L’FBI ha preso 11 set di materiali classificati dalla casa di Trump Mar-a-Lago mentre indagava su possibili violazioni dell’Espionage Act

Il Ricevuta di proprietàanch’esso pubblicato venerdì, per la casa di Trump a Mar-a-Lago, e mostra che alcuni degli oggetti recuperati sono stati classificati come “Top Secret/SCI”, uno dei punteggi più alti.

Il mandato di perquisizione identifica tre reati federali che il Dipartimento di Giustizia sta prendendo in considerazione come parte delle sue indagini: violazioni dell’Espionage Act, ostruzione alla giustizia e gestione criminale dei registri del governo. L’inclusione dei crimini indica che il Dipartimento di Giustizia aveva probabili motivi per indagare su quei crimini perché stava raccogliendo prove nella ricerca. Nessuno è stato accusato di un reato in questo momento.

I documenti del tribunale hanno mostrato che gli agenti hanno anche preso quattro serie di documenti “segreti”, tre serie di documenti “segreti” e tre serie di documenti “segreti”. In totale, il mandato non sigillato mostra che l’FBI ha raccolto più di 20 scatole, oltre a cartelle di foto, raccolte di materiali governativi riservati e almeno una nota scritta a mano.

La nota, che è stata aperta e rilasciata pubblicamente su ordine di un giudice federale, è stata ottenuta dalla CNN prima della sua pubblicazione. Questo momento segna una settimana senza precedenti iniziata con la ricerca, un passo per raccogliere prove in un’indagine sulla sicurezza nazionale.

Un mandato di perquisizione rivela nuovi dettagli sulla portata delle indagini dell’FBI

Mentre i dettagli sui documenti stessi rimangono scarsi, le leggi citate nella nota offrono nuove informazioni su ciò che l’FBI stava cercando quando ha perquisito la casa di Trump, una mossa senza precedenti che ha suscitato una tempesta di critiche da parte dei più stretti alleati dell’ex presidente.

READ  L'ultima guerra tra Russia e Ucraina: cosa sappiamo nel 190° giorno dell'invasione | Ucraina

Le leggi includono “la distruzione o l’occultamento di documenti per ostacolare le indagini del governo” e la cancellazione illegale dei documenti del governo, secondo un mandato di perquisizione emesso venerdì.

È inclusa anche una legge nota come Spionage Act, che si riferisce al “recupero, archiviazione o trasmissione di informazioni sulla difesa nazionale o materiali classificati”.

Tutte e tre le leggi penali menzionate nel memorandum sono tratte dal Titolo 18 del Codice degli Stati Uniti. Nessuno di essi dipende esclusivamente dal fatto che le informazioni siano considerate non riservate.

Tra gli oggetti meno sensibili presi dal resort di Trump, secondo la ricevuta della proprietà, c’era un documento sulla grazia di Roger Stone, un fedele alleato di Trump che lo era anche. Condannato nel 2019 mentendo al Congresso durante la sua indagine sull’interferenza russa nelle elezioni del 2016 (Trump ha graziato Stone prima di lasciare l’incarico, pietra schermante Da Tre anni di reclusione.)

Non è chiaro come il documento relativo alla pietra sequestrato durante le indagini si riferisca alla più ampia indagine penale sulla possibile cattiva gestione da parte di Trump di materiali classificati.

Durante la perquisizione, gli agenti dell’FBI hanno anche recuperato oggetti appartenenti al “Presidente della Francia”, secondo la ricezione del mandato di cattura. Venerdì, l’ambasciata francese a Washington ha rifiutato di rispondere agli sviluppi.

Gli agenti dell’FBI hanno perquisito “Office 45” a Mar-a-Lago

I documenti del tribunale rilasciati venerdì forniscono anche nuovi dettagli sulla ricerca stessa e rivelano che gli agenti dell’FBI potevano accedere solo a luoghi specifici all’interno di Mar-a-Lago mentre perlustravano la residenza del resort di Trump per possibili prove di crimini.

