L’UE vieta le importazioni di carbone russo

Martedì, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato le misure che necessitano ancora dell’approvazione di tutti i 27 Stati membri dell’UE. Il blocco ha già imposto quattro round di sanzioni volte a punire il presidente russo Vladimir Putin e il suo governo per aver ordinato l’invasione dell’Ucraina.

“Abbiamo tutti visto le immagini orribili di Bucha e di altre aree da cui le forze russe sono recentemente uscite”, ha detto in una nota. Queste atrocità non possono e non rimarranno senza risposta”.

“Imporremo un divieto all’importazione di carbone dalla Russia per un valore di 4 miliardi di euro”, ha affermato [$4.4 billion] nell’anno “.

Se il divieto del carbone venisse approvato, sarebbe il primo divieto coordinato dell’UE alle massicce esportazioni di energia che sostengono l’economia russa e generano centinaia di miliardi di dollari di entrate ogni anno.

Finora i leader dell’Unione europea non sono stati in grado di concordare di prendere di mira l’energia russa a causa dei rischi che rappresenta per l’economia della regione in un momento di aumento dei prezzi del gas naturale e del carburante. Ma l’atmosfera sembra essere cambiata questa settimana. Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato lunedì che sosterrà un divieto generale sulle importazioni di petrolio e carbone russi e martedì la Germania ha indicato che potrebbe sostenere un divieto di carbone.

“La Russia sta conducendo una guerra crudele e spietata in Ucraina, non solo contro le sue forze coraggiose ma anche contro la sua popolazione civile”, ha detto von der Leyen ai giornalisti. A questo punto è importante mantenere la pressione su Putin e sul governo russo.

READ  La Russia afferma che il ritiro della stazione spaziale della NASA è meno imminente di quanto riportato in precedenza

Il capo della Commissione europea ha anche affermato che i funzionari stanno lavorando su ulteriori sanzioni, comprese le importazioni di petrolio dalla Russia.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, la Russia è stato il terzo esportatore mondiale di carbone nel 2020, dopo Australia e Indonesia. È anche il principale esportatore di carbone termico verso l’Unione Europea, prima di Cina e Corea del Sud.

I prezzi del carbone in Europa sono già aumentati in previsione di possibili sanzioni dell’UE, ha affermato Henning Gloustein, direttore dell’energia, del clima e delle risorse di Eurasia Group.

“Le sanzioni sul carbone renderanno la vita più difficile per i servizi pubblici europei, che consumano molto carbone russo, ma le compagnie energetiche possono farcela e i politici stanno trovando questa vendita più facile pubblicamente perché si adatta bene alla transizione verde generale e in accelerazione nell’Europa Union”, ha detto. Per CNN Business.

Anna Cuban ha contribuito a questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.