Scontri tra Corea del Sud e Cina per lo scudo missilistico Usa, complicando la riconciliazione

Missili High Altitude Defensive Interceptor (THAAD) a Seongju, Corea del Sud, 13 giugno 2017. Foto scattata il 13 giugno 2017. REUTERS/Kim Hong-Ji

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

SEOUL (Reuters) – Cina e Corea del Sud si sono scontrate giovedì per uno scudo di difesa missilistico statunitense, minacciando di minare gli sforzi del nuovo governo di Seoul per superare le differenze di sicurezza di lunga data.

La polemica sul sistema di difesa dell’area ad alta quota (THAAD) installato in Corea del Sud è emersa dopo una prima visita apparentemente regolare in Cina del ministro degli Esteri sudcoreano questa settimana.

La Cina ha affermato che il potente radar del THAAD può controllare il suo spazio aereo e ha limitato il commercio e le importazioni culturali dopo che Seoul ha annunciato il suo dispiegamento nel 2016, infliggendo un duro colpo alle relazioni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Un alto funzionario dell’ufficio presidenziale della Corea del Sud ha detto ai giornalisti giovedì che il sistema THAAD è un sistema di autodifesa e non può essere soggetto a negoziati, dopo che la Cina ha chiesto alla Corea del Sud di non dispiegare più batterie e di limitare l’uso delle batterie esistenti.

Il presidente Yoon Seok-yeol, che vede il sistema come una chiave per contrastare i missili della Corea del Nord, ha promesso di abbandonare le precedenti promesse del governo di non promuovere la proliferazione del THAAD e di non partecipare a uno scudo missilistico globale guidato dagli Stati Uniti o creare un’alleanza militare tripartita che include il Giappone.

READ  Lavrov si ritira dai colloqui del G-20 dopo aver negato che la Russia stia causando una crisi alimentare | G20

Durante la campagna elettorale, il conservatore Yoon si è impegnato ad acquistare un’altra batteria THAAD, ma da quando è entrato in carica a maggio, il suo governo si è concentrato su ciò che i funzionari chiamano “normalizzare” il funzionamento dell’attuale sistema di proprietà e gestito dagli Stati Uniti.

Durante l’incontro di martedì, il ministro degli Esteri sudcoreano Park Jin e il suo omologo cinese Wang Yi hanno discusso i modi per riaprire i negoziati di denuclearizzazione con la Corea del Nord e riprendere le esportazioni culturali, come la musica K-pop e i film, in Cina. Leggi di più

Un portavoce di Wang ha dichiarato mercoledì che i due “hanno accettato di prendere sul serio le reciproche preoccupazioni legittime e di continuare a gestire questo problema con saggezza e gestirlo adeguatamente per garantire che non diventi un ostacolo per la crescita sana e costante delle relazioni bilaterali”.

Il portavoce cinese ha detto in una conferenza stampa che il dispiegamento del THAAD in Corea del Sud “mina gli interessi di sicurezza strategica della Cina”.

Il ministero degli Esteri sudcoreano ha dichiarato in una dichiarazione che Park ha detto a Wang che Seoul non rispetterà l’accordo del 2017, chiamato “Tre regolamenti”, perché non è un impegno o un accordo formale.

La Cina insiste inoltre affinché la Corea del Sud aderisca a una “restrizione unica”, che limita l’uso delle batterie THAAD esistenti. La Corea del Sud non ha mai riconosciuto l’elemento, ma mercoledì un portavoce di Wang ha sottolineato che la Cina attribuisce importanza alla situazione “tre regolamenti, una restrizione”.

Il ministro della Difesa Lee Jong Sub ha affermato che la politica relativa al THAAD non sarebbe cambiata a causa dell’opposizione della Cina e il radar del sistema non potrebbe essere utilizzato contro la Cina.

READ  Biden incontra il principe ereditario saudita nonostante l'impegno "intoccabile".

“L’attuale batteria non è strutturata per svolgere alcun ruolo nelle difese degli Stati Uniti, ma è posizionata in un luogo in cui può difendere solo la penisola coreana”, ha detto ai giornalisti.

Durante la visita di Park alla città costiera orientale di Qingdao, il Global Times, di proprietà del Partito Comunista, ha elogiato Yun per aver mostrato “diplomazia indipendente e razionale verso la Cina” non incontrando la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi durante la sua visita la scorsa settimana.

Ma il quotidiano ha avvertito che la questione del THAAD era un “grande e inevitabile pericolo nascosto nelle relazioni tra Cina e Corea del Sud”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Copertura da Hyonhee Shin a Seoul; Ulteriori segnalazioni di Su Hyang Choi a Seoul e Yu Lun Tian a Pechino. Montaggio di Josh Smith e William Mallard

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.