Putin afferma che gli Stati Uniti vogliono “prolungare” la guerra in Ucraina

Il presidente russo Vladimir Putin in plenaria durante il Forum economico di San Pietroburgo SPIEF 2022, il 17 giugno 2022 a San Pietroburgo, Russia.

Getty Images

Il presidente russo Vladimir Putin ha criticato gli Stati Uniti e l’Occidente in generale, affermando martedì che l’America vuole prolungare la guerra in Ucraina.

“La situazione in Ucraina mostra che gli Stati Uniti stanno cercando di prolungare questo conflitto”, ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale russa Interfax.

Putin ha anche affermato che gli Stati Uniti stavano cercando di mantenere la loro posizione dominante nel mondo e che l’Occidente voleva estendere un “sistema di blocco” difensivo, come la NATO militare, all’Asia.

“Vediamo anche che l’Occidente collettivo sta cercando di espandere il suo sistema di blocchi nella regione Asia-Pacifico lungo le linee della NATO in Europa. A tal fine, si stanno formando alleanze politico-militari aggressive, come AUKUS e altri”, Putin disse. , riferendosi all’accordo tripartito di sicurezza tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti firmato lo scorso anno.

Inoltre, ha affermato che la recente visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan, che ha fatto arrabbiare l’alleato della Russia, la Cina, è stata una “provocazione meticolosamente pianificata”, affermando che questo viaggio “sconsiderato” faceva “parte di una strategia intenzionale e consapevole degli Stati Uniti per destabilizzare e stabilizzare la situazione nella regione e nel mondo” e “una spudorata dimostrazione di mancanza di rispetto per la sovranità di altri paesi e i loro obblighi internazionali”.

Putin ha difeso ancora una volta l’ingiustificata invasione dell’Ucraina da parte di Mosca, sostenendo che veniva effettuata “per garantire la sicurezza della Russia e dei nostri cittadini”.

La Russia afferma che il suo attacco all’Ucraina, che chiama “operazione militare speciale”, mira a “liberare” le aree separatiste filo-russe del Donbass nell’Ucraina orientale che ha sostenuto dal 2014.

READ  L'ondata di caldo complica la crisi energetica globale e la lotta per il clima

La recente invasione di massa russa dell’Ucraina ha causato distruzioni, morte e sfollamenti diffusi tra la popolazione civile del paese. Lunedì, le Nazioni Unite hanno dichiarato che almeno 5.500 civili sono stati uccisi In combattimento, tuttavia, è probabile che la cifra reale sia molto più alta, data la natura caotica della registrazione di tali dati in tempo di guerra.

L’invasione russa ha anche scatenato la condanna internazionale e un’ampia gamma di sanzioni economiche nei confronti di settori chiave, aziende e individui associati al Cremlino nel paese.

L’ossessione del leader russo per l’Ucraina è di vecchia data e ha più volte elogiato l’unità di russi e ucraini, denunciando contemporaneamente il governo filo-occidentale del Paese sotto il presidente Volodymyr Zelensky.

Gli analisti politici hanno detto alla CNBC che le accuse di Putin Rivolto al governo ucraino è una sciocchezza, che riflette un atteggiamento irrazionale e un errore di calcolo nei confronti della leadership di Kiev e della sua direzione. Funzionari occidentali e stretti seguaci della Russia vedono anche i commenti di Putin e la sua versione (e spesso una visione revisionista della storia) come un tentativo di creare narrazioni false e fuorvianti.

Gli Stati Uniti ei suoi alleati europei della NATO hanno cercato di aiutare l’Ucraina a difendere la propria sovranità territoriale con l’aiuto di armi, aiuti finanziari e umanitari, affermando che alla Russia non dovrebbe essere consentito di riuscire a conquistare il territorio ucraino.

La Russia ha affermato che l’aiuto dell’Occidente all’Ucraina è stato il culmine di anni di sentimenti anti-russi e ha incolpato la NATO per aver iniziato la guerra.

