato che gli scienziati hanno assistito a “un fortissimo scioglimento negli ultimi due decenni” in Svizzera.

READ  Biden ha rifiutato di dire che avrebbe archiviato il caso di omicidio di Khashoggi in Arabia Saudita

Allo stesso tempo, ci sono sempre meno luoghi abbastanza freddi da permettere ai ghiacciai di crescere davvero. Attualmente, il massimo al quale i ghiacciai possono formare nuovo ghiaccio è di circa 3000 metri [about 9,840 feet]Ha detto, spiegando che negli ultimi decenni questa altezza è aumentata di diverse centinaia di metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.