Le visite di Zelensky hanno ripreso Kherson, dice centinaia di crimini di guerra russi documentati

  • Crimini di guerra smascherati dopo il ritiro russo da Zelensky
  • I residenti di Kherson raccontano gli abusi commessi dalle forze russe
  • Sminamento di Kherson e recupero energetico in corso
  • I combattimenti imperversano a Donetsk e nelle regioni orientali di Luhansk

Kherson, Ucraina (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato lunedì la città meridionale di Kherson, appena riconquistata, il più grande premio mai vinto dalle forze ucraine, accusando le forze russe di crimini di guerra prima che fuggissero la scorsa settimana.

“Stiamo andando avanti”, ha detto ai soldati in formazione davanti all’edificio dell’amministrazione nella piazza principale della città, dove c’erano anche i genitori con i loro figli, alcuni a spingere le carrozzine, altri a sventolare o far rotolare bandiere ucraine. Siamo pronti per la pace e la pace per tutto il nostro Paese”.

Zelensky ha ringraziato la NATO e altri alleati per il loro continuo sostegno nella guerra contro la Russia e ha affermato che la consegna di missili dagli Stati Uniti ha fatto una grande differenza a Kiev.

“Sono davvero felice, si può dire dalla reazione delle persone, che la loro reazione non è stata espressa”, ha detto il presidente.

Pochi minuti prima del suo arrivo, si sentiva un bombardamento ravvicinato dal centro di Kherson e, dopo aver terminato il suo discorso, molte altre esplosioni di artiglieria risuonavano nel cielo della città.

I residenti di Kherson hanno salutato con gioia le truppe ucraine in arrivo da venerdì, quando la Russia ha ceduto l’unica capitale regionale che aveva occupato da quando Mosca ha lanciato la sua invasione.

Zelensky ha detto ieri sera in un discorso televisivo che gli investigatori hanno già documentato più di 400 crimini di guerra commessi dalla Russia durante i suoi otto mesi di occupazione.

READ  La russa Gazprom chiude per 3 giorni il gasdotto verso l'Europa

“Sono stati trovati corpi di civili e soldati morti”, ha detto. “L’esercito russo ha lasciato la stessa brutalità che ha commesso in altre regioni del Paese”, ha aggiunto.

Reuters ha parlato nei giorni scorsi con residenti nelle parti precedentemente occupate della regione di Kherson che hanno descritto uccisioni e rapimenti di civili, ma non hanno verificato in modo indipendente questi rapporti.

La Russia nega che le sue forze colpiscano deliberatamente i civili o commettano atrocità nelle aree occupate. Luoghi di sepoltura di massa sono stati trovati in diverse altre parti dell’Ucraina precedentemente occupate dalle forze russe, inclusi alcuni corpi di civili che mostravano segni di tortura, che Kiev incolpa Mosca.

‘invitato al cellulare’

I residenti intervistati da Reuters hanno affermato di aver cercato di ridurre al minimo i contatti con i russi e di aver identificato le persone arrestate e maltrattate per qualsiasi apparente patriottismo ucraino.

I soldati russi “si stavano avvicinando per strada e chiedendoti se eri ucraino o russo. Se avessi detto di essere ucraino, ti avrebbero portato via”, ha detto Natalia Baberya, una stilista di abbigliamento di 43 anni.

Ha detto che i russi hanno arrestato la sua amica per aver scattato una foto della casa di un vicino per rassicurare i suoi proprietari sul fatto che era sopravvissuta a un’esplosione di proiettili nelle vicinanze. I soldati avevano messo il cappuccio della sua amica sugli occhi, lo avevano messo a posto, l’avevano messa in uno scantinato per un giorno e le avevano chiesto di sapere con chi stava scattando le foto.

“Non l’hanno toccato”, ha detto Babernya, ma l’amico ha sentito le grida di altri detenuti e alcuni che sono stati costretti a denunciare il presidente russo Vladimir Putin.

“C’erano molte persone, uomini e donne”, ha detto.

Yana Shaposhnikova, 36 anni, un’altra stilista di abbigliamento, ha detto di aver seppellito la sua bandiera gialla e blu ucraina.

“Se indossi qualcosa di giallo e blu, potresti essere fucilato o invitato in uno scantinato dove verrai torturato”, ha detto.

Ha detto che una volontaria che sapeva di fornire aiuti umanitari ad aree remote è stata portata in una prigione sotterranea, privata del sonno e interrogata per tre giorni se stesse segnalando sui siti russi.

I residenti hanno descritto alla Reuters altri rapimenti e omicidi, tra cui la notizia di un vicino ucciso a colpi di arma da fuoco e tre persone trasportate dalle truppe nel villaggio di Blahodatny, a nord di Kherson.

Non è stato possibile verificare i conti.

Sanzioni

Il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen ha dichiarato che lunedì gli Stati Uniti annunceranno nuove sanzioni contro 14 individui e 28 entità che hanno lavorato per acquistare tecnologie militari per la guerra russa in Ucraina.

La Russia è stata in grado di acquistare droni dall’Iran che sono stati utilizzati per attaccare le città e le infrastrutture energetiche in Ucraina.

Il presidente russo Vladimir Putin non parteciperà al vertice, ma manderà il suo ministro degli esteri, Sergei Lavrov, che è diventato oggetto di speculazioni sulla sua salute dopo aver riferito di essere stato portato in un ospedale indonesiano.

Il governatore di Bali Wayan Koster ha detto a Reuters che Lavrov, 72 anni, era andato in ospedale per un “controllo medico” dopo essere arrivato per il vertice, ma era in buona salute. La Russia ha pubblicato un video clip che mostra Lavrov seduto fuori in pantaloncini e maglietta, negando di avere la malattia e incolpando i rapporti sanitari sui media occidentali.

READ  Incendi boschivi devastati dalla Spagna in un'ondata di caldo record

Il ripristino del controllo dell’Ucraina su Kherson segnò la terza grande ritirata di Mosca nella guerra e la prima a comportare la cessione di una città così grande occupata.

Il comando meridionale delle forze armate ucraine ha dichiarato lunedì che le forze russe in ritirata attraverso il fiume Dnipro hanno continuato a sparare e hanno riconquistato le forze ucraine da nuove posizioni sulla sponda opposta.

Il governatore della regione, Yaroslav Janoshevich, ha affermato che il coprifuoco sarebbe durato dalle 17:00 alle 8:00 e alle persone sarebbe stato impedito di lasciare o entrare in città per alcuni giorni per motivi di sicurezza.

“Il nemico ha distrutto tutte le infrastrutture vitali”, ha detto.

Zelensky ha anche messo in guardia i residenti di Kherson sulle mine russe. “Vi chiedo, per favore, di non dimenticare che la situazione nella regione di Kherson è ancora molto pericolosa”, ha detto.

Il ministero della Difesa ucraino ha dichiarato di aver riconquistato 179 insediamenti e 4.500 chilometri quadrati (1.700 miglia quadrate) lungo il fiume Dnipro dall’inizio della settimana.

Nell’Ucraina orientale, le sue forze hanno affrontato implacabili attacchi russi. Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha dichiarato lunedì che i combattimenti sono stati feroci nelle regioni di Donetsk e Luhansk.

“Il nemico non smette di bombardare gli insediamenti e le posizioni delle nostre unità lungo la linea del fronte… Piuttosto, continua a bombardare le infrastrutture vitali e le case dei civili”, si legge nel comunicato.

Rapporti aggiuntivi di David Ljungrn, Jonathan Landay, Gleb Garanich, Pavel Politiuk e Ron Popesky; Scritto da Philippa Fletcher; Montaggio di Peter Graf

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.