L’economia cinese frena duramente nel secondo trimestre, i rischi globali si offuscano le prospettive

  • Il PIL cinese del secondo trimestre si riduce rispetto al primo trimestre, la crescita a/a rallenta bruscamente
  • I blocchi diffusi del COVID stanno martellando l’attività industriale, la domanda
  • Giugno mostra un rimbalzo dell’attività, ma i rischi globali offuscano le prospettive
  • Nuovi focolai di COVID, guerra in Ucraina, tassi globali aumentano la pressione focale
  • Gli analisti prevedono che la crescita del PIL per l’intero anno non raggiunga l’obiettivo del governo del 5,5%

PECHINO, 15 luglio (Reuters) – La crescita economica della Cina ha subito un forte rallentamento nel secondo trimestre, evidenziando il pesante tributo dei diffusi lockdown da Covid e indicando la continua pressione nei prossimi mesi a causa di prospettive globali cupe.

I dati deboli di venerdì si sono aggiunti ai timori di una recessione globale poiché i responsabili politici alzano i tassi di interesse per frenare l’aumento dell’inflazione, con le sfide della guerra in Ucraina e le interruzioni della catena di approvvigionamento che mettono a dura prova i consumatori e le imprese in tutto il mondo.

Il prodotto interno lordo è sceso dello 0,4% nel trimestre aprile-giugno rispetto all’anno precedente, secondo i dati ufficiali mostrati venerdì. Questo è il peggior risultato per la seconda economia più grande del mondo dall’inizio della serie di dati nel 1992, a parte una contrazione del 6,9% nel primo trimestre del 2020 a causa dello shock iniziale del Covid.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Ciò ha mancato la previsione di guadagno dell’1,0% in un sondaggio Reuters degli analisti e ha segnato un forte rallentamento dalla crescita del 4,8% nel primo trimestre.

Su base trimestrale, il PIL è sceso del 2,6% nel secondo trimestre rispetto al trimestre precedente, rispetto alle aspettative di un calo dell’1,5% nel trimestre precedente e di un aumento rivisto dell’1,4%.

READ  I passi falsi dell'FSB, l'eccessiva fiducia ha minato i piani di guerra della Russia in Ucraina

“L’economia cinese è sull’orlo della stagnazione, anche se il peggio del periodo maggio-giugno è passato. Si può escludere la possibilità di una recessione o di due trimestri consecutivi di contrazione”, ha affermato il capo economista Toru Nishihama. presso il Dai-ichi Life Research Institute, Tokyo.

“In termini di crescita contenuta, è probabile che il governo cinese implementi misure di stimolo economico per rilanciare la sua crescita lenta, ma la PBOC è più costretta a tagliare ulteriormente i tassi di interesse poiché l’inflazione, che attualmente è mantenuta relativamente bassa, è aumentata”.

A marzo e aprile sono stati imposti blocchi totali o parziali nei principali centri del paese, inclusa la capitale commerciale Shanghai, che ha visto il prodotto interno lordo ridursi del 13,7% su base annua nel secondo trimestre. La produzione nella capitale Pechino si è ridotta del 2,9% su base annua nello stesso trimestre.

Sebbene molte di queste barriere siano state eliminate ei dati di giugno abbiano fornito segnali di miglioramento, gli analisti non si aspettano una rapida ripresa economica. La Cina si attiene alla sua rigorosa politica zero-covid in mezzo a nuovi focolai, il mercato immobiliare del paese è in profondo declino e le prospettive globali si stanno oscurando.

I nuovi lockdown imposti in alcune città e l’arrivo della variante BA.5 altamente contagiosa hanno sollevato preoccupazioni tra imprese e consumatori per l’incertezza a lungo termine. leggi di più

Nella prima metà dell’anno il PIL è cresciuto del 2,5% rispetto all’anno precedente.

