Rick Scott sfiderà Mitch McConnell per il leader repubblicano al Senato



Cnn

Senatore della Florida. Rick Scott sfiderà il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell per il suo potente incarico. I repubblicani non sono stati in grado di riconquistare la maggioranza Nonostante il clima politico favorevole.

Le possibilità di vittoria di Scott sono scarse, nonostante sia il primo vero avversario che McConnell ha affrontato nei suoi 15 anni come leader del GOP più longevo. I repubblicani del Senato dovrebbero tenere le elezioni per la leadership mercoledì.

“Mi candido alla presidenza”, ha detto Scott, senatore al primo mandato ed ex governatore. “Non sono soddisfatto dello status quo, quindi penso che dovremmo avere un’opzione”.

Scott è presidente del National Republican Senatorial Caucus. Ha avuto una lunga faida con McConnell Come spendere messaggi, prospettiva e risorse in questo ciclo elettorale. I due non erano d’accordo sulla qualità dei loro candidati, se impegnarsi nelle primarie del GOP, spingere un’agenda o dove candidarsi, con al centro il presidente Joe Biden.

Alla domanda sugli attacchi a Scott, che si è rifiutato di divulgare un programma politico, McConnell ha respinto e indicato figure anonime nel partito che sono “immerse nella confusione, nella negatività e negli attacchi eccessivi”. .”

Di nuovo McConnell La “qualità del candidato” è stata segnalata come un problema Nelle gare principali. La scorsa settimana, Steven Law, presidente del Senate Leadership Fund, ha suggerito che il GOP dovrebbe rivalutare “l’approccio pratico alle primarie” dell’NRSC, un super PAC allineato a McConnell. Elezioni generali. Il portavoce dell’NRSC ha risposto“Chiunque odi i nostri candidati odia gli elettori repubblicani che li hanno eletti”.

Ma dopo essere stato scottato nelle primarie del 2010 e del 2012, McConnell aveva una visione diversa.

“Abbiamo imparato alcune lezioni su questo, e penso che la lezione sia abbastanza chiara”, ha detto martedì McConnell. “Le corse al Senato sono diverse. La qualità dei candidati, ricordi quello che ho detto ad agosto, è importante. Abbiamo superato quel test nella maggior parte dei nostri stati, e in alcuni non l’abbiamo fatto.

McConnell ha anche ricordato ai giornalisti di aver ripetutamente definito il controllo del Senato un “palla volante” prima delle elezioni. “Non ho mai previsto una marea rossa. Non abbiamo mai visto una marea rossa in nessuno dei nostri stati che pensavamo di vincere”, ha detto.

Poiché i repubblicani non sono riusciti a riprendersi il Senato, i due alleati presidenziali repubblicani hanno litigato pubblicamente. Durante una riunione privata del GOP del Senato di tre ore martedì pomeriggio, McConnell e Scott si sono impegnati in una discussione tesa, secondo diversi senatori.

“Il senatore Scott non è d’accordo con l’approccio adottato da Mitch in questa elezione e negli ultimi due anni, e lo ha chiarito, e il senatore McConnell ha criticato la gestione dell’NRSC da parte del senatore Scott”, ha dichiarato il senatore del Missouri. Josh Hawley ha detto ai giornalisti.

La decisione di Scott ha ulteriormente indebolito il rapporto tra lui e McConnell. Dopo l’incontro di martedì, Scott non è stato invitato a parlare alla conferenza stampa settimanale della leadership del partito, secondo il portavoce di Scott McKinley Lewis.

Scott ha espresso il desiderio di acquisire McConnell in una lettera ai suoi colleghi. “Dalla mia prima settimana al Senato, ho sentito lamentele su come funzionava il Senato”, ha scritto.

Il repubblicano della Florida ha compilato un lungo elenco di lamentele, comprese lamentele su come il Senato gestisce le spese e tratta con i democratici.

“Alcuni sono costretti a votare per progetti di legge che vanno contro le loro convinzioni fondamentali e hanno fatto una campagna a favore o contro i migliori interessi del loro stato”, ha scritto Scott. “Alcune persone credono che i finanziamenti dei donatori repubblicani vengano utilizzati solo per aiutare coloro che sostengono la leadership. Alcune persone credono che non stiamo sfruttando le opportunità per portare avanti il ​​messaggio repubblicano.

McConnell ha insistito sul fatto che martedì avrebbe chiesto la rielezione come leader dal suo caucus, ma non ha escluso di ritardare un voto sulla leadership previsto per mercoledì.

“Penso che il risultato sia molto chiaro. Voglio dire ancora una volta, ho i voti e sarò eletto”, ha detto. “L’unica questione è se lo faremo prima o poi, e penso che avremo un altro discuterne domani”.

L’ex presidente Donald Trump Recentemente ha invitato i suoi soci Al Senato, incolpano McConnell per la sua scarsa performance elettorale di medio termine. Ma altri repubblicani hanno incolpato Trump, i suoi candidati all’approvazione del 2020 e Roe v. La decisione della Corte Suprema di invertire la caccia non è stata una risposta adeguata. È Trump Un’altra offerta presidenziale dovrebbe essere annunciata martedì.

Sen. Hawley, Scott, Marco Rubio della Florida, Ted Cruz del Texas, Lindsey Graham della Carolina del Sud, Cynthia Lummis del Wyoming, Ron Johnson del Wisconsin e Mike Lee dello Utah hanno cercato di ritardare il voto sulla leadership di mercoledì. Che cosa è andato storto.

“Il motivo per cui stiamo ritardando il voto è perché c’è un forte dibattito nella nostra conferenza su ciò che la leadership prenderà”, ha detto Cruz. “In particolare, come ci alzeremo e combatteremo contro le disastrose politiche dell’amministrazione Biden che hanno danneggiato il popolo americano negli ultimi due anni”.

“I risultati delle elezioni della scorsa settimana sono stati profondamente deludenti, con il 70% degli americani che crede che stiamo andando nella direzione sbagliata”, ha detto Cruz. “I repubblicani avrebbero dovuto vedere una grande vittoria”.

Ma altri senatori del GOP hanno sostenuto McConnell. In una riunione del GOP a porte chiuse, Maine Sen. Susan Collins ha interrogato l’amministrazione NRSC, criticando le sue decisioni di raccolta fondi e di spesa, secondo due fonti a conoscenza della questione.

Scott ha torto, dice Texas Sen. disse John Cornyn.

“Odio vederlo fare questo, ma è al di là di me”, ha detto. “Questo è il modo per risolverlo.”

I repubblicani del Senato a favore e contro il rinvio hanno affermato che dovrebbero concentrarsi su un ballottaggio del 6 dicembre in Georgia, dove il senatore democratico Raphael Warnock Affronta il candidato repubblicano Herschel Walker. Se vinceranno i Democratici, allargheranno la loro maggioranza a 51 seggi.

Ma finora, il ballottaggio ha solo approfondito la spaccatura tra gli alleati di Scott e McConnell.

Kurt Anderson, consigliere politico di Scott, ha twittato martedì mattina: “Il superpack di McConnell sta pubblicando annunci nulli che attaccano Warnock. Si sono arresi?”

Successivamente, il Senate Leadership Fund ha annunciato che avrebbe speso 14,2 milioni di dollari in pubblicità durante la gara. In riferimento al piccolo acquisto pubblicitario dell’NRSC, Law ha twittato ad Anderson: “Non preoccuparti piccolo amico, ti abbiamo coperto”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori aggiornamenti martedì.

READ  Gli Stati Uniti hanno dichiarato un'emergenza sanitaria a causa dell'epidemia di vaiolo delle scimmie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.