L’Ucraina afferma che la Russia rilascia 215 ucraini trattenuti dopo la battaglia di Mariupol

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – La Russia ha rilasciato 215 ucraini catturati dopo una lunga battaglia per la città portuale di Mariupol all’inizio di quest’anno, inclusi alti dirigenti militari, ha detto mercoledì un alto funzionario a Kiev.

Tra i prigionieri rilasciati c’erano il comandante e il vice comandante del battaglione Azov, che ha fatto la maggior parte dei combattimenti, ha detto Andrei Yermak, capo di stato maggiore del presidente Volodymyr Zelensky.

La mossa è inaspettata, poiché i separatisti sostenuti dalla Russia hanno affermato il mese scorso che ci sarebbe stato un processo contro i dipendenti Azov, che Mosca chiama nazisti. L’Ucraina nega l’accusa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Yermak ha dichiarato in una dichiarazione che tra i prigionieri rilasciati c’erano il comandante dell’Azov, il tenente colonnello Denis Prokopenko e il suo vice, Svyatoslav Palamar.

Rilasciato anche Serhiy Volynsky, comandante della 36a brigata marina delle forze armate ucraine.

I tre uomini avevano aiutato a condurre una resistenza di una settimana dai bunker e dai tunnel sotto le gigantesche acciaierie di Mariupol prima che loro e centinaia di combattenti Azov si arresero a maggio alle forze sostenute dalla Russia.

READ  La Casa Bianca: il Gruppo dei Sette annuncerà la messa al bando dell'oro russo in risposta alla guerra in Ucraina

In cambio, ha detto Yermak, Kiev ha rilasciato 55 prigionieri russi e Viktor Medvedchuk, un leader del partito filo-russo bandito che stava affrontando accuse di tradimento.

La stazione pubblica Susplain ha detto che lo scambio è avvenuto vicino alla città di Chernihiv, nel nord dell’Ucraina.

Oggi, l’Arabia Saudita ha affermato che la Russia ha rilasciato 10 prigionieri di guerra stranieri catturati in Ucraina dopo la mediazione del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman. Leggi di più

Il mese scorso, il capo dell’amministrazione separatista sostenuta dalla Russia nella regione orientale di Donetsk, in Ucraina, ha affermato che il processo contro il personale Azov catturato si sarebbe svolto entro la fine dell’estate. Leggi di più

L’unità Azov, formata nel 2014 come milizia per combattere i separatisti sostenuti dalla Russia, nega di essere fascista e l’Ucraina afferma di essere stata riformata dalle sue origini nazionaliste radicali.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di David Younggreen) Montaggio di Alistair Bell e Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.