READ  Il presidente Gotabaya Rajapaksa lascia le Maldive per Singapore dopo essere fuggito dalla crisi in Sri Lanka

Il giudice ha permesso all’FBI di perquisire quelli che l’ufficio ha chiamato “45 uffici”, un apparente riferimento al posto di Trump nella storia come 45° presidente. Gli agenti potevano anche perquisire “tutte le stanze o altre aree” a Mar-a-Lago che erano a disposizione di Trump e del suo staff per conservare scatole e documenti.

Linee principali del mandato di perquisizione e consegna della casa di Trump in Florida

“I luoghi da perquisire comprendono l’Ufficio 45 e tutti i locali di deposito e tutti gli altri locali o aree all’interno dei locali utilizzati o messi a disposizione per l’uso da FPOTUS e dai suoi dipendenti in cui possono essere conservati scatole o documenti, comprese tutte le strutture o edifici della tenuta ”, si legge nella nota. , utilizzava l’acronimo “FPOTUS” per riferirsi all’ex presidente degli Stati Uniti.

Una richiesta di mandato dell’FBI al giudice affermava specificamente che gli agenti federali avrebbero evitato le aree affittate o utilizzate da terzi, “come i membri di Mar-a-Lago” e le “suite per gli ospiti privati”. Trump possiede la vasta proprietà, che è la sua residenza principale, nonché un club e resort per soli membri.

“È descritto come un palazzo con circa 58 camere da letto, 33 bagni, su 17 acri”, hanno detto gli agenti dell’FBI al giudice nella loro domanda, descrivendo la proprietà di Mar-a-Lago.

Trump non si è opposto al rilascio del mandato di perquisizione

La perquisizione dell’FBI nel resort di Palm Beach, in Florida, lunedì è stata seguita da giorni di silenzio da parte del Dipartimento di Giustizia, come è consuetudine dal dipartimento per le indagini in corso.

Quindi il procuratore generale Merrick Garland ha annunciato giovedì che il dipartimento si era mosso per revocare il sigillo del mandato di perquisizione e due allegati, incluso l’inventario, ma ha anche sottolineato che parte del lavoro del dipartimento deve svolgersi al di fuori della vista del pubblico.

READ  Come il dramma politico in Italia ha forzato le elezioni

“Lo facciamo per proteggere i diritti costituzionali di tutti gli americani e per proteggere l’integrità delle nostre indagini”, ha detto Garland, chiarendo che non avrebbe fornito ulteriori dettagli sulla base della ricerca.

L'FBI sta indagando sul & # 39 ;  senza precedenti & # 39;  Numerose minacce contro l'ufficio sulla scia della ricerca Mar-a-Lago

In un post a tarda notte sul suo Truth Social Thursday, Trump ha detto che “non si sarebbe opposto al rilascio dei documenti” e stava “facendo un passo avanti incoraggiando il rilascio immediato di quei documenti”.

La corte aveva incaricato il Dipartimento di Giustizia di consultarsi con Trump sulla sua richiesta di rilasciare i documenti del mandato d’arresto e di fissare un termine di venerdì per riferire se si oppone al loro rilascio.

Il team di Trump ha contattato avvocati esterni su come procedere ed è rimasto sorpreso dall’annuncio di Garland dell’orbita dell’ex presidente.

In due post su Truth Social dopo la dichiarazione di Garland, Trump ha continuato ad affermare che i suoi avvocati stavano “collaborando pienamente” e che avevano sviluppato “ottime relazioni” con gli investigatori federali prima della ricerca di lunedì a Mar-a-Lago.

“Il governo avrebbe potuto ottenere ciò che voleva, se l’avessimo avuto”, ha detto Trump. “Tutto andava bene, meglio della maggior parte dei presidenti precedenti, e poi, dal nulla e senza preavviso, Mar-a-Lago, alle 6:30 del mattino, è stata perquisita da troppi clienti e persino da ‘cabin crackers’. “.” “

Questa storia e il titolo sono stati aggiornati con ulteriori sviluppi.

Kevin Liptak della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.