Macron: l’Ucraina decide i tempi e le condizioni per la pace con la Russia

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto, domenica, che tocca all’Ucraina Per decidere i tempi ei termini della pace con la Russia, ha avvertito che la fine della guerra “non può essere la consacrazione della legge del più forte”.

Intervenendo all’apertura di una conferenza di pace di tre giorni a Roma, Macron ha affermato che la comunità internazionale sarà presente quando il governo ucraino sceglierà quell’orario.

“Rimanere neutrali significa accettare l’ordine mondiale dei più forti, e su questo non sono d’accordo”, ha detto Macron alla conferenza organizzata da un ente di beneficenza cattolico con stretti legami con il Vaticano.

C’è preoccupazione che il sostegno degli alleati dell’Ucraina in Europa Potrebbe essere eroso dall’aumento dei costi energetici con l’avvicinarsi dell’inverno.

Papa Francesco concluderà martedì al Colosseo il convegno Cry for Peace, promosso dalla Congregazione di Sant’Egidio.

Per tutta la guerra iniziata con l’invasione russa Otto mesi fa, il Papa ha messo in guardia contro l’accumulo di armi. Ma ha detto che l’Ucraina ha il diritto di difendersi.

Mentre il nuovo primo ministro italiano, leader di estrema destra, Giorgia Meloni, è un convinto sostenitore di aiutare l’Ucraina a difendere la sua sovranità, i suoi alleati della coalizione simpatizzano con la Russia.

In serata Meloni e Macron si sono incontrati in privato a Roma per colloqui.

L’ufficio del primo ministro ha affermato che i due hanno deciso di lavorare insieme “su sfide significative e comuni a livello europeo e nel rispetto dei reciproci interessi nazionali”. La dichiarazione afferma che i due hanno discusso della necessità di fornire “risposte rapide e congiunte” ai problemi dell’aumento dei costi energetici, sostenere l’Ucraina, un momento economico difficile e gestire i flussi migratori.

READ  La Lituania afferma che le sanzioni di Kaliningrad entreranno in vigore

Macron, che è del centrista europeista, ha twittato una foto dell’incontro serale, scrivendo che “come europei, come paesi vicini, come popoli amici, dobbiamo continuare a lavorare con l’Italia”.

“Lo dobbiamo ai nostri giovani e al nostro popolo per avere successo insieme”, ha aggiunto Macron, dicendo che l’incontro di domenica “sta andando in quella direzione”.

La presidenza francese ha affermato che entrambi i leader hanno avuto una discussione “costruttiva”, “franca” e “aperta” per più di un’ora e che hanno concordato sulla necessità di contatti regolari a tutti i livelli per portare avanti l’agenda europea.

La visita del presidente francese in Italia prevede lunedì l’incontro con il Papa in Vaticano.

Macron ha affrontato la preoccupazione che qualsiasi discorso di pace potesse essere considerato un segno di mancanza di sostegno all’Ucraina. “Parlare di pace ora, invocare la pace, per quanto possa sembrare insopportabile a coloro che lottano per la libertà, sembra un tradimento” dell’Ucraina, ha affermato il presidente francese.

Ma ha detto che la pace non può essere “catturata dal potere russo”. “La pace non può essere la perpetuazione della legge del più forte, né può essere un cessate il fuoco (proprio) per la situazione”.

“Vogliamo che il popolo ucraino decida a un certo punto la pace, il momento, i termini della pace”, ha detto Marcon.

“Con (l’altro), che oggi è il nemico, si costruirà la pace, attorno a un tavolo, e la comunità internazionale sarà lì”.

Il principale leader dell’opposizione populista italiana, l’ex primo ministro Giuseppe Conte, ha dichiarato la scorsa settimana che l’Italia non dovrebbe inviare più armi in Ucraina.

Macron ha ricordato i suoi precedenti incontri con il presidente russo Vladimir Putin, artefice della guerra.

READ  Una persona è stata uccisa e dozzine ferite mentre i forti venti hanno causato il crollo di una piattaforma al Festival di Spagna

Il presidente francese ha affermato che l’aggressione di Mosca è stata un “prodotto nazionalista esagerato” e un sentimento di isolamento, rilevando che l’aggressione era ingiustificata.

“Erano convinti che ci fossero minacce e che il resto del mondo, almeno il mondo occidentale, avrebbe cercato di distruggere la Russia”, ha detto.

Macron ha avvertito dei crescenti sentimenti di nazionalismo nel continente europeo, poiché le forze politiche di estrema destra hanno guadagnato popolarità in alcuni paesi.

Con diversi leader religiosi presenti alla conferenza, il presidente li ha esortati a rafforzare “la resistenza contro la follia della guerra”.

Macron ha denunciato che “la religione ortodossa è manipolata dalla Russia”. Non è entrato nei dettagli. Ma il patriarca ortodosso russo Kirill ha sostenuto con fermezza Putin nella guerra contro l’Ucraina, descrivendo l’invasione come parte di una battaglia “metafisica” contro l’Occidente.

Papa Francesco, ben consapevole della vicinanza di Kirill a Putin, aveva cercato, fino a quel momento invano, di incontrare il patriarca durante la guerra.

Macron ha affermato che coltivare la pace in Europa dipende in definitiva da “un equilibrio di rispetto, reciprocità e giustizia”. Ha messo in guardia dagli sforzi in Europa per “espellere l'”altro”” nella nostra società, alla ricerca della “purezza etnica e della purezza religiosa”.

Meloni è salita al potere dopo una campagna elettorale in cui ha difeso una visione cristiana della civiltà europea.

___

La scrittrice dell’Associated Press Sylvie Corbett a Parigi ha contribuito alla storia.

___

Segui la copertura dell’AP sulla guerra in Ucraina: https://apnews.com/hub/russia-ukraine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.