L’insegnante russo ha respinto la propaganda del Cremlino, poi ne ha pagato il prezzo

LONDRA (Reuters) – Giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, Andrei Shestakov ha aperto un gruppo di file in una chat di gruppo WhatsApp per educatori di storia come lui nella sua città della Russia orientale.

I file – esaminati da Reuters e contengono dozzine di pagine di documenti e presentazioni, nonché collegamenti a video – sono istruzioni su come insegnare agli scolari adolescenti il ​​conflitto. Non è chiaro chi abbia condiviso i file nella chat di gruppo, ma diversi documenti riportano il logo del Ministero dell’Istruzione di Mosca.

Il materiale include guide alle lezioni che affermano che i soldati russi che combattevano in Ucraina erano eroi, che i governanti dell’Ucraina fecero causa comune con le persone che collaborarono con i nazisti nella seconda guerra mondiale, che l’Occidente stava cercando di seminare discordia nella società russa e che il I russi dovrebbero stare insieme.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Shestakov ha detto di aver sfogliato i file durante una delle sue lezioni. Il 38enne snello ha detto che prima di diventare insegnante a gennaio, ha trascorso 16 anni come agente di polizia. Ma ha detto di aver avuto crescenti dubbi negli ultimi anni sul fatto che i governanti russi siano all’altezza dei loro valori professati sulla democrazia, influenzati in parte dall’eminente critico del Cremlino Alexei Navalny.

Decise di non insegnare le unità ai suoi alunni al Ginnasio n. 2 dove lavorò a Neryungri, una città mineraria nella Siberia orientale, a circa 6.700 chilometri (4.160 miglia) a est di Mosca.

Invece, Shestakov ha detto ai suoi studenti il ​​contenuto del manuale di insegnamento e perché erano storicamente imprecisi, ha detto a Reuters. Ad esempio, ha affermato di aver chiarito che il materiale che affermava che l’Ucraina era un’invenzione della Russia comunista bolscevica, ma che i libri di testo di storia discutevano della storia ucraina che risale a secoli fa.

È andato oltre. Il 1 marzo, durante una lezione di educazione civica, ha detto agli studenti che non avrebbe consigliato loro di prestare servizio nell’esercito russo, che si opponeva alla guerra contro l’Ucraina e che i leader russi avevano dimostrato elementi di fascismo anche se dicevano che stavano combattendo il fascismo in Ucraina, secondo una dichiarazione firmata presa dalla polizia e vista da It is Reuters.

Nei giorni successivi, Shestakov è stato convocato per essere interrogato dalla polizia locale e dal Servizio di sicurezza federale, noto come FSB, secondo la dichiarazione firmata il 5 marzo sui commenti della classe. Ha detto che nessuna accusa era stata mossa contro di lui in relazione a questi commenti. L’FSB e la polizia locale non hanno risposto alle richieste di commento.

Un tribunale ha inflitto una multa di 35.000 rubli (circa 420 dollari) il 18 marzo per aver diffamato le forze armate russe dopo aver ripubblicato online i video delle interviste ai soldati russi catturati in Ucraina, secondo una sentenza del tribunale vista da Reuters.

Ha detto a Reuters che ha lasciato il lavoro il mese scorso perché credeva che sarebbe stato comunque licenziato a causa della sua pubblica opposizione alla guerra. L’autorità educativa locale e il Ministero dell’Istruzione non hanno risposto alle richieste di commento su Shestakov e sulla guida didattica. Quando la Reuters ha raggiunto la scuola al telefono, una donna che si è identificata come la preside della scuola ha detto di aver rifiutato di commentare il caso di Shestakov e ha interrotto la chiamata.

READ  Il segretario di Stato americano Anthony Blinken compie un viaggio senza preavviso in Ucraina

Gli insegnanti di tutta la Russia hanno ricevuto guide didattiche uguali o simili, secondo i funzionari sindacali degli insegnanti, altri due insegnanti e post sui social media di due scuole in cui si affermava che insegnavano le unità.

Olga Miriasova, un funzionario di un sindacato chiamato Teacher, ha affermato che le autorità educative regionali hanno distribuito il manuale di insegnamento che Shestakov ha ricevuto a diverse scuole in tutto il paese. Reuters non è stata in grado di determinare in modo indipendente quante scuole hanno ricevuto le unità. Uno degli insegnanti ha affermato di aver ricevuto un pacchetto didattico diverso da quello ricevuto da Shestakov, sebbene contenga contenuti simili.

