Seul allaga morti: la capitale sudcoreana promette di trasferire le famiglie fuori dalle case seminterrate in stile “parassita”.

Le morti, tra cui una famiglia annegata dopo essere rimasta intrappolata sottoterra, hanno spinto la capitale sudcoreana a porre fine alle persone che vivono nelle case “panjiha”, gli angusti e sudici appartamenti seminterrati resi famosi dal film “parassita”.

La famiglia di tre persone – una donna sulla quarantina con sindrome di Down, sua sorella e la nipote di 13 anni – è morta dopo che la pressione dell’acqua ha impedito loro di aprire la porta della loro casa allagata nel distretto di South Gwanak a Seoul.

Le piogge torrenziali di lunedì notte – le più intense della città in più di 100 anni – hanno causato gravi inondazioni in diversi quartieri bassi a sud del fiume Han, spazzando via le auto e costringendo centinaia di persone a evacuare.

Spesso piccolo, scuro e incline a marcire durante le estati umide, Bungie ha guadagnato fama mondiale dopo l’uscita del film vincitore dell’Oscar 2019 di Bong Joon-ho “Parasite”, che ha seguito il disperato tentativo di una famiglia immaginaria di sfuggire alla povertà. Da allora, le case rappresentano la disuguaglianza dilagante in una delle città più ricche del mondo.

Per anni, ci sono state crescenti richieste al governo di fornire alloggi più abbordabili, migliorare le condizioni di vita a Benjiha o eliminarle gradualmente, cosa che i funzionari si sono impegnati a fare dopo la protesta pubblica sulla gestione della crisi da parte del presidente Yoon Seok-yeol.

“In futuro, scantinati e scantinati (banjaha) non saranno ammessi a Seoul per scopi residenziali”, ha affermato mercoledì il governo della città di Seoul in una dichiarazione.

Tuttavia, gli esperti affermano che la promessa del governo ignora i problemi più grandi che indugiano fuori dalle mura del seminterrato, dall’aumento del costo della vita che costringe i più vulnerabili a cercare riparo in alloggi scadenti soggetti a inondazioni e calore, alcuni dei peggiori effetti del cambiamento climatico.

bunker al boom

Choi Eun-young, direttore esecutivo del Korea Center for City and Environment Research, ha affermato che l’edificio Panjihas è stato costruito per la prima volta negli anni ’70 per fungere da bunker in mezzo alle crescenti tensioni con la Corea del Nord.

READ  Berlino sta preparando un "enorme lupino" per aiutare a riscaldare le case questo inverno

Con la modernizzazione di Seoul nel decennio successivo, che ha attirato immigrati dalle aree rurali, la diminuzione dello spazio ha spinto il governo a consentire l’uso di scantinati residenziali, anche se “non sono stati costruiti per scopi residenziali, ma per rifugi antiaerei, locali caldaie o magazzini”. ha detto Choi.

I Pangeha soffrono da tempo di problemi come scarsa ventilazione e drenaggio, perdite d’acqua, mancanza di facili vie di fuga, infestazione da insetti ed esposizione ai batteri. Ma il suo prezzo basso è un’enorme attrazione poiché Seoul diventa costosa, specialmente per i giovani che devono far fronte a salari stagnanti, affitti in aumento e un mercato del lavoro saturo.

Una donna spala l'acqua da un appartamento nel seminterrato allagato a Seoul, in Corea del Sud, il 10 agosto.
prezzo medio Da un appartamento a Seoul è più che raddoppiato negli ultimi cinque anni, a 1,26 miliardi di won (963.000 dollari) nel gennaio di quest’anno, il che lo rende meno costoso rispetto a New York, Tokyo e Singapore.

I problemi di sicurezza per i suoi sopravvissuti sono sorti quando le gravi inondazioni nel 2010 e nel 2011 hanno causato decine di morti. Nel 2012, il governo ha implementato nuove leggi che vietano gli appartamenti Benjiha nelle “aree normalmente allagate”.

Ma il tentativo di riforma non ha avuto successo, poiché sono state costruite altre 40.000 panne dopo l’approvazione della legge, secondo un comunicato stampa delle autorità cittadine.

La pioggia record ha ucciso almeno 9 persone a Seoul mentre l'acqua ha inondato gli edifici e le auto allagate

Choi ha detto che i funzionari si sono nuovamente impegnati a indagare sul caso dopo che “Parasite” ha fatto luce su Pinghas, ma la pandemia di COVID-19 è andata rapidamente storta.

Nel 2020 sono rimasti più di 200.000 appartamenti a Bingha Nel centro di Seoul, costituiscono circa il 5% di tutte le famiglie, secondo l’Ufficio nazionale di statistica.

Oltre a non aver migliorato gli alloggi, il governo della città è stato preso di mira quest’anno dopo aver ridotto il budget annuale per il controllo delle inondazioni e la gestione delle risorse idriche di oltre il 15% a 17,6 miliardi di won (13,5 milioni di dollari).

famiglia annegata

Choi Tae-young, capo del quartier generale degli incendi e dei disastri della metropolitana di Seoul, ha affermato che la famiglia morta a Gwanak non poteva scappare dal proprio appartamento a causa dell’accumulo di acqua fuori dalle loro porte.

