Le nuove regole israeliane richiederanno ai titolari di passaporti stranieri di dichiarare relazioni sentimentali con i palestinesi

Sospensione

TEL AVIV – I titolari di passaporto straniero in Cisgiordania dovranno denunciare le loro relazioni sentimentali con i palestinesi alle autorità israeliane, secondo nuove controverse regole che entreranno in vigore lunedì.

Esperti legali palestinesi e difensori dei diritti umani affermano che la mossa, che impedirà anche ai palestinesi di visitare i familiari e limiterà gravemente lo scambio accademico palestinese con università straniere, è un’escalation di un sistema già radicato di discriminazione contro i palestinesi in Cisgiordania, che Israele ha sequestrato nel 1967.

L’ordine israeliano di 97 pagine che descrive in dettaglio le nuove restrizioni richiede ai titolari di passaporti stranieri, inclusi, in alcuni casi, cittadini con doppia cittadinanza palestinese-americana, in una relazione sentimentale con un palestinese residente in Cisgiordania, di “riferire” per iscritto alla sicurezza israeliana autorità (a un indirizzo di posta elettronica privato) entro 30 giorni dall’inizio del rapporto.

“La ‘data di inizio del rapporto’ è considerata il giorno della cerimonia di fidanzamento, o il giorno del matrimonio, o il giorno dell’inizio della convivenza, a seconda di quale evento si verifica per primo,” Egli ha detto.

Le nuove restrizioni – che richiedono anche ai richiedenti di dichiarare se possiedono o ereditano terreni in Cisgiordania – non si applicheranno agli insediamenti ebraici in Cisgiordania. La struttura giuridica a due livelli dell’area tratta gli ebrei israeliani come cittadini che vivono sotto il governo civile mentre i palestinesi sono trattati come combattenti sotto il governo militare, soggetti a incursioni militari notturne e al confinamento e al divieto di visitare le loro terre ancestrali o di accedere a determinate strade.

I sostenitori dei diritti dei palestinesi hanno condannato le misure aggiornate e più severe sui social media come un altro esempio di Israele che spoglia i diritti dei palestinesi che vivono sotto i suoi 55 anni di occupazione.

READ  La siccità rivela un villaggio gallese sommerso in un bacino idrico del 19° secolo

“Un aspetto di questo ha a che fare con il controllo e l’isolamento”, ha affermato Salem Brahma, Direttore Esecutivo di Rabet, la piattaforma digitale del Palestine Institute of Public Diplomacy, Pubblicato su Twitter sabato. “L’altro è: se non potete stare insieme in Palestina, lo avrete [to] Esci e fallo da qualche altra parte. Si tratta di far uscire quante più persone possibile dalla Palestina per mantenere la sovranità”.

Prima della visita di Biden, Israele ha lanciato la più grande evacuazione di palestinesi degli ultimi decenni

Fadi Quran, responsabile della campagna del gruppo di attivisti Avaaz. cinguettare Le nuove regole indicano che “l’amore è pericoloso” nella Cisgiordania occupata.

Gli stranieri in visita in Cisgiordania devono già affrontare controlli approfonditi. Una donna palestinese che vive in Germania e sposata con un uomo tedesco ha detto di temere che le regole avrebbero reso più difficile per lei e suo marito – e i loro futuri figli – visitare i suoi parenti in Cisgiordania. La donna ha parlato in condizione di anonimato per evitare di portare il suo caso all’attenzione delle autorità israeliane.

Dopo aver appreso delle nuove regole, la donna ha deciso di portare il suo nuovo marito in Cisgiordania per incontrare la sua famiglia a maggio, prima che entrassero in vigore.

Fino ad allora, ha detto, le autorità giordane al valico di frontiera hanno consigliato alla coppia di non attraversare insieme e di rimuovere qualsiasi prova della loro relazione dai loro telefoni, perché i funzionari israeliani stavano restituendo i mariti palestinesi stranieri.

La coppia si è tolta le fedi nuziali, ha scollegato le prenotazioni su Airbnb e ha cancellato le chat e le foto di WhatsApp insieme. Suo marito ha detto alle guardie di frontiera che stava visitando la Cisgiordania per turismo. Tuttavia, ha dovuto affrontare intensi interrogatori da parte della polizia israeliana.

