Michael Bloomberg si scusa per il discorso di Boris Johnson che critica la Cina

PECHINO (Reuters) – Michael Bloomberg si è scusato la scorsa settimana in un business forum ospitato dall’agenzia di stampa da lui fondata per i commenti dell’ex primo ministro britannico Boris Johnson che criticava la Cina come autoritaria.

La controversia mette in luce l’influenza della Cina in Asia e la sensibilità nei confronti delle critiche pubbliche a Pechino.

Bloomberg, l’ex sindaco di New York che si è candidato alla presidenza nel 2020, si è scusato giovedì al Bloomberg New Economy Forum di Singapore, un incontro di lavoro i cui relatori includevano il vicepresidente cinese Wang Qishan e i cui delegati includevano uomini d’affari cinesi.

“Alcuni potrebbero essere stati insultati o offesi la scorsa notte da parti delle osservazioni dell’oratore che si riferivano a paesi specifici e ai loro leader debitamente eletti”, ha detto Bloomberg nei commenti pubblicati su Twitter.

Riferendosi a Johnson, Bloomberg ha detto: “Quelli erano solo i suoi pensieri e le sue idee, e non erano stati precedentemente chiariti da nessuno o condivisi con me personalmente… scuse.” “

Un portavoce di Bloomberg LP, che include Bloomberg News e di cui Michael Bloomberg è l’amministratore delegato, ha rifiutato di commentare a Reuters.

Johnson, che si è dimesso da leader britannico a settembre, ha criticato aspramente il sistema politico e i leader in Cina e Russia nel suo discorso di mercoledì.

“Diamo uno sguardo a Russia e Cina, due ex regimi comunisti in cui il potere è ancora una volta concentrato nelle mani di un unico governante, due paesi monoculturali tradizionalmente ostili all’immigrazione e che stanno diventando sempre più nazionalisti nelle loro posizioni”, ha detto Johnson. ha detto, secondo il suo portavoce.

Johnson ha affermato che Pechino e Mosca “sono disposte a mostrare un totale disprezzo per lo stato di diritto internazionale e nell’ultimo anno hanno dimostrato gli enormi limiti dei loro sistemi politici attraverso gli errori catastrofici che hanno commesso”.

READ  Le azioni globali scendono e i rendimenti statunitensi aumentano mentre i prezzi del petrolio raggiungono nuovi massimi

Il ministero degli Esteri cinese non ha risposto a una richiesta di commento di Reuters.

Il portavoce di Johnson ha affermato che l’ex leader è stato invitato dallo stesso Bloomberg e che le sue critiche erano rivolte al governo cinese, non alla nazione o al suo popolo.

“Il signor Johnson è forte nelle sue critiche all’autoritarismo e all’autoritarismo – anche in Russia e in Cina – e continuerà ad esserlo”, ha detto il portavoce. Continuerà a portare la causa della libertà e della democrazia sulla scena mondiale”.

Bloomberg non ha specificato se le sue scuse fossero dirette ai cinesi o ai russi. Ma ha indossato un piccolo stemma della bandiera ucraina sulla sua tuta, ha criticato la “brutale invasione” del presidente Vladimir Putin del vicino russo e ha annunciato che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky avrebbe parlato al forum a distanza.

Non c’erano oratori di stato russi inclusi nel programma del forum.

(Segnalazione di Martin Quinn Pollard) a Pechino; Segnalazione aggiuntiva di Chin Lin a Singapore. A cura di William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.