READ  La Russia è vicina alla chiusura del gas in Europa poiché la Germania respinge le accuse di non poter onorare i contratti

Martedì, il capo dei vigili del fuoco e dei soccorsi ha accompagnato il capo Yoon sul luogo della morte, dove hanno perquisito l’edificio e intervistato alcuni dei suoi residenti. Le foto mostrano il presidente seduto per strada, che fissa attraverso la finestra del piano terra l’appartamento seminterrato ancora allagato.

“Non so perché le persone non siano uscite di qui in anticipo” – un’osservazione che da allora è stata ampiamente criticata online, ha detto Yoon durante l’ispezione.

Il 10 agosto il presidente sudcoreano Yoon Seok-yeol visita il seminterrato allagato di Gwanak a Seoul, dove una famiglia è morta a causa delle inondazioni.

Uno dei residenti ha risposto: “L’acqua è entrata in un istante”.

“Ci sono voluti meno di 10 o 15 minuti (per far salire l’acqua)”, ha detto un altro residente, aggiungendo che le vittime “hanno vissuto una vita molto difficile”.

Nella sua dichiarazione di mercoledì, il governo metropolitano di Seoul ha affermato che eliminerà gradualmente gli appartamenti e i bungalow nel seminterrato “in modo che non siano abitati da persone, indipendentemente dalle normali aree soggette a inondazioni o inondazioni”.

Il sindaco di Seoul Oh Se-hoon ha affermato che Pangehas “è un tipo di alloggio arretrato che minaccia gli alloggi vulnerabili in tutti gli aspetti, compresa la sicurezza e l’ambiente residenziale, e ora deve essere sradicato”.

Il governo ha affermato in una dichiarazione che il processo di cancellazione includerebbe un “periodo di grazia” da 10 a 20 anni per i Bangha esistenti con permessi di costruzione e gli inquilini sarebbero aiutati a trasferirsi in alloggi pubblici in affitto o a ottenere buoni per l’alloggio. Ha aggiunto che dopo l’evacuazione dell’area di Benji, sarà convertita per uso non residenziale.

Il presidente sudcoreano Yoon Seok-yeol visita l'appartamento seminterrato allagato dove una famiglia è morta a Gwanak, Seoul, il 10 agosto.

Choi Eun-young, ricercatore di ecologia urbana, ha espresso dubbi sul presunto impegno del governo di sradicare Benjit, sostenendo che la proposta era eccessivamente ambiziosa e mancava di dettagli specifici come i dettagli del programma o le cifre dei compensi.

“In effetti, penso che ci sia un’altissima probabilità che sarà solo un annuncio e non verrà mantenuto”, ha detto, riferendosi a varie promesse del governo – e scarso successo – nel corso degli anni.

READ  "Non ci rendiamo nemmeno conto che è una truffa"

I più poveri sono i più colpiti

La pioggia ora si è attenuata a Seoul, ma gli esperti avvertono che questo tipo di clima estremo imprevedibile diventerà più frequente e intenso a causa del cambiamento climatico.

Park Jong-min, vicedirettore dell’ufficio stampa della Korea Meteorological Administration, ha affermato che la crisi climatica sta “aumentando la temperatura della terra e degli oceani, il che significa che la quantità di vapore acqueo che l’aria può trattenere aumenta”. “Dipende dal tempo, questa borsa d’acqua si rovescia”.

I soldati trasportano detriti da una casa allagata a Seoul, in Corea del Sud, il 10 agosto.

Come spesso accade, sembra probabile che i più poveri saranno tra i più colpiti.

“Coloro che hanno difficoltà a vivere e che soffrono di disturbi fisici saranno più vulnerabili ai disastri naturali”, ha affermato mercoledì il presidente Yun. “Solo quando sono al sicuro, la Repubblica di Corea è al sicuro”.

Problemi simili si sono verificati in altri paesi negli ultimi anni; in parti dell’India, le inondazioni monsoniche hanno ripetutamente distrutto i bassifondi; In Bangladesh, molte persone sono emigrate dai villaggi alle aree urbane per sfuggire alle inondazioni sempre più frequenti.
E il negli Stati Uniti d’AmericaLa ricerca ha scoperto che le famiglie nere, ispaniche e a basso reddito hanno maggiori probabilità di vivere in aree soggette a inondazioni.
Le inondazioni hanno distrutto la sua casa quattro volte in tre anni.  Questa è la realtà del cambiamento climatico per i poveri dell'India

A parte lo sfollamento cronico e i mezzi di sussistenza interrotti, il previsto aumento delle precipitazioni in tutta l’Asia potrebbe portare a una serie di rischi per la salute, tra cui un rischio più elevato di malattie diarroiche, febbre dengue e malaria – un altro duro colpo per le famiglie già povere senza accesso a cure mediche o mezzi. spostare.

Nel frattempo, inondazioni e siccità potrebbero causare povertà rurale e aumentare i costi del cibo, secondo le Nazioni Unite Panel intergovernativo sui cambiamenti climatici.

Choi Eun-young ha affermato che i residenti di Pangaeha a Seoul corrono un doppio rischio di inondazioni e ondate di caldo.

“I cambiamenti provocati dalla crisi climatica sono quasi catastrofici, soprattutto per i più vulnerabili, perché non dispongono di alloggi adeguati per rispondere a queste condizioni”, ha affermato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.