L’Ucraina dovrebbe avvicinarsi alla candidatura Ue: aggiornamenti in tempo reale

a lui attribuito…Daniel Berholak per il New York Times

Era un appello appassionato: con la guerra in corso nel suo paese, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto all’inizio di marzo di consentire al suo paese di aderire all’Unione Europea, il blocco commerciale più grande del mondo, che ha contribuito a mantenere la pace in Europa per decenni.

“Abbiamo dimostrato di essere almeno come te”, ha detto al Parlamento europeo. “Quindi dimostra che sei con noi, dimostra che non ci lascerai andare, dimostra che sei davvero europeo”.

Venerdì, il suo appello ha ricevuto un sostegno positivo quando la Commissione europea, il braccio esecutivo dell’UE, ha raccomandato che all’Ucraina fosse concesso lo status di candidato nel tentativo del paese di diventare un membro del blocco.

Tuttavia, è improbabile che le aspirazioni di Zelensky per l’Unione europea si realizzino presto: l’adesione al blocco è un processo scoraggiante e arduo che può richiedere fino a un decennio. La Polonia, ad esempio, ha presentato una domanda ufficiale di adesione al blocco nel 1994 e non è stata accettata fino al 2004.

Affinché un paese aderisca, la sua candidatura deve essere approvata da tutti gli Stati membri dell’UE, che ora è il numero 27. Deve anche allineare il suo sistema politico, giudiziario ed economico al blocco adottando il sistema di common law dell’UE, più altro altro Da 80.000 pagine di norme e regolamenti su cose come standard ambientali e norme di igiene alimentare.

READ  Processo per crimini di guerra in Ucraina: i soldati russi imparano le loro punizioni

E sebbene ci siano precedenti per l’offerta rapida – Svezia e Finlandia sono state in grado di aderire al sindacato entro pochi anni dopo l’offerta – un approccio rapido è raro. Inoltre, altri paesi aspettano da anni l’adesione, tra cui Albania, Bosnia e Serbia, rendendo difficile per l’UE un’azione più rapida verso l’Ucraina.

Inoltre, il blocco soffre anche della fatica espansiva dopo essere stato scosso dalla crisi economica, dalla Brexit e dalla pandemia, oltre che dalle misure economiche. Stati membri che infrangono le regole come l’Ungheria.

L’Ucraina era già sulla buona strada per consolidarsi più vicino all’Europa e aveva un accordo di associazione con l’Unione Europea, firmato nel 2014 e concluso nel 2017, in cui si impegnava a intensificare i legami economici e politici con il blocco.

Gli ucraini erano entusiasti del desiderio di stabilire legami più stretti con l’Europa e nel 2013 centinaia di migliaia di loro Sono scesi in piazza per protestare Quando il presidente dell’epoca, Victor F. Yanukovich, che era incline alla Russia, ha annunciato la firma di un accordo di associazione con la Federazione.

Qualunque siano le sfide per le speranze dell’UE dell’Ucraina, la guerra della Russia ha generato un’ondata di solidarietà nel blocco, attirando alcuni Le punizioni più severe nella sua storia. Gli stati dell’Europa orientale e centrale come la Polonia e gli stati baltici, che per decenni hanno vissuto dietro la cortina di ferro e dove si approfondiscono i ricordi dell’oppressione russa, sono stati tra i più entusiasti a sostegno dell’adesione dell’Ucraina.

La maggior parte degli europei ha accolto favorevolmente l’espansione verso est dell’unione nel maggio 2004, quando ha accettato 10 stati per lo più comunisti – tra cui Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia – perché, tra le altre cose, ha cementato la fine del blocco sovietico e ha contribuito a diffondere il liberalismo economico e politico in tutta il continente.

READ  AGGIORNAMENTI IN DIRETTA: Liz Truss si dimette da Primo Ministro del Regno Unito

La capacità dell’UE di offrire ai paesi l’adesione è stata uno dei maggiori strumenti di politica estera del mondo del dopo Guerra Fredda. La prospettiva dell’adesione ha spinto Bulgaria e Romania ad affrontare la corruzione e ad accelerare gli arresti di criminali di guerra in Croazia, Serbia e Montenegro.

Sebbene il processo di adesione dell’Ucraina all’UE sia probabile che sia graduale e debba affrontare sfide significative, il tentativo del paese di stringere legami più stretti con la NATO e l’Unione europea sottolinea come il tentativo del presidente Vladimir Putin di riportare l’Ucraina nell’orbita della Russia con la forza sembri in difficoltà. effetto opposto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.