Quattro candidati presidenziali filippini, tra cui Pacquiao, non lasceranno la gara

MANILA (Reuters) – Quattro candidati presidenziali filippini, tra cui la star del pugilato in pensione Manny Pacquiao, hanno smentito la speculazione sul fatto che avrebbero abbandonato la gara, dicendo che sarebbero rimaste opzioni alternative per il capofila Ferdinand Marcos Jr.

Il sindaco di Manila Francisco Domagoso, il senatore Panfilo Lacson e l’ex segretario alla Difesa Norberto Gonzalez si sono impegnati domenica in una conferenza stampa congiunta a combattere “ogni tentativo di sovvertire la vera volontà del popolo attraverso manovre preventive o limitare in altro modo le loro opzioni”. .

“Ognuno di noi continuerà le nostre campagne presidenziali e si sforzerà di essere degno delle scelte che il nostro popolo sceglierà”, hanno affermato in una dichiarazione congiunta.

“Non si ritirerà mai nonostante la propaganda nera lanciata dagli altri candidati”, ha detto il portavoce di Pacquiao, che inizialmente avrebbe dovuto partecipare alla conferenza stampa ma non ha partecipato.

I quattro sono rimasti indietro nei sondaggi in vista delle elezioni del 9 maggio, mentre Marcos – il figlio e omonimo del defunto dittatore del paese – ha tenuto un netto vantaggio, mentre il vicepresidente Leni Robredo è arrivato secondo con un ampio margine.

“Ci sono stati numerosi tentativi di limitare a due le scelte degli elettori (Marcos e Robredo). Ecco perché abbiamo dovuto farlo (conferenza stampa congiunta)”, ha detto Laxon, senza specificare chi stava compiendo tali passi.

Domagoso è arrivato al punto di invitare Robredo, unico candidato, a fare un “sacrificio superiore” e ritirarsi dalla gara, per sconfiggere Marcos.

“Chiedo a Lenny di smettere. Tutto ciò che fai non è efficace contro Marcos”, ha detto Domagoso, un ex attore meglio conosciuto con il nome d’arte Isco Moreno.

READ  ESCLUSIVO: Come un miliardario russo ha protetto i suoi beni dalle sanzioni europee

Laxon ha detto che non era l’unico a fargli sentire l’idea di abbandonare la presunta corsa “in cambio di considerazioni finanziarie e di altro tipo”.

Ma il campo di Robredo ha respinto le richieste di ritiro.

“Con tre settimane rimanenti prima del giorno delle elezioni, stiamo vivendo uno slancio significativo per la campagna del nostro popolo”, ha detto in una dichiarazione il suo portavoce, Barry Gutierrez.

(Reportage di Enrico Dela Cruz; Montaggio di Raju Gopalakrishnan)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.