Le proteste del Museo del clima suscitano polemiche sulle tattiche di attivismo

Nelle ultime settimane, attivisti di tutta Europa hanno presentato famose opere d’arte dai “Girasoli” di Van Gogh ai “Covoni di fieno” di Claude Monet con pupazzi di zuppa di pomodoro e Purè di patate per cercare di sbarazzarsi dell’autocompiacimento sulla crisi climatica. “Come ti senti quando vedi qualcosa di bello e di inestimabile apparentemente distrutto davanti ai tuoi occhi?” Uno dei manifestanti ha chiesto chi Basta fermare l’olio Dopo apposto su vetro per proteggere la pittura di Vermeer in Olanda. “Ti senti arrabbiato? Bene. Come ti senti quando vedi il pianeta essere distrutto?”

In ogni caso, il manifestanti Arrestati per le loro azioni, gli attivisti di ultima generazione che hanno lanciato purè di patate contro Monet in un museo a Potsdam, in Germania, sarebbero indagati per danni alla proprietà e violazione di domicilio.

Sul sito web di Last Generation, il gruppo afferma di accettare “accuse penali e privazione della libertà Coraggio” sulle sue proteste.

Mentre alcune strutture storiche sono state danneggiate, i dipinti stessi sono stati protetti da vetri. Ma lo stile di lanciare cibo contro famose opere d’arte per protestare contro l’inazione del clima ha suscitato una protesta internazionale. Molti si sono chiesti se fosse dannoso sostenere la causa.

(Leggi anche | Opinione: Perché va bene buttare il purè di patate nel piatto)

Contraccolpo: disapprovazione delle proteste sovversive

In un sondaggio non rappresentativo, DW ha chiesto ai follower di Twitter come si sentivano per atti di disobbedienza civile come l’incidente del purè di patate di Monet.

Delle 491 persone che hanno risposto, il 22% ha affermato di aver sensibilizzato e aiutato. Ma il 56% ha affermato che tali azioni sono dannose per il movimento per il clima.

Un seguace ha scritto: “Questo tipo di attivismo per il clima non è altro che un teppismo e una trovata pubblicitaria”. “Dobbiamo lottare per buone cause in modo responsabile nei limiti del rispetto”.

Sebbene le forme di protesta non violente e dirompenti appaiano impopolari, possono comunque essere efficaci, in parte perché stanno attirando l’attenzione, ha affermato Oscar Berglund, docente di politica sociale presso l’Università di Bristol nel Regno Unito.

READ  La leader di Hong Kong Carrie Lam ha dichiarato che non si candiderà per un secondo mandato

“Se non interrompi nessuno o niente, se provi solo a far sentire le tue voci, quelle voci spesso non verranno ascoltate e non otterrai alcun cambiamento attraverso la tua protesta”, ha affermato Berglund, che fa ricerche sui cambiamenti climatici. Attività e uso della disobbedienza civile.

Le proteste radicali stanno ottenendo più attenzione da parte dei media

Le acrobazie hanno sicuramente attirato molta attenzione, facendo notizia in tutto il mondo e creando ondate sui social media. Ad esempio, un video che mostra i manifestanti che lanciano zuppa a Van Gogh a Londra è stato visto quasi 50 milioni di volte solo su Twitter.

“Questa azione dirompente ha riportato ancora una volta la questione del clima al centro della società tradizionale”, ha affermato James Osden, che dirige il Social Change Lab, un’organizzazione che conduce ricerche nelle scienze sociali per capire meglio come i movimenti possono apportare cambiamenti positivi.

“La gente in tutto il mondo ne parla in un modo che non è mai successo dagli scioperi del clima studentesco nel 2019”, ha affermato Osden, che faceva anche parte del gruppo strategico del gruppo di protesta per il clima Extinction Rebellion UK (XR). chi usa tattiche di disobbedienza civile.

Phoebe Plummer di Just Stop Oil ha affermato in un video pubblicato sui social media che alzare il profilo del cambiamento climatico è stato esattamente ciò che ha motivato la protesta della zuppa di Van Gogh a Londra.

“Quello che facciamo è avviare la conversazione in modo da poter porre le domande importanti. Domande del tipo: va bene che i combustibili fossili siano sovvenzionati 30 volte di più rispetto alle energie rinnovabili quando l’eolico offshore è attualmente nove volte più economico dei combustibili fossili? Una conversazione che dobbiamo avere ora perché non è Abbiamo tempo da perdere”, ha detto.

Naturalmente se tutto ciò che viene discusso è la tattica sovversiva in sé e non il motivo dietro la protesta e le richieste degli attivisti, allora il loro obiettivo è mancato.

“Sebbene forse metà del dibattito pubblico riguardi le tattiche, l’altra metà riguarda il clima, che è ancora più che se la protesta radicale non si fosse verificata”, ha detto Osden.

