Macron ha affermato che prima di una possibile visita in Ucraina è necessario un segnale forte da parte dell’Unione Europea

  • Il leader francese ha criticato per la sua presunta striscia morbida
  • Macron insiste che Parigi farà tutto il possibile per fermare la Russia
  • Macron vede le forze della NATO in Romania e sostiene la Moldova
  • Schulz, Draghi e Yohannes potrebbero unirsi a Macron in visita a Kiev

COSTANTA, Romania (15 giugno) (Reuters) – Il presidente Emmanuel Macron mercoledì ha espresso una posizione più dura sulla Russia e ha affermato che l’Europa deve inviare un segnale forte all’Ucraina mentre cerca di dissipare le preoccupazioni a Kiev e tra alcuni alleati europei sulla sua precedente posizione sulla Russia. Mosca.

Macron è arrivato in Romania martedì per un viaggio di tre giorni nei vicini orientali dell’Ucraina, inclusa la Moldova, prima di dirigersi probabilmente a Kiev giovedì per una visita con il cancelliere tedesco Olaf Schulz, il primo ministro italiano Mario Draghi e il presidente rumeno Klaus Iohannis, hanno detto due fonti diplomatiche . .

La visita simbolica arriva un giorno prima che la Commissione europea emetta una raccomandazione sullo status dell’Ucraina come candidato all’adesione all’UE, qualcosa di cui i principali paesi europei sono stati tiepidi e dovrebbe essere discusso al vertice dei leader del 23-24 giugno.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Siamo a un punto in cui noi (europei) dobbiamo inviare chiari segnali politici, noi europei, verso l’Ucraina e il suo popolo quando resistono eroicamente”, ha detto Macron, senza approfondire.

Il leader francese è stato preso di mira dall’Ucraina e dagli alleati dell’Europa orientale per quello che vedono come un vago sostegno all’Ucraina nella guerra contro la Russia.

I funzionari francesi negli ultimi giorni hanno cercato di rafforzare la messaggistica pubblica, mentre Macron sembrava prendere una posizione più dura martedì sera quando era con le sue truppe. Leggi di più

READ  Esclusivo accordo transattivo dell'UE per disinnescare il confronto con la Russia su Kaliningrad

“Faremo tutto il possibile per fermare le forze militari russe, aiutare gli ucraini e il loro esercito e continuare i negoziati”, ha detto alle forze francesi e della NATO in una base militare in Romania.

Macron ha ripetutamente affermato nelle ultime settimane che è necessario non “umiliare” la Russia per trovare una soluzione diplomatica al termine dei combattimenti, e ha continuato a mantenere aperti i canali di comunicazione con il Cremlino, con grande dispiacere degli alleati. Leggi di più

Parlando al fianco di Yohannes, Macron ha minimizzato quei commenti, ma ha insistito sul fatto che l’Ucraina, che sperava di vincere la guerra, alla fine dovrà negoziare con la Russia.

“Condividiamo un continente”, ha detto ai giornalisti. “La geografia è ostinata e alla fine la Russia è lì. C’era ieri, è lì oggi e ci sarà domani”.

La Francia guida un gruppo di combattimento della NATO in Romania, composto da circa 800 soldati, di cui 500 francesi, oltre ad altri provenienti dai Paesi Bassi e dal Belgio. Parigi ha anche schierato un sistema missilistico terra-aria.

Macron si recherà in Moldova più tardi mercoledì per sostenere un paese che molti temono possa essere coinvolto in un conflitto nella vicina Ucraina.

Giovedì l’attenzione potrebbe concentrarsi su Kiev, dove fonti diplomatiche hanno affermato che i leader europei potrebbero dirigersi nella capitale ucraina.

READ  I missili russi colpiscono Kiev all'inizio del vertice del G7 in Europa

Macron ha rifiutato di commentare “questioni logistiche”, ma ha affermato che è importante tenere nuovi colloqui con l’Ucraina su affari militari e finanziari e questioni relative all’esportazione di grano dal paese.

Iohannis della Romania ha affermato che il sostegno dovrebbe includere l’offerta dello status dell’Ucraina come candidato nell’Unione europea.

“Secondo me, lo status di candidato dovrebbe essere concesso il prima possibile, è una soluzione corretta dal punto di vista morale, economico e di sicurezza”, ha affermato Yohannes, aggiungendo che ci sono sforzi per trovare una soluzione pratica alle differenze tra le potenze europee.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting e scrittura aggiuntiva di John Irish a Parigi; Montaggio di Edmund Blair e Frank Jack Daniel

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.