Russia: Nord Stream probabilmente colpito dal “terrorismo” sostenuto dallo stato

  • Il Cremlino: il danno agli oleodotti ricorda il terrorismo
  • Un funzionario dell’UE afferma che le fughe di notizie cambiano la natura del conflitto in Ucraina
  • Funzionari europei affermano che le navi russe sono state viste vicino alla CNN

MOSCA/BRUXELLES (Reuters) – La Russia ha dichiarato giovedì che una fuga di gas nel Mar Baltico dai gasdotti destinati alla Germania sarebbe stata il risultato di un “terrorismo” sponsorizzato dallo Stato, con un funzionario dell’UE che ha affermato che l’incidente ha cambiato radicalmente la natura del conflitto in Ucraina. .

L’Unione Europea sta indagando sulla causa delle fughe di notizie a Gazprom, di cui è a capo (GAZP.MM) Nord Stream 1 e 2 gasdotti e ha affermato di sospettare che dietro i danni ci fosse un sabotaggio al largo delle coste della Danimarca e della Svezia.

Quattro giorni dopo la prima scoperta delle fughe di notizie, non è ancora chiaro chi potrebbe esserci dietro qualsiasi attacco agli oleodotti che la Russia ei suoi partner europei hanno speso miliardi di dollari per costruire.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Sembra che si tratti di un atto terroristico, forse a livello statale”, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, aggiungendo: “È molto difficile immaginare che un tale atto terroristico possa aver avuto luogo senza il coinvolgimento di uno stato di qualche tipo .”

La Russia ha anche affermato che gli Stati Uniti trarrebbero profitto da una guerra di parole con l’Occidente su chi fosse il responsabile. Mosca aveva precedentemente affermato che le fughe di notizie erano avvenute in un’area “sotto il pieno controllo” dei servizi di intelligence statunitensi.

READ  Sanguinose battaglie scoppiarono a Tripoli, sollevando i timori di una guerra più ampia in Libia

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha dichiarato in una conferenza stampa che Washington sarebbe in grado di aumentare le vendite di gas naturale liquefatto se gli oleodotti fossero stati fermati.

Ma il canale di notizie statunitense CNN, citando tre fonti, ha riferito che funzionari della sicurezza europei hanno osservato navi e sottomarini che supportano la Marina russa non lontano dalle fughe di notizie.

In risposta a una richiesta di commento sul rapporto della CNN, Peskov ha affermato che c’era una maggiore presenza della NATO nella regione.

Zakharova ha chiesto che le indagini dell’UE siano “obiettive” e ha detto che Washington dovrebbe “spiegarsi” — riferendosi al commento del presidente Joe Biden a febbraio secondo cui se la Russia avesse inviato truppe in Ucraina, “non ci sarebbe il Nord Stream 2”. Biden si riferiva a possibili sanzioni sul nuovo gasdotto, che era stato completato prima che Mosca inviasse truppe in Ucraina ma non entrava mai in servizio.

L’operatore del gasdotto ha detto a Reuters che è probabile che le perdite dal gasdotto Nord Stream 1 si interrompano lunedì.

Ma un portavoce di Nord Stream AG ha affermato che non era possibile fornire previsioni sul futuro funzionamento del gasdotto fino a quando non fosse stato valutato il danno.

La Russia ha interrotto le consegne tramite Nord Stream 1, affermando che le sanzioni occidentali hanno ostacolato le operazioni.

Sebbene nessuno dei due gasdotti fornisse gas all’Europa quando furono scoperte per la prima volta le perdite, entrambi contenevano gas.

I leader europei e di Mosca affermano di non poter escludere il sabotaggio. Mappa delle condutture Nord Stream e delle posizioni delle perdite segnalate

risposta forte

Un funzionario dell’UE ha affermato che i leader dell’UE discuteranno le implicazioni dei danni la prossima settimana in un vertice a Praga.

READ  HelloFresh è accusato di utilizzare latte di cocco ottenuto dal lavoro delle scimmie

“Le infrastrutture strategiche dell’intera Ue devono essere protette”, ha affermato il funzionario Ue a Bruxelles.

“Questo cambia radicalmente la natura del conflitto come l’abbiamo visto finora, proprio come la mobilitazione… e la possibile annessione”, ha affermato il funzionario dell’UE, riferendosi alla mobilitazione russa di più truppe per la guerra e alle aspettative del presidente Vladimir Mettere in. Comprenderà le regioni ucraine.

La guerra della Russia con l’Ucraina e la conseguente situazione di stallo tra Mosca e la crisi energetica europea, che ha lasciato l’Unione europea alla ricerca di forniture di gas alternative, domineranno il vertice dell’UE il 7 ottobre.

Mercoledì l’Unione europea ha avvertito di una “risposta forte e unita” in caso di ulteriori attacchi e ha sottolineato la necessità di proteggere le infrastrutture energetiche, ma i funzionari dell’UE hanno evitato di puntare qualsiasi numero direttamente ai potenziali autori.

La prossima settimana, i leader dell’UE discuteranno l’ottavo pacchetto di sanzioni contro la Russia proposto dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, comprese restrizioni commerciali più severe, più liste nere e un tetto ai prezzi del petrolio per i paesi terzi.

Il funzionario europeo ha affermato di aspettarsi che il blocco di 27 nazioni accetti parti del pacchetto di sanzioni prima del vertice, come l’inserimento nella lista nera di ulteriori individui e alcune restrizioni commerciali relative all’acciaio e alla tecnologia.

Ha aggiunto che altre questioni come il tetto del prezzo del petrolio o la punizione delle banche potrebbero non essere risolte prima del vertice.

I paesi dell’Unione Europea hanno bisogno dell’unanimità per imporre sanzioni e il primo ministro ungherese Viktor Orban è stato un critico vocale, dicendo che le sanzioni erano “controproducenti”, facendo aumentare i prezzi dell’energia e infliggendo un duro colpo alle economie europee.

READ  Il segretario di Stato americano Anthony Blinken compie un viaggio senza preavviso in Ucraina

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scritto da Alexander Smith. Montaggio di Eileen Hardcastle e Edmund Blair

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.