Nancy Pelosi ha visitato la zona demilitarizzata coreana con una delegazione del Congresso

“È stato un mio onore confrontarmi con eroi americani in uniforme a terra in Corea, comandati dal generale Paul LaCamera, comandante delle forze armate statunitensi in Corea. Durante le visite alla Zona demilitarizzata/Zona di sicurezza congiunta (DMZ/JSA) e alla base aerea di Osan, Pelosi ha affermato nella dichiarazione: “Abbiamo trasmesso la gratitudine del Congresso e dello stato per il servizio nazionale ai nostri membri militari che sono guardiani della democrazia nella penisola coreana”.

La zona demilitarizzata (DMZ) è una zona libera dall’uomo di 160 miglia situata a 30 miglia a nord di Seoul, istituita nell’accordo di armistizio coreano del 1953. Viene spesso descritta come la frontiera più pesantemente armata del mondo.

Pelosi ha affermato che la delegazione ha anche visitato Seoul e ha elogiato quello che ha descritto come un “forte legame” tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud.

“Gli Stati Uniti e la Corea del Sud condividono un forte legame forgiato per la sicurezza e forgiato da decenni di cameratismo. La nostra delegazione del Congresso si è recata a Seoul per riaffermare la nostra preziosa relazione e il nostro impegno comune a promuovere la sicurezza, la stabilità, la crescita economica e la governance democratica”, disse Pelosi.

Pelosi ha detto che la delegazione è “onorata di ospitare” una riunione parlamentare “dove abbiamo riaffermato il nostro impegno per l’alleanza USA-Corea” e “siamo stati lieti di avviare un incontro telefonico con il presidente coreano Yoon Seok-yeol”.

“Abbiamo ringraziato il presidente per l’ospitalità della Corea a 28.000 militari statunitensi e alle loro famiglie. Ogni membro ha parlato con il presidente, evidenziando aree di continua cooperazione per promuovere la libertà e l’apertura della regione indo-pacifica”, ha affermato Pelosi in una nota .

Questo annuncio arriva dopo Pelosi Recentemente visitato Taiwan Tra le minacce di ritorsioni cinesi.

Pelosi è sbarcato martedì a Taipei, in un’importante dimostrazione di sostegno a Taiwan. La stazione di Pelosi a Taipei è stata la prima volta che un oratore della Camera degli Stati Uniti ha visitato Taiwan in 25 anni. Il suo viaggio arriva a un punto basso nelle relazioni USA-Cina e nonostante gli avvertimenti dell’amministrazione Biden di non fermarsi a Taiwan.

READ  L'Ucraina riguadagna del territorio; Centrale nucleare in pericolo

Questa storia è stata aggiornata giovedì con ulteriori sviluppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.