L’India rende obbligatorio il test covid negativo per cinque paesi | Notizie sulla pandemia di coronavirus

I viaggiatori che arrivano da paesi, inclusa la Cina, dovranno mostrare un test COVID-19 negativo per entrare nel paese.

Il ministro federale della sanità ha affermato che l’India ha pubblicato un rapporto sul test COVID-19 negativo per i viaggiatori in arrivo da Cina, Giappone, Corea del Sud, Hong Kong e Thailandia.

I passeggeri provenienti da questi paesi saranno messi in quarantena se mostrano sintomi di COVID-19 o risultano positivi al virus, ha dichiarato sabato su Twitter il ministro della Sanità Mansukh Mandavia, pubblicando le immagini dei test effettuati all’aeroporto internazionale della capitale, Nuova Delhi.

L’India – che finora ha riportato il secondo numero più alto di casi confermati di COVID-19 al mondo, con 44 milioni, dietro gli Stati Uniti – anche sabato ha iniziato a testare in modo casuale il 2% dei passeggeri internazionali in arrivo nei suoi aeroporti per COVID-19 19.

Mandavia ha notato un aumento dei casi nella vicina Cina a causa delle nuove regole, ha detto giovedì al parlamento.

Finora in India sono stati trovati solo pochi casi di BF.7, il sottofattore Omicron che sta guidando l’attuale boom in Cina, secondo quanto riferito dai media locali.

Il ministro ha esortato i governi statali ad aumentare la sorveglianza per eventuali nuove varianti di coronavirus e a inviare campioni di tutti i casi positivi ai laboratori di sequenziamento del genoma.

L’India ha allentato le sue regole sull’uso della maschera all’inizio di quest’anno dopo che il numero di casi ha iniziato a diminuire. Secondo i dati del Ministero della Salute, l’India ha attualmente circa 3.400 casi di coronavirus.

I casi sono aumentati vertiginosamente in Cina da quando questo mese ha allentato la sua rigida politica sul coronavirus sulla scia di rare proteste pubbliche. In base alla controversa politica, le autorità metterebbero in blocco interi paesi e città se segnalassero solo pochi casi.

READ  Account Twitter del Congresso vietato, dice il tribunale, violazioni del copyright

Mandaviya ha affermato che il governo indiano non ha ancora in programma di interrompere i voli dai paesi in cui sono stati segnalati nuovi casi.

Giovedì, anche il principale ente medico indiano, l’Indian Medical Association, ha fatto appello alle persone affinché indossino mascherine in pubblico e ricevano le vaccinazioni di richiamo. Ha anche esortato le persone a evitare incontri pubblici come matrimoni, incontri politici e sociali e viaggi internazionali.

L’India, con una popolazione di 1,4 miliardi, ha somministrato più di 2,2 miliardi di dosi di vaccino, ma solo il 27 per cento della popolazione ha ricevuto la terza dose di richiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.