READ  Aggiornamento sulla guerra tra Russia e Ucraina: cosa sappiamo nel 136° giorno dell'invasione | Ucraina

Una portavoce del COGAT, l’agenzia militare israeliana responsabile del coordinamento con i palestinesi negli affari civili, ha rifiutato di commentare le nuove restrizioniE il Ma ha detto che una nuova versione del regolamento sarà probabilmente pubblicata domenica.

Israele intensifica la sorveglianza dei palestinesi con il programma di riconoscimento facciale in Cisgiordania

Il decreto descrive la “finalità del provvedimento” come un modo per codificare regole già in vigore da anni per i titolari di passaporto straniero che entrano nei territori occupati. L’obiettivo è “determinare i livelli di autorità e le modalità di trattamento delle richieste degli stranieri che desiderano entrare nell’area della Giudea e della Samaria attraverso i valichi internazionali, in conformità con la politica e in coordinamento con gli uffici competenti”, si legge nel documento, riferendosi a il nome biblico che Israele usa per la Cisgiordania.

Da quando è stato annunciato per la prima volta a febbraio, l’attuazione delle nuove restrizioni è stata ripetutamente ritardata dalla Corte Suprema israeliana.

A giugno, HaMoked, un’organizzazione israeliana per i diritti umani, insieme a 19 persone, ha presentato una petizione alla Corte Suprema per bloccare le nuove regole, sostenendo di aver posto “gravi restrizioni alla durata dei visti e alle estensioni dei visti” che avrebbero ostacolato la capacità degli stranieri di opera. o fare volontariato nelle istituzioni palestinesi per più di alcuni mesi, impedendo loro di lasciare la Cisgiordania e di tornare durante il periodo del visto, e in alcuni casi richiedendo alle persone di rimanere all’estero per un anno dopo la scadenza del visto prima di poter richiedere un altro visto.

Le regole inoltre “privano migliaia di famiglie palestinesi della possibilità di vivere insieme senza interruzioni e condurre una normale vita familiare”, HaMoked Egli ha detto In una dichiarazione rilasciata a giugno, oltre a rendere più difficile per gli accademici stranieri lavorare nelle università palestinesi.

READ  Zelensky afferma che a Kharkiv sono state trovate camere contenenti "strumenti di tortura elettrica".

Le nuove regole consentono a 100 professori e 150 studenti con passaporto straniero di rimanere in Cisgiordania, un duro colpo per gli istituti di istruzione superiore palestinesi. Fanno affidamento sulla cooperazione accademica e reclutano centinaia di studenti stranieri con passaporti ogni anno. Più di 350 studenti e personale universitari europei hanno studiato o lavorato nelle università palestinesi nell’ambito del programma Erasmus.E il Programma di scambio di studenti dell’UE, nel 2020, rispetto ai 51 di appena cinque anni fa.

Maria Gabriel, Commissario UE per l’Innovazione, la Ricerca, la Cultura, l’Istruzione e la Gioventù, Proposto a luglio Lo sviluppo potrebbe anche danneggiare le relazioni accademiche tra Israele e l’Europa.

“Con lo stesso Israele che beneficia notevolmente del programma Erasmus+, il comitato è del parere che dovrebbe facilitare, non impedire, l’accesso degli studenti alle università palestinesi”, ha affermato Gabriel. Ha aggiunto che i funzionari dell’UE hanno espresso le loro preoccupazioni alle autorità israeliane, “anche ai massimi livelli”.

Sam Bahour, un economista palestinese-americano, ha citato le sentenze della Corte Suprema israeliana che ritardano l’attuazione delle nuove regole come prova della loro illegalità.

Ha detto che sta effettuando telefonate quotidiane da immigrati palestinesi in tutto il mondo preoccupato che le nuove misure possano rendere difficili o impossibili le visite future. Ha detto che i nuovi protocolli sarebbero “ridicoli” in quanto “impossibili da attuare”.

Ma ha detto che hanno consegnato ai palestinesi un messaggio vecchio di decenni da parte di Israele: “Vattene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.