Migliaia di persone si radunano in Perù per chiedere le dimissioni del presidente di sinistra Castillo

LIMA (Reuters) – Migliaia di persone sono scese in piazza sabato in tutto il Perù per chiedere le dimissioni del presidente Pedro Castillo, il cui governo è sotto inchiesta per casi di corruzione.

Portando la bandiera verticale a strisce rosse, bianche e rosse del paese andino e cartelli con slogan anti-governativi, i manifestanti hanno marciato verso il congresso dominato dall’opposizione nella capitale, Lima.

Castillo ha descritto coloro che si oppongono al suo governo come “reazionari” e “nemici del popolo”.

La polizia, indossando elmetti e scudi di plastica, ha sparato diversi lacrimogeni nel tentativo di disperdere la folla. Non ci sono state segnalazioni immediate di feriti.

Castillo, entrato in carica nel luglio dello scorso anno, è sopravvissuto a due tentativi di impeachment. I legislatori dell’opposizione stanno cercando un nuovo processo per il presidente nonostante il Congresso abbia ammesso che non raccoglierà abbastanza voti.

“Stiamo vedendo un governo impegnato nella corruzione e il Congresso che non reagisce”, ha affermato Lucas Gersey, un avvocato conservatore che è stato uno degli organizzatori della manifestazione, Peru Reacts.

A ottobre, il procuratore generale del Perù ha presentato una denuncia costituzionale contro Castillo al Congresso secondo cui l’opposizione di destra spera finisca con la sua rimozione dall’incarico.

Il malcontento è in aumento in Perù. “Sono venuta per i miei figli e per i miei nipoti, perché questo governo si sta trasformando in un inferno”, ha detto Maria del Pilar Blancas.

“Vogliono che diventiamo un altro Venezuela”, ha detto, riferendosi al suo vicino sudamericano, che è precipitato in un libero tracollo economico.

READ  L'insegnante russo ha respinto la propaganda del Cremlino, poi ne ha pagato il prezzo

Proteste simili si sono svolte in altre città del paese, tra cui Arequipa, Chiclayo, Cusco e Trujillo, secondo i rapporti e le foto trasmesse dal canale televisivo locale Canal N.

Reportage aggiuntivo di Marco Aquino e Sebastian Castaneda a Lima; Scritto da Stephanie Eschenbacher; Montaggio di William Mallard

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.