L’Ucraina afferma che la Russia ha lanciato bombe al fosforo su Snake Island | Notizia

I caccia russi Su-30 hanno effettuato due sortite su Snake Island e hanno sganciato bombe al fosforo il giorno dopo che la “buona volontà” era svanita.

L’esercito ucraino ha accusato la Russia di aver compiuto attacchi usando munizioni incendiarie al fosforo sull’isola dei serpenti, appena un giorno dopo che Mosca ha ritirato le sue forze dallo sperone roccioso nel Mar Nero.

Valery Zaloghny, comandante in capo dell’esercito ucraino, ha dichiarato venerdì su Telegram che due sortite di caccia russi Su-30 hanno lanciato bombe al fosforo lanciate sull’isola dalla Crimea controllata dalla Russia.

“Oggi intorno alle 18:00 … gli aerei Su-30 dell’aeronautica russa hanno condotto due volte attacchi con bombe al fosforo sull’isola di Zmenyi”, ha detto l’esercito ucraino in una nota, usando un altro nome per Snake Island.

Il ministero della Difesa russo ha descritto il suo ritiro dall’isola giovedì come un “gesto di buona volontà” inteso a dimostrare che Mosca non interferirà con gli sforzi delle Nazioni Unite per regolare le esportazioni di grano protetto dai porti ucraini sul Mar Nero.

Venerdì l’esercito ucraino ha accusato la Russia di non essere in grado di “rispettare nemmeno le loro dichiarazioni”.

Le riprese video che accompagnano la dichiarazione ucraina hanno mostrato un aereo che ha sganciato munizioni almeno due volte sull’isola e quelle che sembravano essere delle linee bianche che si innalzavano sopra di essa.

Le armi al fosforo, che lasciano un segno bianco distintivo nel cielo, sono armi incendiarie di cui è vietato l’uso contro i civili da accordi internazionali ma consentite per scopi militari.

READ  La Russia non deve essere umiliata nonostante l'errore "storico" di Putin

L’Ucraina ha accusato la Russia di aver usato bombe al fosforo diverse volte dalla sua invasione alla fine di febbraio, anche su aree civili, accuse che Mosca ha negato.

L’Ucraina ha affermato che l’esercito russo è stato costretto a ritirarsi dall’isola dopo essere stato sottoposto a uno sbarramento di artiglieria e missili.

Snake Island si trova al largo della costa ucraina, a circa 35 chilometri (22 miglia) dal delta del Danubio, ed era già una zona militare ristretta come posto di frontiera ucraino prima dell’inizio della guerra.

Immagine satellitare che mostra una panoramica di Snake Island, in Ucraina, il 12 maggio 2022 [Maxar Technologies/Handout via Reuters]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.