L’Ucraina afferma che decine di migliaia di persone sono state uccise a Mariupol e accusa la Russia di abusi

Kiev (Reuters) – L’Ucraina ha dichiarato lunedì che decine di migliaia di persone sono state probabilmente uccise nell’attacco russo alla città sudorientale di Mariupol, mentre il suo difensore civico per i diritti umani ha accusato le forze russe nell’area di torture ed esecuzioni.

La Reuters ha confermato la devastazione diffusa a Mariupol, ma non è stata in grado di verificare i presunti crimini o stimare le morti nella città strategica, che si trova tra la penisola di Crimea annessa alla Russia e le aree dell’Ucraina orientale controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia.

“Mariupol è stato distrutto, ci sono decine di migliaia di morti, ma nonostante ciò i russi non hanno fermato la loro offensiva”, ha detto il presidente Volodymyr Zelensky in un video discorso ai legislatori sudcoreani.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Se confermato, sarebbe il più grande numero di vittime riportato fino ad oggi in un luogo in Ucraina, dove città, paesi e villaggi sono stati bombardati senza sosta e cadaveri, compresi i civili, sono stati visti nelle strade.

Più di 5.000 persone sono state uccise a Mariupol, ha detto lunedì all’agenzia di stampa russa RIA Denis Pushlin, presidente dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk. Ha detto che le forze ucraine sono responsabili.

Il numero di persone che lasciano la città è diminuito perché le forze russe hanno rallentato i controlli prima della partenza, ha detto lunedì Petro Andryushenko, assistente sindaco di Mariupol al servizio di messaggistica di Telegram.

Ha detto che circa 10.000 persone sono in attesa di essere esaminate dalle forze russe. La Russia non consente al personale militare di partire con gli sfollati. Nessun commento immediato da parte di Mosca, che in precedenza ha accusato l’Ucraina di impedire le evacuazioni.

READ  La Chiesa di Gesù Cristo sta donando 32 milioni di dollari alla crisi alimentare, il suo più grande contributo umanitario di sempre

Citando i dati dell’amministrazione comunale di Mariupol, il difensore civico ucraino per i diritti umani Lyudmila Denisova ha affermato che 33.000 residenti di Mariupol sono stati deportati in Russia o nelle terre controllate dai separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale. La Russia ha detto domenica di aver “evacuato” 723.000 persone dall’Ucraina da quando ha iniziato quella che ha definito la sua “operazione speciale”. Mosca nega di aver attaccato i civili.

Membri delle forze filo-russe ispezionano le strade durante il conflitto Ucraina-Russia nella città portuale meridionale di Mariupol, Ucraina, 7 aprile 2022. REUTERS/Alexander Ermoshenko/file Foto

“Testimoni hanno riferito che le forze della Guardia nazionale russa e le unità (cecene) kadyrovite stanno effettuando arresti illegali, torturando e giustiziando detenuti per qualsiasi posizione filo-ucraina” a Mariupol, ha detto Denisova in un post su Telegram.

Il governo russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sulle accuse di tortura.

Anton Gerashchenko, un consigliere del ministero dell’Interno ucraino, ha dichiarato lunedì in un’intervista televisiva che gli ucraini “deportati” erano detenuti in sanatori sorvegliati e campi di villeggiatura.

“Queste persone non possono muoversi liberamente o accedere liberamente alle piattaforme di comunicazione per contattare i loro parenti in Ucraina”, ha detto, senza citare prove dirette.

Il vice primo ministro ucraino Irina Vereshuk ha detto a Reuters che il numero di posti di blocco lungo il corridoio controllato dalla Russia tra Mariupol e la città ucraina di Zaporizhia è aumentato da tre a 15.

Vereshuk ha detto su Telegram che Mariupol era tra i nove corridoi umanitari concordati dalla Russia lunedì per evacuare le persone dalle regioni orientali assediate, ma che il suo corridoio è riservato alle auto private.

Ha detto che non era possibile concordare la fornitura di autobus.

L’Ucraina afferma che le forze russe si stanno mobilitando per lanciare una nuova offensiva nelle regioni orientali, inclusa Mariupol, dove le persone sono rimaste senza acqua, cibo ed energia per settimane. Leggi di più

Segnalazioni aggiuntive di Max Hunder ed Elizabeth Piper. scrittura di Conor Humphreys; Montaggio di Philippa Fletcher, William MacLean e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.