L’Ucraina avverte di ulteriori attacchi russi alle infrastrutture energetiche

  • La Russia potrebbe prepararsi per ulteriori attacchi alle infrastrutture energetiche – Zelensky
  • 4,5 milioni di ucraini senza elettricità con l’arrivo dell’inverno
  • L’assistente di Biden ha tenuto colloqui con alti funzionari russi
  • Rapporto: gli Stati Uniti esortano l’Ucraina ad aprire ai colloqui con la Russia

Kiev/WASHINGTON (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avvertito domenica di ulteriori possibili attacchi russi alle infrastrutture energetiche del suo paese, mentre i funzionari hanno esortato i residenti nella capitale, Kiev, a prendere in considerazione l’idea di fare piani per andarsene poiché gli scioperi in corso minacciano le forniture di elettricità.

Nel suo consueto discorso serale, Zelensky ha affermato che la Russia sta “concentrando forze e mezzi per replicare possibili attacchi di massa alle nostre infrastrutture. Prima di tutto, l’energia”.

Più di 4,5 milioni di consumatori sono senza elettricità, ha affermato Zelensky, tra i timori che il sostegno alla causa ucraina possa svanire mentre gli effetti della guerra sui prezzi dell’energia e dei generi alimentari continuano fino all’inverno.

Il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan, che si è recato a Kiev venerdì e ha promesso il sostegno “incrollabile e incrollabile” di Washington all’Ucraina, ha tenuto colloqui senza preavviso con funzionari russi volti a evitare un’ulteriore escalation, ha riportato domenica il Wall Street Journal.

La notizia di questi contatti è emersa dopo un rapporto secondo cui Washington stava esortando Kiev a indicare la sua apertura ai colloqui con la Russia.

Il consigliere presidenziale Mikhailo Podolak in precedenza ha affermato su Twitter che l’Ucraina si “alzerebbe in piedi” nonostante gli attacchi russi alle sue infrastrutture energetiche, aggiungendo che ciò sarebbe stato fatto con la difesa aerea, la protezione delle infrastrutture e il miglioramento dei consumi.

READ  Contenzioso tra Arabia Saudita e Stati Uniti sul motivo del taglio del petrolio OPEC+

Sergei Kovalenko, CEO di YASNO, uno dei principali fornitori di energia della capitale, ha dichiarato sulla sua pagina Facebook che lunedì il paese ha dovuto affrontare un calo del 32% nella fornitura di energia prevista.

Gli avvertimenti sono seguiti ai commenti del sindaco di Kiev Vitali Klitschko che esortava i residenti a “pensare a tutto”, incluso lo scenario peggiore in cui la capitale perde elettricità e acqua.

Ha detto in un’intervista televisiva che i residenti dovrebbero considerare di stare con amici o familiari fuori città.

Nel sud, Russia e Ucraina hanno continuato a scambiarsi richieste mentre i progressi ucraini continuavano nella città meridionale di Kherson. La Reuters non è stata immediatamente in grado di verificare i resoconti del campo di battaglia da nessuna delle due parti.

Yaroslav Yanushevich, governatore della regione di Kherson, ha affermato che le forze russe hanno distrutto circa 1,5 chilometri di linee elettriche, tagliando l’elettricità alla città di Pereslav.

“È probabile che non ci sarà elettricità a Pereslav fino a quando non sarà completamente liberata dall’occupazione”, ha scritto Janusevich sull’app di messaggistica di Telegram, aggiungendo che anche le linee elettriche che portano a Kherson sono state distrutte.

Le agenzie di stampa russe hanno riferito, domenica, che la vasta diga ucraina Nova Kakhovka controllata dalla Russia, alla sorgente di Kherson sul fiume Dnipro, è stata danneggiata dai bombardamenti delle forze ucraine. I rapporti non hanno fornito alcuna prova a sostegno dell’affermazione, che Reuters non ha potuto verificare immediatamente.

La TASS, di proprietà statale russa, ha citato un rappresentante dei servizi di emergenza per aver affermato che un missile lanciato dal sistema missilistico Hemars di fabbricazione statunitense ha colpito e danneggiato la chiusa della diga. Il giornale ha citato il funzionario dicendo che si trattava di un “tentativo di creare le condizioni per un disastro umanitario” facendo breccia nella diga.

READ  L'Ucraina porta in cielo un esercito di 472 droni contemporaneamente

Diplomazia

Gli avvertimenti sono arrivati ​​quando il Wall Street Journal ha riferito che Sullivan aveva tenuto colloqui segreti negli ultimi mesi con l’aiutante del Cremlino Yuri Ushakov e il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev che non sono stati divulgati pubblicamente.

Pochi contatti ad alto livello tra funzionari statunitensi e russi sono stati annunciati negli ultimi mesi poiché Washington ha insistito sul fatto che eventuali colloqui sulla fine della guerra in Ucraina abbiano luogo tra Mosca e Kiev.

La Casa Bianca ha rifiutato di commentare il rapporto, rispondendo alle domande sulla vicenda solo con una dichiarazione attribuita al portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Adrian Watson: “La gente chiede molte cose”.

Sabato, il Washington Post ha riferito che l’amministrazione Biden sta incoraggiando in particolare l’Ucraina ad esprimere un’apertura ai negoziati con la Russia, con il Dipartimento di Stato che afferma che Mosca sta intensificando la guerra e non è seriamente interessata a impegnarsi in colloqui di pace.

Il quotidiano ha citato fonti anonime che affermavano che la richiesta dei funzionari statunitensi non era intesa a portare l’Ucraina al tavolo dei negoziati, ma piuttosto un tentativo calcolato di garantire che Kiev mantenga il sostegno di altri paesi.

Funzionari statunitensi e ucraini riconoscono che il divieto di colloqui del presidente ucraino Volodymyr Zelensky con il presidente russo Vladimir Putin ha sollevato preoccupazioni in alcune parti dell’Europa, dell’Africa e dell’America Latina, dove gli effetti della guerra sui costi di cibo e carburante stanno diventando più acuti.

Ha citato un anonimo funzionario statunitense che ha affermato che “la stanchezza in Ucraina è una cosa reale per alcuni dei nostri partner”.

READ  Le forze ucraine "hanno quasi lasciato" a Severodonetsk mentre i missili russi sparano a nord e a ovest

Zelensky ha firmato il 4 ottobre un decreto in cui dichiara ufficialmente “impossibile” qualsiasi colloquio ucraino con Putin, ma lascia aperta la porta ai colloqui con la Russia.

Non ci sono stati commenti immediati dal Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca sull’accuratezza del rapporto.

Un portavoce del Dipartimento di Stato ha risposto: “L’abbiamo già detto e lo diremo di nuovo: le azioni parlano più delle parole. Se la Russia è pronta a negoziare, dovrebbe fermare i suoi missili e ritirare le sue forze dall’Ucraina”.

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Michael Perry e Simon Lewis; Montaggio di William Mallard, William Maclean e Diane Craft

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.