L’iniziativa mostra come lo stato russo – che sta intensificando la sua presa sui media mainstream – stia ora espandendo i suoi sforzi di propaganda intorno alla guerra in Ucraina nelle scuole mentre il Cremlino cerca di ottenere sostegno. Dall’inizio della guerra, molte scuole russe hanno pubblicato sui social media immagini in cui gli alunni inviano messaggi di sostegno alle forze che combattono in Ucraina e si mettono in formazione per illustrare la lettera “Z”, simbolo di sostegno alla guerra in Russia.

Gli educatori che non sono d’accordo con la guerra si stanno ora unendo ai ranghi degli attivisti dell’opposizione, degli attivisti delle ONG e dei giornalisti indipendenti nel sentire la pressione dello stato russo, con multe, processi e possibile perdita del lavoro. Il presidente Vladimir Putin all’inizio di marzo ha firmato una legge che rende la diffusione di informazioni “false” sulle forze armate russe un crimine punibile con multe o fino a 15 anni di carcere.

Anche prima dell’invasione, il Cremlino stava reprimendo i suoi oppositori usando una combinazione di arresti, censura di Internet e liste nere.

Il Cremlino non ha risposto alle richieste di commento sulla gestione dell’opposizione alla guerra, del consulente educativo e del caso Shestakov.

Il ministro dell’Istruzione russo Sergei Kravtsov ha dichiarato a una commissione parlamentare a marzo che il suo ministero aveva lanciato una campagna a livello nazionale per discutere le relazioni russo-ucraine con gli alunni, tra le domande dei bambini sulla situazione in Ucraina e le sanzioni.

Il Cremlino ha affermato che sta attuando leggi per contrastare l’estremismo e le minacce alla stabilità. Dice che sta effettuando quella che definisce un'”operazione speciale” per distruggere le capacità militari del suo vicino meridionale e “screditare” l’Ucraina e prevenire il genocidio contro le persone di lingua russa, specialmente nell’est del paese. Kiev ei suoi alleati occidentali hanno respinto questo come una scusa infondata per la guerra e hanno accusato le forze russe di aver ucciso civili.

READ  La Casa Bianca: il Gruppo dei Sette annuncerà la messa al bando dell'oro russo in risposta alla guerra in Ucraina

Guerra ibrida occidentale

Il manuale didattico ottenuto da Shestakov dice che è destinato ad alunni dai 14 ai 18 anni. Consiste in piani dettagliati delle lezioni per gli insegnanti, collegamenti a video dei discorsi del presidente Putin e cortometraggi per illustrare le lezioni.

Secondo il materiale didattico, l’Occidente sta conducendo una guerra dell’informazione per cercare di rivoltare l’opinione pubblica contro i governanti della Russia, e tutto il popolo russo deve opporsi fermamente a questo.

Un piano di lezione mostra che la Russia ha combattuto una guerra culturale contro l’Occidente che ha distrutto la “tradizionale istituzione familiare” e ora sta cercando di imporre i suoi valori alla Russia.

Dice che dal crollo dell’Unione Sovietica, l’Ucraina ha perseguito una politica anti-russa. “Ci sono stati attacchi alla lingua russa, la nostra storia comune è stata forgiata e criminali di guerra e gruppi criminali della seconda guerra mondiale si sono trasformati in eroi”, si legge nel documento, che fa riferimento ai nazionalisti ucraini che si allearono con la Germania durante quella guerra.

Un’altra lezione è che l’Occidente sta dispiegando la “guerra ibrida” – una combinazione di propaganda, sanzioni economiche e pressione militare – per cercare di sconfiggere la Russia fomentando il conflitto interno. “Proprio per questo motivo ci stanno esortando a partecipare a manifestazioni non autorizzate, esortandoci a infrangere la legge e cercare di intimidirci”, si legge nel comunicato.

“Non dobbiamo cedere alla provocazione”, afferma il documento.

Le unità includono un gioco in cui gli studenti hanno 15 secondi per decidere se un’affermazione è vera o falsa. “Organizzare proteste, provocazioni da parte delle autorità e assemblee è un modo efficace per risolvere un conflitto misto”, si legge in una delle due dichiarazioni. Secondo la guida alla lezione, la risposta corretta è “falso”.

