Max Verstappen è stato incoronato campione del mondo in circostanze caotiche al Gran Premio del Giappone



CNN

Max Verstappen Il team giapponese è stato incoronato campione del mondo di Formula 1 in circostanze bizzarre dopo una vittoria dominante. Un grande regalo Di domenica.

È stata una corsa caotica, interrotta dalla pioggia e poi ripresa, il caos regnava prima che il caos continuasse. Verstappen Ha difeso il suo titolo.

Per la maggior parte della gara, il pilota della Red Bull è stato costretto ad aspettare fino al prossimo Gran Premio di Austin per rivendicare il titolo piloti per la seconda volta nella sua carriera.

Quando la gara è ripresa, è stata molto ridotta, con apparentemente meno punti da guadagnare, e il rivale di Verstappen Charles Leclerc è passato al secondo posto, apparentemente matematicamente ancora nella caccia al titolo.

Quindi, quando Verstappen ha terminato, inizialmente ha celebrato solo una vittoria in gara – la sua 12a della stagione – e ha concluso la sua prima intervista di gara di conseguenza.

Ma Leclerc della Ferrari ha tagliato l’ultima curva sotto la pressione del compagno di squadra di Verstappen Sergio Perez e ha subito una penalità di cinque secondi dopo la gara, ponendo fine alla sua sfida per il titolo.

“Ce l’ho o no? Sento cose diverse”, ha detto Verstappen durante la sua seconda intervista post-gara dopo essere stato inizialmente incoronato campione del mondo.

È stato nuovamente confermato, si è seduto davanti allo stendardo di “Campione del mondo” in una sala del trono.

“Mi sento un po’ solo”, ha detto.

Tuttavia, il pilota della Red Bull non era del tutto sicuro del suo nuovo status di due volte campione del mondo anche dopo i festeggiamenti per il podio che hanno segnato la sua vittoria in gara, poiché le regole per l’assegnazione dei punti sotto la pioggia hanno creato confusione.

“Sono io il campione del mondo?” Verstappen ha chiesto a Jenson Button prima della sua intervista sul podio.

Secondo la FIA, potrebbero essere assegnati punti pieni invece di punti demerito poiché la gara è ripresa dopo un ritardo per pioggia, dando a Verstappen un vantaggio di 113 punti nel campionato del mondo, con solo 112 dalla vittoria in pista.

Max Verstappen ha tenuto a bada Charles Leclerc.

Ha piovuto tutto il pomeriggio a Suzuka, con spruzzi che si sono riversati sul retro delle auto quando sono partite per la prima volta.

Davanti, Leclerc ha sfidato Verstappen per la pole alla prima curva, ma il campione del mondo in carica ha mantenuto la sua linea all’esterno per prendere il comando.

Dietro di loro, il Sainz Aquaplant della Ferrari è uscito di strada, abbordando e fuori gara, mentre Alex Alban della Williams ha subito un guasto al cambio ed è stato costretto al ritiro.

Pierre Gasly dell’Alfa Douri ha preso i detriti dal camion di recupero dell’incidente di Cynes e ha costruito un nuovo alettone anteriore.

Tenere il campo, passare un camion di soccorso sulla pista ha innescato ricordi. Giulio Bianchi È morto otto anni fa quando la sua auto si è scontrata con un camion di soccorso in pista, suscitando indignazione da parte di piloti e team.

“Nessun rispetto per la vita del pilota, nessun rispetto per la memoria di Jules”, ha detto il padre di Bianchi, Philippe. Instagram.

Gasley ha quindi ricevuto una penalità di 20 secondi e due punti di penalità per eccesso di velocità in condizioni di bandiera rossa. La CNN ha contattato la FIA per un commento sui problemi di sicurezza per squadre e piloti.

L'auto di Carlos Sainz è stata portata nella corsia dei box durante un ritardo di pioggia.

Poco dopo, la gara è stata sospesa e ritardata di quasi due ore, sotto una pioggia battente fino a quando le condizioni non sono state sicure.

Quando la corsa è ripresa dietro una safety car per sgombrare una scia d’acqua, il cielo era ancora nuvoloso e ogni macchina si trascinava dietro uno spruzzo.

Subito dopo la ripartenza, diversi piloti hanno cambiato le gomme da bagnato con gomme intermedie.

Verstappen era uno di loro e, una volta uscito dai box, ha attraversato il campo con facilità per riconquistare il comando, aprendo un vantaggio di quattro secondi su Leclerc, che inizialmente sembrava comodamente otto secondi davanti a Perez secondo.

Il vantaggio di Verstappen è aumentato, aprendo 10 e poi 15 secondi su Leclerc, la sua attenzione si è concentrata sull’auto dietro di lui mentre Perez si è spostato a una distanza impressionante dalla Ferrari verso la fine della gara.

All’ultima curva, Leclerc alla fine ha ceduto alla pressione di Perez e si è bloccato nell’ultima chicane della gara, tagliando l’angolo e incassando una penalità di cinque secondi che lo ha portato al terzo posto.

Ventisette secondi dopo, Verstappen è arrivato alla vittoria e ha ulteriormente consolidato il suo dominio in una stagione in cui ha vinto 12 delle 18 gare.

Gli serve solo un’altra vittoria nelle restanti quattro gare per eguagliare il record per il maggior numero di vittorie nei Gran Premi in una stagione, detenuto da Michael Schumacher nel 2004 e Sebastian Vettel nel 2013.

READ  Robbie Ray contro Yordon Alvarez faceva parte del "piano" dei Mariners, ma ecco perché la rivalità potrebbe ritorcersi contro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.