L’Ucraina espelle funzionari chiave nell’epurazione anti-innesto

Kiev ha annunciato martedì il licenziamento di dozzine di alti funzionari nel suo più grande scossone politico dopo il primo grande scandalo di corruzione del paese legato all’invasione russa.

L’Ucraina ha sofferto a lungo di una corruzione endemica, ma la guerra totale di Mosca durata quasi un anno ha messo in ombra gli sforzi del governo per sradicare la corruzione.

Gli alleati occidentali hanno versato miliardi di dollari in aiuti finanziari e militari a Kiev per contrastare le forze russe, spesso come precondizione per sostenere le riforme anticorruzione.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto nel suo discorso serale di martedì che l’epurazione era necessaria e che sarebbero state prese ulteriori misure.

“È solo, è essenziale per la nostra difesa e ci aiuta ad avvicinarci alle istituzioni europee”, ha detto. “Abbiamo bisogno di un paese forte e l’Ucraina sarà così”.

L’aiutante del presidente Mykhailo Podolyak ha affermato che Zelensky si è concentrato sulle “principali priorità dello stato” nel licenziare i funzionari, compresi i governatori delle regioni che hanno assistito a pesanti combattimenti e i vice ministri del governo.

“Durante una guerra, tutti dovrebbero comprendere le proprie responsabilità”, ha scritto Podolyak in un tweet.

Le modifiche sono arrivate dopo che il viceministro ucraino per lo sviluppo delle comunità e dei territori, Vasyl Lozinsky, è stato licenziato durante il fine settimana dopo essere stato arrestato con l’accusa di appropriazione indebita.

Le immagini rilasciate dall’Ufficio nazionale anticorruzione mostravano depositi di denaro sequestrati nell’ufficio di Lozinski.

Il 36enne è stato accusato di aver accettato una tangente di 400.000 dollari per “facilitare” l’acquisto di generatori a prezzi gonfiati, mentre l’Ucraina è alle prese con una carenza di elettricità a seguito degli attacchi russi alla sua rete elettrica.

READ  Il nuovo primo ministro Rishi Sunak ha promesso di far uscire la Gran Bretagna dalla crisi economica

‘Buone azioni’

Martedì, il principale aiutante presidenziale Kirillo Tymoshenko, che ha lavorato con Zelensky sin dalla sua elezione nel 2019, ha annunciato le sue dimissioni.

Il 33enne ha pubblicato una sua foto con in mano una lettera di dimissioni scritta a mano, ringraziando il presidente per “l’opportunità di fare un buon lavoro ogni giorno, ogni minuto”.

Tymoshenko è stata coinvolta in diversi scandali, tra cui il presunto uso personale lo scorso ottobre di un SUV donato all’Ucraina per scopi umanitari.

È stato sostituito da Oleksiy Kuleba, l’ex capo del dipartimento militare della regione di Kiev.

Anche Oleg Nemchinov, un alto funzionario del governo, ha annunciato la partenza di cinque governatori regionali e quattro viceministri.

Tra loro ci sono i capi della regione centrale di Dnipropetrovsk, della regione nord-orientale di Sumy, delle regioni meridionali di Zaporizhia e Kherson, nonché della regione intorno alla capitale Kiev.

Nemchinov ha anche annunciato il licenziamento del viceministro per lo sviluppo delle comunità e delle regioni e del viceministro per le politiche sociali.

Il ministero della Difesa ha annunciato separatamente le dimissioni del viceministro Vyacheslav Shapovalov, che ha lavorato per fornire supporto logistico all’esercito.

Ciò è avvenuto dopo aver accusato il ministero di aver firmato contratti alimentari a prezzi da due a tre volte superiori ai prezzi attuali dei prodotti alimentari di base.

Vacanza in Spagna

Il ministero ha insistito sul fatto che le accuse fossero “prive di fondamento e infondate”, ma ha affermato che la partenza di Shapovalov “manterrebbe la fiducia della comunità e dei partner internazionali”.

READ  Macron: l'Ucraina decide i tempi e le condizioni per la pace con la Russia

Anche il sostituto procuratore della Repubblica Oleksiy Simonenko ha rassegnato le dimissioni, in seguito a quanto riferito dai media secondo cui era stato in vacanza in Spagna, utilizzando un’auto di proprietà di una società ucraina.

Gli Stati Uniti hanno accolto con favore il licenziamento e hanno affermato che non si sapeva che non avesse partecipato a nessuno dei miliardi di dollari forniti per aiutare la guerra.

“Il popolo ucraino è stato molto chiaro sul suo desiderio di buon governo e trasparenza”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

Nonostante i suoi discorsi sulla lotta alla corruzione, lo stesso Zelenskyj è stato coinvolto in passato in scandali di corruzione.

Nel 2021, i Pandora Papers ottenuti dall’International Consortium of Investigative Journalists hanno affermato che Zelensky ha utilizzato una rete di società offshore per acquistare tre proprietà di lusso a Londra.

Il suo ufficio ha detto all’epoca che Zelensky, ex attore e comico, aveva costituito società offshore per proteggersi dalle “azioni aggressive” del regime “corrotto” dell’ex presidente filo-russo Viktor Yanukovych.

Transparency International ha classificato l’Ucraina al 122° posto su 180 nella classifica della corruzione del 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.