La Reuters ha trovato post sui social media da una scuola a Samara, sul Volga, e da una scuola a Minusinsk, nella Siberia meridionale, che mostravano diapositive delle stesse presentazioni utilizzate.

Daniil Plotnikov, un insegnante di matematica a Chelyabinsk, negli Urali, ha detto a Reuters che i suoi superiori gli avevano chiesto di insegnare contenuti simili ma con un pacchetto didattico diverso da quello di Shestakov. Plotnikov non ha specificato chi fossero i capi. Tatiana Chernenko, un’insegnante di matematica a Mosca, ha detto che i suoi compagni di classe in altre scuole le hanno detto che gli era stato chiesto di insegnare unità simili, ma non nella sua scuola.

Gli insegnanti con cui Reuters hanno parlato ha affermato che alcuni distretti e scuole hanno spinto le lezioni più di altri. Nessuno dei cinque insegnanti ha affermato di aver sentito parlare di casi in cui gli insegnanti erano stati esplicitamente istruiti a insegnare le unità. Hanno detto che di solito è inquadrato come una richiesta o una raccomandazione da una scuola o dalle autorità educative regionali.

Alcuni si sono rifiutati e non hanno subito conseguenze, ha affermato Daniel Keane, presidente di un sindacato indipendente di insegnanti chiamato Teachers Alliance. Kane ha detto che altri non hanno insegnato le lezioni, ma hanno detto ai superiori che lo facevano. Il rifiuto è un rischio, ha aggiunto, poiché gli insegnanti non sanno se i loro presidi faranno pressioni su di loro affinché si dimettano.

READ  L'inflazione nel Regno Unito raggiunge il 10% mentre la crisi del costo della vita accelera

Kane ha detto che il suo sindacato ha sentito circa una mezza dozzina di insegnanti alla settimana che dicevano che si sarebbero licenziati perché non volevano promuovere la linea del Cremlino, cosa che la Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente.

risveglio politico

Shestakov porta i capelli corti e pratica il sambo, un’arte marziale sviluppata nell’esercito sovietico. Ha detto che la sua carriera di polizia includeva un anno nelle forze speciali del ministero dell’Interno, un braccio delle forze dell’ordine i cui ufficiali stanno ora combattendo in Ucraina. Il ministero dell’Interno non ha risposto a una richiesta di commento.

Nel 2018, quando era un funzionario della comunità che lavorava con i delinquenti minorili, ha avuto un risveglio politico, secondo Shestakov. Ha detto di aver iniziato a guardare i video pubblicati da Navalny, la figura dell’opposizione ora imprigionata in una prigione russa, in cui si accusava la corruzione dei leader del Cremlino. Leggi di più

“Sei diventato un vero dissidente”, ha detto Shestakov.

Ha detto che quando è iniziata la guerra in Ucraina, è stato disturbato dalle immagini delle vittime e ha trascorso ore a guardare i video dei combattimenti sui social media.

Sotto uno pseudonimo, ha ripubblicato video di interviste con soldati russi catturati in Ucraina nella sezione commenti di un media locale con circa 5.200 abbonati, secondo Shestakov e una sentenza del tribunale del 18 marzo vista da Reuters.

La corte ha affermato che le sue azioni costituiscono una violazione di una legge che vieta la diffamazione delle forze armate russe.

Shestakov ha detto di sospettare che l’FSB nelle ultime settimane avesse origliato le sue conversazioni telefoniche, sebbene non avesse prove di ciò. Ha anche detto di aver visto persone che riconosce come ufficiali dell’FSB sotto copertura tre volte negli ultimi giorni. L’FSB non ha risposto alle richieste di commento sul fatto che lo stesse monitorando.

Ora, Shestakov ha intenzione di lasciare la Russia perché dice di temere ulteriori sanzioni contro le autorità. Si unirà a decine di migliaia di oppositori del Cremlino che sono anch’essi fuggiti dal Paese da quando Putin ha iniziato a reprimere il dissenso nel 2018.

Ha detto che intende andare in Turchia, a meno che le autorità non gli impediscano di lasciare il Paese.

Shestakov ha detto che rimanere e abbandonare la sua opposizione pubblica alla guerra non era un’opzione per lui. “Sarebbe difficile per me tenere la bocca chiusa”, ha detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Christian Lowe e Brian Lowe Castle

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.