Nepal: un video scioccante mostra presumibilmente gli ultimi istanti all’interno della cabina prima di un fatale incidente aereo



Cnn

Un video in diretta su Facebook mostra presumibilmente i terrificanti momenti finali all’interno della cabina del volo Yeti Airlines 691 prima di esso Si è schiantato in Nepal La domenica è stata ampiamente diffusa online, mentre gli sforzi di ricerca e recupero continuano sul campo.

L’aereo si è schiantato mentre si dirigeva dalla capitale del Nepal, Kathmandu, a Pokhara, la porta turistica dell’Himalaya. C’erano 72 persone a bordo, inclusi quattro membri dell’equipaggio, secondo un portavoce della compagnia aerea.

Con tutti tranne uno dei corpi recuperati, l’incidente ha segnato il paese Un maledetto disastro aereo in oltre 30 anni.

Martedì, il funzionario locale Anil Shahi ha dichiarato che la ricerca dell’ultima vittima era ancora in corso.

Il video sarebbe stato trasmesso in diretta dall’interno dell’aereo da un passeggero, Sonu Jaiswal, con il filmato che iniziava pochi istanti prima dell’incidente. Mostra la finestra dell’aereo in cui l’ala è vista all’esterno mentre l’aereo curva bruscamente a sinistra.

Ad un certo punto, apparentemente ignaro del pericolo imminente, Jaiswal gira il video su se stesso, sorridendo leggermente tra le chiacchiere e le risate di sottofondo. Si possono sentire molti passeggeri parlare con entusiasmo in un misto di hindi e punjabi. “Guarda quello specchio d’acqua, è eccellente”, dice una persona, mentre l’aereo passa accanto a un lago.

L’atmosfera all’interno dell’aereo appare calma, senza avvertimenti di emergenza da parte del pilota o dell’equipaggio della compagnia aerea. Pochi secondi dopo, il video ha improvvisamente iniziato a tremare mentre si sentivano delle grida. La telecamera perde la messa a fuoco e sono visibili solo lampi di luce e un forte rumore, prima che la scena prenda fuoco.

La CNN ha confermato il video in base alla geolocalizzazione, al manifesto di volo e alle informazioni sul sito Web di Yeti Airlines.

Jaiswal è elencato come passeggero sul manifesto di volo e il numero di posto elencato per lui sul sito Web della compagnia aerea corrisponde alle foto scattate dall’interno dell’aereo.

Anche Armaan Ansari, uno degli amici intimi di Jaiswal in India, ha confermato che Jaiswal è stato visto nel video. Ha aggiunto che stava guardando un live streaming su Facebook da Jaiswal durante il volo.

“Lo stavamo guardando. L’abbiamo guardato solo per pochi secondi e poi si è interrotto. Non ci abbiamo pensato molto”, ha detto.

Ariyaka Akhouri, il capo del distretto di Ghazipur in India, dove vive Jaiswal, ha detto di aver parlato con i genitori di Jaiswal e ha confermato che era sull’aereo e che aveva girato il video.

Un portavoce dell’Autorità per l’aviazione civile del Nepal (CAAN) ha detto che il video non era dell’incidente di domenica. Quando è stato pressato, ha detto che lui e il suo team non avevano prove tecniche a sostegno dell’affermazione. Invece, ha indicato i passeggeri che ridevano al primo segno di turbolenza prima che il panico si scatenasse pochi secondi dopo come prova che non poteva trattarsi di un volo Yeti Airlines.

L’analista dell’aviazione Mary Schiavo ha detto alla CNN che il video potrebbe essere utile nelle indagini, dicendo che potrebbe aver catturato dettagli non registrati nella scatola nera dell’aereo. Ad esempio, il flap dell’aereo, che fornisce un sollevamento extra durante la discesa, “non sembra essere completamente esteso”, dice.

Ha aggiunto che quello che sembrava essere il suono di un motore indicava “che hanno la capacità di almeno un motore”.

Scopri un tragico sviluppo che coinvolge il copilota in un incidente aereo in Nepal

La polizia nepalese ha detto che gli sforzi di ricerca e soccorso sono continuati martedì per le persone scomparse. Il capo della polizia distrettuale Ajaya KC ha detto che il tempo nebbioso stava rendendo difficile la ricerca e le autorità hanno pianificato di utilizzare i droni per localizzare i dispersi quando il tempo si sarà schiarito.

Sulle cause dell’incidente aereo, invece, si sta ancora indagando con l’aiuto degli inquirenti francesi che saranno sul posto entro martedì. I funzionari hanno detto che la scatola nera dell’aereo, che registra i dati di volo, è stata recuperata lunedì e sarà consegnata al CAAN.

Martedì, le autorità aeronautiche hanno affermato che il pilota dell’aereo ha detto ai controllori del traffico aereo di cambiare la pista pochi minuti prima che l’aereo precipitasse.

La scatola nera in Nepal

La scatola nera è stata recuperata dal relitto dell’aereo nepalese

Jagannath Nirula, portavoce di CAAN, ha affermato che l’aeroporto di Pokhara ha due piste che i piloti possono scegliere all’atterraggio e anche la richiesta del pilota è stata accettata.

“Quando il capitano della Yeti Airlines ha chiesto alla torre se poteva utilizzare la seconda pista per l’atterraggio, la torre ha acconsentito”, ha detto. “I controllori della torre non hanno chiesto perché il pilota volesse utilizzare una pista diversa da quella originariamente pianificata, poiché non era tecnicamente un problema da parte loro quale pista scegliesse il pilota per l’atterraggio”, ha detto Nirola alla CNN.

Ha aggiunto che nessuna chiamata di soccorso dal pilota era stata segnalata ai controllori della torre dell’aeroporto di Pokhara.

I membri della famiglia in lutto sono in lutto dopo che il volo Yeti Airlines 691 si è schiantato il 15 gennaio.

A Kathmandu e Pokhara, lunedì la folla ha tenuto veglie a lume di candela per le vittime.

Lunedì Yeti Airlines ha dichiarato in una dichiarazione che almeno 41 corpi sono stati trovati tra i corpi recuperati. La polizia ha detto che alcuni dei corpi sarebbero stati consegnati alle loro famiglie a Pokhara, mentre altri, compresi cittadini stranieri, sarebbero stati portati a Kathmandu martedì.

A bordo c’erano quindici stranieri, provenienti da India, Russia, Corea del Sud, Australia, Irlanda, Argentina e Francia, secondo CAAN.

I video di lunedì hanno mostrato famiglie in lutto a Pokhara in attesa fuori dall’ospedale mentre venivano eseguite le autopsie. Le autopsie sono state ritardate perché una squadra di esperti forensi non è arrivata a Pokhara fino a lunedì a mezzogiorno, secondo i funzionari della polizia e dell’aviazione.

Alcune famiglie iniziano a parlare della perdita dei propri cari. La famiglia della vittima australiana Myron Love ha dichiarato martedì in una dichiarazione che il 29enne era un appassionato ciclista che “ha vissuto la vita al massimo”.

READ  I lavoratori federali "bianchi" non includeranno l'eredità mediorientale e nordafricana nel nuovo piano Biden

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.