READ  Contenzioso tra Arabia Saudita e Stati Uniti sul motivo del taglio del petrolio OPEC+

Per Berglund, l’interesse e le conseguenti conversazioni che tali proteste hanno suscitato hanno aperto abbastanza spazio per una discussione sulla questione stessa.

“L’impopolarità non ha importanza in questo senso e non penso che possa danneggiare la questione climatica in questo modo, perché dà anche spazio a voci più ragionevoli e meno estreme per parlare di questi problemi”, ha affermato.

Le tattiche dei manifestanti stanno influenzando il sostegno pubblico alle richieste climatiche?

Ma Rob Wheeler, professore di sociologia e psicologia sociale alla Stanford University negli Stati Uniti, afferma che il suo lavoro precedente, che esamina i movimenti sociali in modo più ampio, suggerisce che alcune azioni di protesta estreme possono minare il sostegno popolare a una causa.

Wheeler ha affermato che il pubblico generalmente reagisce negativamente alle proteste che coinvolgono la distruzione di proprietà. E mentre possono essere efficaci nell’attirare l’attenzione, questa attenzione potrebbe non essere utile se le percezioni sono negative.

“Queste tattiche di dissacrazione dell’arte sono precisamente il tipo di comportamento di protesta che porta i monitori a vedere gli attivisti come estremisti e irragionevoli, alienanti e possibilmente a ridurre il sostegno alla loro causa”, ha detto a DW.

È difficile applicare la ricerca sulle proteste passate agli eventi attuali, ma un sondaggio dell’Osden Social Change Lab non ha riscontrato effetti negativi sul sostegno alle politiche climatiche durante e dopo le proteste dirompenti di Just Stop Oil nel 2020.

Allo stesso modo, esperimenti condotti da psicologi cognitivi con l’Università di Bristol hanno scoperto che un sostegno inferiore per i manifestanti non ha avuto alcun effetto sul sostegno alle loro affermazioni.

Un altro piccolo sondaggio rappresentativo condotto dalle università di Cambridge e Oxford Brookes ha indicato un leggero aumento del desiderio delle persone di partecipare ad attività non dirompenti come i raduni dopo le proteste dirompenti dell’XR del 2019.

“Non è semplicemente che le persone si stanno rivoltando contro l’azione per il clima solo perché alcuni attivisti ti prendono in giro”, ha affermato il sociologo Berglund. “Non significa che poi dici: ‘Va bene, va bene, allora bruciamo il pianeta. Bruciamo più petrolio, non usiamo le rinnovabili. “Non vediamo affatto quel tipo di cambiamento nelle opinioni”.

READ  Lo yacht del miliardario russo, Dilbar, sequestrato dalla Germania

Osden afferma che c’è una strategia dietro le proteste dirompenti chiamata effetto ala radicale. Egli ipotizza che la presenza di un’ala radicale in un movimento sociale possa aumentare il sostegno alle fazioni moderate facendole apparire più razionali.

“È una specie di poliziotto buono, poliziotto cattivo, ma al livello di un grande movimento sociale”, ha detto. “E questa tattica ha funzionato molto bene in passato”.

Quindi, anche se XR, ad esempio, ha avuto un sostegno pubblico minore nel Regno Unito, le loro azioni alimentano ancora preoccupazioni per l’ambiente e il clima, ritiene Osden.

Le proteste radicali aumentano la criminalizzazione dei manifestanti?

Osden e Berglund temono che un effetto negativo delle tattiche estremiste possa essere la criminalizzazione generale dell’azione per il clima e di altri movimenti di protesta.

Il Regno Unito ha già approvato progetti di legge che impongono restrizioni alle proteste, compreso l’inasprimento delle disposizioni e la limitazione del rumore.

“Questo è molto duro perché le proteste devono essere rumorose e inquietanti”, ha detto Osden. “Ora chiunque non sia d’accordo con te può dire che è troppo rumoroso e rende illegale la tua protesta”.

Dopo le proteste che hanno visto gli attivisti attaccarsi a opere d’arte e bloccare le strade, il governo del Regno Unito sta cercando di approvare un disegno di legge sull’ordine pubblico che crea un nuovo reato chiamato “blocco”, per i manifestanti che si attaccano a oggetti o causano disagi interferendo con lavori di trasporto o infrastrutture chiave.

Il disegno di legge vedrebbe ad alcuni manifestanti il ​​divieto di comunicare con determinate persone, partecipare alle proteste, utilizzare Internet o dover indossare un bersaglio elettronico che monitora la loro posizione.

Il sostegno a tali leggi potrebbe crescere se la percezione pubblica delle tattiche dei manifestanti peggiorasse, secondo Berglund.

“Il pericolo è che se questi manifestanti non sono veramente amati e odiati, ciò potrebbe portare a sostenere queste leggi autoritarie molto impopolari”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.