Oltre il raggiungimento dell’obiettivo per l’intero anno

La Cina sta aumentando il sostegno politico all’economia, anche se gli analisti affermano che l’obiettivo ufficiale di crescita del 5,5% di quest’anno sarà difficile da raggiungere senza abbandonare la sua rigorosa strategia zero-covid. Un sondaggio Reuters prevede che la crescita del 2022 rallenti al 4%. leggi di più

READ  Guarda il lancio del razzo SpaceX Falcon 9 nella sua 14a missione da record venerdì sera

Poiché la Federal Reserve statunitense e altre economie alzano in modo aggressivo i tassi di interesse per combattere l’aumento dell’inflazione, molti ritengono che lo spazio per un ulteriore allentamento della banca centrale possa essere limitato dalle preoccupazioni sui deflussi di capitali. leggi di più

Secondo gli analisti, l’aumento dell’inflazione al consumo in Cina, sebbene non così caldo come altre grandi economie, potrebbe aumentare gli ostacoli all’allentamento della politica monetaria.

“Riteniamo che i mercati siano eccessivamente ottimisti sulla crescita nel secondo semestre”, hanno affermato gli analisti di Nomura.

I dati sull’attività di giugno pubblicati venerdì hanno mostrato che la produzione industriale cinese è cresciuta del 3,9% a giugno, rispetto allo 0,7% di maggio.

Gli investimenti in attività fisse, uno dei fattori trainanti che Pechino prevede di stimolare la crescita, sono aumentati del 6,1% migliore del previsto nei primi sei mesi dell’anno, rispetto a un aumento del 6,2% in gennaio-maggio.

Anche le vendite al dettaglio sono migliorate dopo che le autorità hanno revocato un blocco di due mesi a Shanghai, aumentando del 3,1% a giugno rispetto a un anno fa e segnando la crescita più rapida in quattro mesi. Gli analisti si aspettavano una crescita stabile dopo un calo del 6,7% a maggio.

“La crescita al dettaglio indica che i blocchi sono stati un freno principale ai consumi”, ha affermato Jacob Cook, CEO di WPIC Marketing + Technologies a Pechino.

“I consumatori hanno ancora una certa incertezza sui blocchi, ma con i segnali che i blocchi futuri non saranno gravi, riteniamo che i consumi continueranno a riprendersi nel secondo semestre”.

Macina duro

Tuttavia, le sfide per i consumatori e le imprese abbondano.

READ  I futures azionari sono piatti per iniziare la settimana con dati chiave sull'inflazione e utili in vista

Le condizioni di lavoro sono rimaste precarie. Il tasso di disoccupazione basato su un’indagine nazionale si è attestato al 5,5% a giugno, rispetto al 5,9% di maggio, in linea con l’obiettivo del governo. Ma la disoccupazione giovanile è salita al 19,3% a giugno.

Una traballante ripresa nel settore immobiliare cinese affamato di capitali è ulteriormente messa sotto pressione da un numero crescente di acquirenti di case in tutto il paese, con gli sviluppatori che sospendono i pagamenti dei mutui fino a quando non ricostruiscono case pre-vendute, smorzando ulteriormente la fiducia degli acquirenti in una crisi del mercato.

I dati di venerdì hanno mostrato che la crescita dei prezzi delle case si è fermata su base mensile a giugno, mentre gli investimenti immobiliari si sono contratti per il quarto mese consecutivo e le vendite hanno esteso il loro calo fino a un ulteriore 18,3%. leggi di più

I responsabili politici si sono impegnati ad aiutare i governi locali a realizzare progetti immobiliari in tempo e hanno in programma di aumentare la spesa per le infrastrutture per rilanciare l’economia. Tuttavia, i venti contrari alla crescita suggeriscono una dura fatica da percorrere.

“Anche con un po’ di distorsioni delle cifre, è difficile vedere come si possa raggiungere l’obiettivo del governo di ‘circa il 5,5%’ di crescita quest’anno”, ha affermato Julian Evans-Pritchard, economista cinese senior presso Capital Economics.

“Ci vorrà una grande accelerazione nella seconda metà dell’anno, il che è improbabile”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Sri Navaratnam Montaggio di Kevin Yao, Stella Qi e Ellen Zhang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.