Il sistema di sicurezza europeo

La corsa alla guerra in Ucraina è iniziata alla fine del 2021, quando la Russia ha ammassato più di 100.000 soldati al confine con il suo vicino più piccolo, insistendo sul fatto che non aveva piani per l’invasione.

La Russia ha chiesto assicurazioni dalla NATO nel dicembre 2021 che l’Ucraina non sarebbe stata autorizzata a unirsi all’alleanza militare in futuro (sebbene non vi fossero piani concreti per farlo) e ha chiesto alla NATO di annullare la sua presenza militare nell’Europa orientale. Cercò anche garanzie che l’alleanza militare non si espandesse ulteriormente verso i confini della Russia, anche se all’epoca non c’erano prospettive di espansione.

Funzionari della NATO hanno affermato che c’era spazio per i negoziati, ma hanno respinto le principali richieste della Russia e il 24 febbraio la Russia ha lanciato un’invasione su larga scala, ampiamente considerata in grado di ottenere una rapida vittoria in Ucraina e rovesciare il suo governo filo-occidentale .

Quasi sei mesi dopo e la guerra non mostra segni di fine presto, con le forze ucraine sostenute da armi pesanti provenienti dall’Occidente, in particolare HIMARS o sistemi missilistici ad alta mobilità donati dagli Stati Uniti, che fanno una differenza tangibile nella direzione della guerra. .

L’invasione ha avuto altre conseguenze tragiche e non intenzionali per Mosca, poiché la NATO si è unita in modo più forte che mai. Anche i ritardatari europei nella spesa per la difesa, come la Germania, si sono impegnati ad aumentare tali acquisti in risposta diretta all’aggressione russa.

Inoltre, i tradizionali paesi non allineati, Svezia e Finlandia, hanno ora chiesto di aderire alla NATO, quasi raddoppiando i confini terrestri che la Russia condivide con i paesi della NATO. Non sorprende, Mosca ha condannato l’espansione e minacciato ritorsioni senza specificare esplicitamente quale forma potrebbe assumere.

Nonostante la sua invasione dell’Ucraina, la Russia ha incolpato l’Occidente per aver cambiato l’architettura di sicurezza dell’Europa e martedì Putin ha affermato nel suo discorso che “il cosiddetto Occidente collettivo sta distruggendo intenzionalmente il sistema di sicurezza europeo, formando nuove alleanze militari”.

“Il blocco della NATO si sta spostando verso est, costruendo la sua infrastruttura militare, compreso il dispiegamento di sistemi di difesa missilistica e aumentando le capacità offensive delle forze offensive”, ha affermato.

“A parole, l’ipocrisia è stata dichiarata che questa è una necessità per rafforzare la sicurezza in Europa, ma in realtà sta accadendo proprio il contrario”, ha affermato. “Le proposte avanzate dalla Russia nel dicembre dello scorso anno sulle misure di sicurezza reciproca sono state nuovamente ignorate”, ha aggiunto.

Timothy Ash, capo stratega dei mercati emergenti presso BlueBay Asset Management, ha respinto i commenti di Putin nei commenti inviati via e-mail martedì, affermando che ci sono diversi casi in cui la Russia cerca di destabilizzare il sistema di sicurezza europeo, dalla sponsorizzazione di disordini nelle ex repubbliche sovietiche come Georgia e Moldova alla sua interferenza in La guerra civile siriana e l’uso di armi biologiche contro i critici del Cremlino.

“La Russia è intervenuta nella guerra civile siriana con l’intenzione specifica di creare un’ondata di rifugiati in Europa per destabilizzare il continente. Putin sostiene l’estrema sinistra e l’estrema destra in Europa. La Russia ora sta limitando le forniture di energia all’Europa per creare carenza di energia e disordini sociali e politici. Ma ha detto che l’Occidente sta minando deliberatamente la sicurezza europea”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.