L’ultima dimora della regina Elisabetta II rivelata nella nuova foto del Castello di Windsor

Una pietra mastro iscritta che porta il nome defunto re Dopo un servizio privato alla presenza della sua famiglia lunedì sera, è stato installato nella Cappella commemorativa del re Giorgio VI, annessa alla chiesa principale.

La lastra è scolpita a mano in marmo nero belga e presenta lettere in ottone che leggono i nomi dei suoi genitori, re Giorgio VI e la regina Elisabetta, seguiti dal nome della defunta regina e da quello di suo marito, il principe Filippo. Una stella di Giarrettiera separa le due coppie reali e gli anni di nascita e di morte sono incisi accanto a ciascun nome.

Quattro famiglie reali erano membri Ordine della Giarrettiera, la linea cavalleresca più antica del paese, risale al Medioevo e al regno di re Edoardo III. I membri della giuria sono selezionati personalmente dal sovrano in riconoscimento del servizio reso al paese e comprendono molti membri della famiglia reale, ex primi ministri e altre figure di spicco. La casa spirituale dell’ordine è la Cappella di San Giorgio.
Dopo un elaborato funerale di stato a cui hanno partecipato leader di tutto il mondo, la regina è stata sepolta nell’Abbazia di Westminster a Londra. più di 26 milioni di persone La gente nel Regno Unito si è sintonizzata lunedì per assistere al funerale, il primo in televisione di un monarca britannico.

Quando il marito della regina, il principe Filippo, 73 anni, è morto nell’aprile 2021, la sua bara è stata inizialmente collocata nella volta reale sotto St George’s fino a quando non è stata spostata nella Cappella della Rimembranza dopo la morte della regina. Nella cappella sono sepolte anche le spoglie della sorella della regina, la principessa Margaret, morta nel 2002.

READ  40 La migliore semi gelsomino del 2022 - Non acquistare una semi gelsomino finché non leggi QUESTO!

Le residenze reali, incluso il Castello di Windsor, sono state chiuse dalla morte del monarca l’8 settembre. Ma il pubblico potrà visitare il luogo di riposo della regina quando il castello riaprirà il 29 settembre.

Alcune aree all’interno delle residenze reali, tra cui la Queen’s Gallery a Buckingham Palace, il Palazzo di Holyroodhouse e la Queen’s Gallery di Edimburgo, in Scozia, sono state riaperte ai turisti giovedì, secondo il Royal Collection Trust. Tuttavia, l’apertura delle Summer State Rooms e delle Royal Mews di Buckingham Palace non tornerà quest’anno.

Inoltre, le mostre speciali in occasione del Giubileo di platino della regina a Buckingham Palace, al Castello di Windsor e al Palazzo di Holyroodhouse non riapriranno al pubblico, ha aggiunto il trust.

La foto di Ledger Stone arriva il giorno dopo che Buckingham Palace ha svelato un nuovo ritratto di re Carlo III con le tipiche scatole rosse del sovrano.

Nella foto della PA Images britannica, Charles è al lavoro la scorsa settimana.

“Questa foto è stata scattata la scorsa settimana nella stanza del diciottesimo secolo a Buckingham Palace e mostra Sua Maestà il Re che svolge funzioni governative ufficiali dalla Scatola Rossa del Re”, ha affermato il palazzo in una nota.

Le caselle rosse contengono documenti importanti di ministri del governo del Regno Unito e rappresentanti del Commonwealth e oltre.

“I documenti vengono inviati dall’ufficio del segretario privato a The King, ovunque si trovi, in una cassetta di spedizione rossa chiusa a chiave”, ha aggiunto.

Sullo sfondo del nuovo monarca c’è una fotografia in bianco e nero del defunto monarca e del duca di Edimburgo, che era un regalo di Natale alla coppia di re Giorgio VI nel 1951.

READ  Rick Scott sfiderà Mitch McConnell per il leader repubblicano al Senato

Su richiesta del re, la famiglia reale osserva un’ulteriore settimana di lutto dopo i funerali di stato. Ora si dice che Carlo III sia tornato in Scozia con la regina consorte per piangere in privato.

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulla famiglia reale britannica nella tua casella di posta Newsletter di notizie reali della CNN.

Lauren Said-Moorhouse e Christian Edwards della CNN hanno contribuito al reportage.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.