Netanyahu ha licenziato Deri “con il cuore pesante” dopo che la Corte Suprema ha ribaltato il ministro condannato

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha rimosso domenica il suo alleato anziano Aryeh Deri dal governo, con una mossa che dovrebbe creare incertezza politica nonostante sia stato incaricato dall’Alta Corte di giustizia e difeso dal procuratore generale.

Netanyahu ha affermato di essere stato “costretto con il cuore pesante” a conformarsi alla corte di mercoledì Regola – che ha citato le molteplici condanne di Deri e il recente apparente raggiro di un tribunale di primo grado – e la cessazione del duplice incarico di Deri a Ministro dell’Interno e della Salute. Il licenziamento entrerà in vigore martedì. Il partito Shas di Deri ha spinto Netanyahu a trovare un modo per farlo tornare al governo, e il primo ministro ha promesso di trovare “in qualsiasi modo legale Dove puoi continuare a contribuire allo Stato di Israele”.

In risposta al suo licenziamento, Deri ha affermato che dopo la decisione della corte “è diventato chiaro” a lui ea Netanyahu che avrebbe lasciato il governo, ma non si sarebbe ritirato dalla vita politica. Ha detto: “Nessuna decisione giudiziaria mi impedirà di servire e rappresentare” i 400.000 elettori di Shas che hanno dato al suo partito ultra-ortodosso 11 seggi alla Knesset nelle elezioni di novembre.

Deri ha promesso di continuare a guidare Shas come membro della Knesset, presiedendo le riunioni del suo partito e partecipando alle riunioni dei capi dei partiti della coalizione. Deri ha infatti partecipato a una riunione dei leader della coalizione convocata da Netanyahu poco dopo la riunione di gabinetto in cui è stato destituito.

Un portavoce di Deri ha detto che il presidente dello Shas manterrà anche il titolo di vice primo ministro, che è un titolo in gran parte cerimoniale e non ha alcuna autorità formale. Non è chiaro se consentirà a Deri di mantenere un posto di osservatore al tavolo del governo, ma il portavoce ha affermato che è probabile che il governo continuerà a invitare Deri a partecipare alle sue riunioni in qualità di osservatore.

In breve, durante la sessione di gabinetto di domenica, Netanyahu ha lasciato temporaneamente la stanza e ha lasciato la riunione, accusando Deri. All’inizio di questo mese, Deri ha sostituito brevemente Netanyahu quando il primo ministro si è sottoposto a una colonscopia di routine.

READ  Ucraina: Zelensky licenzia gli alti funzionari Irina Venediktova e Ivan Bakanov a causa della "cooperazione" del personale con la Russia

Nelle sue osservazioni di domenica, il presidente del Consiglio ha criticato la “deplorevole decisione” del tribunale di squalificare Deri da un incarico ministeriale, affermando che non tiene conto “della volontà del popolo, come dimostra la grande fiducia che l’opinione pubblica ha riposto nei rappresentanti eletti del mio governo.” Quando era chiaro a tutti che avresti prestato servizio nel gabinetto come ministro anziano.

“Ho giustificato che è importante per te servire lo Stato di Israele come membro del gabinetto di sicurezza nel mio governo, dove puoi avere influenza, visti i tuoi anni di esperienza come membro del gabinetto nei governi del defunto Primo Ministro I ministri Yitzhak Shamir e Yitzhak Rabin: una ricca esperienza che ha contribuito alla sicurezza di Israele e alla sua resilienza”, ha continuato Netanyahu a leggere a Deri, seduto alla sua destra, da una lettera preparata.

Il primo ministro avrà difficoltà a risolvere i problemi creati dalla cacciata di Deri, appena tre settimane dopo aver prestato giuramento in una coalizione intransigente che prometteva stabilità politica, e appena tre mesi dopo aver vinto la quinta elezione nazionale israeliana in meno di quattro anni.

Aryeh Deri arriva alla riunione settimanale del gabinetto presso l’ufficio del Primo Ministro a Gerusalemme, 22 gennaio 2023. (Olivier Fitoussi/Flash90)

Non è chiaro chi sostituirà al-Dari nei ministeri degli interni e della salute. Normalmente, quando un ministro si dimette, i suoi portafogli tornano automaticamente al primo ministro per un periodo provvisorio fino alla nomina di un nuovo ministro. Ma dal momento che Netanyahu sta affrontando un’accusa penale in relazione a un’indagine separata sulla corruzione, la legge gli ha impedito di ricoprire qualsiasi seggio di governo senza la carica di premier.

Mentre circolavano notizie non fornite su diversi potenziali candidati esterni e leader ad interim del partito Shas che occupavano il posto di Deri, il leader dell’opposizione Yair Lapid ha invitato Netanyahu a fissare una data immediata per coprire i posti vacanti.

“Quello che stiamo vedendo non è un governo, è un circo”, ha detto Lapid in un comunicato poco dopo la riunione di gabinetto, “Netanyahu è debole, ma ha bisogno di nominare oggi un ministro della salute e un ministro degli interni a tempo pieno.

