Muhammad Al-Zubair: la polizia indiana arresta un giornalista musulmano per aver insultato gli indù

KBS Malhotra, vice commissario dell’unità per la criminalità informatica di Delhi, ha affermato che Mohamad Al Zubair, co-fondatore del sito web di verifica dei fatti Alt News, che espone la disinformazione nei media indiani, è stato arrestato lunedì e riportato in custodia durante la notte sotto la custodia della polizia.

Malhotra ha detto che Zubair è stato arrestato in base a due sezioni del codice penale indiano relative al mantenimento dell’armonia religiosa.

Zubair pubblica spesso su Twitter critiche al primo ministro indiano Narendra Modi e al suo Bharatiya Janata Party (BJP) per ciò che lui e altri critici affermano essere una soppressione dei diritti dei quasi 200 milioni di musulmani del paese.

Il suo arresto arriva nel mezzo Accuse ripetute dai critici che il BJP utilizza le leggi dell’era coloniale per reprimere qualsiasi forma di critica e incoraggiare l’autocensura.

L’avvocato di Zubair, Kulpreet Kaur, ha affermato che il giornalista era stato convocato per essere interrogato in relazione a un’indagine penale del 2020 sui suoi post sui social media, dai quali in precedenza era stata concessa protezione dall’arresto dall’Alta Corte di Delhi. Ma quando ha risposto alla citazione, la polizia lo ha fermato in un caso separato, ha detto.

Kaur ha mostrato alla CNN una denuncia della polizia che accusava l’utente di Twitter Zubair di aver insultato gli indù sulla piattaforma nel 2018, in un post sulla ridenominazione di un hotel in onore di una divinità indù.

Ha accusato le autorità di non aver seguito le procedure corrette e di non aver dato alcun preavviso a Zubair.

Malhotra, il vice commissario, non ha risposto alle domande della CNN sul fatto che la polizia abbia seguito le procedure appropriate durante l’arresto.

All’inizio di questo mese, Zubair ha criticato il portavoce del BJP, Nupur Sharma, che ora è stato sospeso per averlo fatto. commenti offensivi A proposito del profeta dell’Islam Maometto – dichiarazioni che hanno acceso una lite diplomatica. Quindici paesi a maggioranza musulmana hanno condannato i commenti di Sharma e molti hanno convocato gli ambasciatori indiani e hanno descritto i commenti come “anti-Islam”.

Tra i recenti post di Zubair sui social media ci sono video che mostrano estremisti indù che fanno discorsi di odio contro l’Islam, una religione minoritaria in India dove quasi l’80% delle persone è indù.

READ  Dopo la perdita di Luhansk, le forze ucraine si sono riunite per difendere Donetsk

L’arresto di Zubair ha fatto arrabbiare politici, giornalisti e testate giornalistiche che ne hanno chiesto il rilascio.

Editori Guild of India in a dichiarazione “È chiaro che la vigilanza di Alt News è stata risentita da coloro che usano la disinformazione come strumento per polarizzare la società e fomentare il sentimento nazionalista”, ha affermato martedì.

Shashi Tharoor, un deputato del Congresso indiano dell’opposizione, ha affermato che l’arresto è stato un “assalto alla verità”.

“I pochi servizi di verifica dei fatti in India, in particolare Alt News, svolgono un servizio vitale nel nostro ambiente politico post-verità, che è crivellato di disinformazione”, Tharoor Ha scritto lunedì su Twitter. “Espongono le bugie di coloro che le perpetrano. L’arresto di (Zubair) è un assalto alla verità. Deve essere rilasciato immediatamente”.
Lunedì il Comitato per la Protezione dei Giornalisti Chiamarono le autorità indiane Per “rilasciare immediatamente e incondizionatamente” Al-Zubair e “smettere di molestarlo come rappresaglia per il suo lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.