READ  Un elefante uccide una donna anziana, poi torna a calpestare il suo corpo a un funerale in India

Deri è stato assegnato alla supervisione di due dei ministeri israeliani più potenti e ben finanziati nonostante i suoi crimini finanziari. Sebbene Netanyahu non abbia fatto menzione dell’imminente cacciata di Deri all’inizio dell’incontro di domenica, ha dedicato la maggior parte delle sue osservazioni a “congratularsi con il vice primo ministro e ministro della Sanità Aryeh Deri” per l’espansione dei servizi sanitari coperti dall’assicurazione sanitaria nazionale del paese.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu guida la riunione settimanale del gabinetto presso l’ufficio del primo ministro a Gerusalemme, il 22 gennaio 2023. (Olivier Fitoussi/Flash90)

Il primo ministro Deri lo ha licenziato quattro giorni dopo che la Corte Suprema ha emesso la sua sentenza esplosiva secondo cui la decisione di nominare il leader di Shas come ministro degli interni e della salute era “estremamente irragionevole” alla luce delle condanne penali di Deri, l’ultima nel gennaio 2022.

Deri ha concluso un patteggiamento all’epoca con la Corte del magistrato di Gerusalemme, che gli ha permesso di dimettersi dalla Knesset prima della sua condanna e quindi evitare un’udienza per stabilire se la sua condanna per frode fiscale fosse implicata in un illecito morale – una designazione che gli avrebbe impedito di detenere carica pubblica per sette anni. anni.

La corte credeva all’epoca che Deri si stesse ritirando dalla vita pubblica. Tuttavia, ha continuato a guidare il partito Shas al di fuori della Knesset ed è stato presto reintegrato come deputato nelle elezioni del 1° novembre. Deri ha quindi chiesto a Netanyahu di tornare al tavolo del governo, nonostante una legge fondamentale: il governo richiede alla Commissione elettorale centrale di determinare se il suo crimine ha comportato un illecito morale prima che possa essere nominato ministro.

La coalizione si è affrettata a riformare per consentire a Deri di prestare giuramento insieme al resto del gabinetto il 29 dicembre.

Il giudice capo della Corte Suprema Esther Hayut durante un’udienza sulle petizioni che chiedono l’annullamento della nomina del leader del partito Shas Aryeh Deri a ministro del governo a causa della sua recente condanna per reati fiscali, davanti alla Corte Suprema di Gerusalemme, il 5 gennaio 2023. / Flash 90 )

Domenica Deri ha raddoppiato affermando di non aver mai dato alla corte l’impressione di rinunciare alla politica, nonostante l’opinione del giudice. Commenti Dal momento che conferma esattamente questa impressione. La Corte Suprema si è basata nella sua sentenza della scorsa settimana in parte sul concetto di magistratura Scendisostenendo che Deri non poteva beneficiare di un accordo di clemenza basato sul presupposto che avrebbe lasciato la vita pubblica, per poi tornare rapidamente alla vita pubblica.

READ  Kwasi Karting: Liz Truss licenzia il ministro delle finanze, abbassa grandi tagli alle tasse

Oltre a utilizzare il blocco, il tribunale ha annullato la nomina di Deri in quanto non superava un test di ragionevolezza, uno standard giudiziario che il governo Netanyahu ha promesso di ribaltare a causa delle sue pressioni per approvare cambiamenti radicali al sistema di controlli ed equilibri.

“Posso dire ai miei amici al governo e al pubblico che era chiaro all’accusa e che era chiaro all’ex procuratore generale, il dottor Avichai Mandelblit, che non intendevo, non avevo intenzione o impegno a lasciare la vita politica. Le cose erano chiare e sul tavolo”, ha detto Deri durante la riunione di gabinetto. Dall’inizio alla fine delle discussioni.

La spinta del governo Netanyahu a rimodellare il sistema giudiziario includerebbe anche il trasferimento della nomina dei giudici al controllo politico, la creazione di un meccanismo per proteggere le leggi fondamentali dall’interferenza dei tribunali e il ripristino di altre leggi annullate dal tribunale. Il suo governo afferma che è necessario rettificare l’equilibrio di potere tra i rami politico e giudiziario, ma i critici, tra cui più di 100.000 israeliani scesi in piazza sabato sera per protestare contro il piano di riforma, affermano che minaccia le istituzioni democratiche e mette in pericolo le libertà civili dando quasi tutto il potere alla coalizione di governo.

I leader del partito della coalizione incontrano il primo ministro Benjamin Netanyahu a Gerusalemme, 22 gennaio 2023 (per gentile concessione del Likud)

Dopo la riunione di gabinetto, i leader della coalizione principale si sono incontrati con Netanyahu. Un portavoce del Likud ha detto che l’incontro si è svolto “con buon spirito” e “calorosamente”. Il leader religioso sionista Bezalel Smotrich ha partecipato, nonostante il boicottaggio di una riunione di gabinetto con due colleghi ministri del partito per protestare contro la decisione del governo di aggirare la sua protezione di un insediamento illegale venerdì.

Oltre ai leader delle fazioni della coalizione: Deri, Smotrich, Yitzhak Goldknopf di United Torah Judaism, Itamar Ben-Gvir di Otzma Yehudit e Avi Maoz di Noam, ha partecipato all’incontro anche il capo della fazione Degel HaTorah, Moshe Gafni – Ministro della Giustizia Yariv Levin, Ministro dell’Istruzione Yoav. Kish e l’Ophir Katz Whip Alliance.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.