Shanghai estenderà il blocco di 26 milioni di persone per rivedere i risultati dei test COVID

  • Shanghai ha segnalato 9.006 casi asintomatici e asintomatici il 3 aprile
  • La città lancia la più grande risposta di salute pubblica da quando è emerso il virus
  • I cittadini si lamentano delle condizioni igieniche nei centri di quarantena

SHANGHAI, 4 aprile (Reuters) – Shanghai rimarrà chiusa, hanno detto le autorità lunedì mentre esaminano i risultati di un esercizio per testare tutti i suoi 26 milioni di residenti per il COVID-19.

La città ha iniziato il suo blocco in due fasi il 28 marzo, inizialmente nei distretti orientali di Shanghai, e successivamente ampliata per includere l’intera città.

Le restrizioni, che hanno interrotto in modo significativo la vita quotidiana e le operazioni commerciali nell’hub finanziario cinese, dovevano inizialmente scadere alle 5:00 ora locale (21:00 GMT) di martedì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“La città continuerà ad attuare la gestione dei sigilli, il controllo e la rigorosa attuazione del ‘rimanere a casa’, ad eccezione delle cure mediche”, ha affermato il governo della città nel suo account ufficiale WeChat.

Non ha indicato quando le restrizioni potrebbero essere revocate.

Il Paese ha inviato lunedì i militari e migliaia di operatori sanitari a Shanghai per aiutare a condurre i test COVID-19 per tutti i suoi 26 milioni di residenti, in una delle più grandi risposte di salute pubblica del Paese.

Alcuni residenti si sono svegliati prima dell’alba per fare la fila per gli operatori sanitari in bianco per schiarirsi la voce come parte di un test del DNA nel loro complesso di appartamenti.

L’Esercito popolare cinese di liberazione (EPL) domenica ha inviato più di 2.000 operatori sanitari da vari dipartimenti dell’esercito, della marina e delle forze di supporto logistico congiunte a Shanghai, secondo quanto riportato da un giornale delle forze armate.

Circa 38.000 operatori sanitari provenienti da province come Jiangsu, Zhejiang e la capitale Pechino sono stati inviati a Shanghai, secondo i media statali, che li hanno mostrati arrivare carichi di valigie e mascherati, su un treno ad alta velocità e un aereo.

È la più grande risposta di salute pubblica della Cina da quando ha affrontato l’epidemia iniziale di COVID-19 a Wuhan, dove il nuovo coronavirus è stato rilevato per la prima volta alla fine del 2019. L’Esercito popolare di liberazione ha inviato più di 4.000 personale medico nella provincia di Hubei, dove il Consiglio di Stato ha affermato l’Esercito popolare di liberazione ha inviato più di 4.000 medici nella provincia di Hubei, dove si trova Wuhan, in quel momento.

READ  Vettore

Shanghai, che ha iniziato un blocco in due fasi il 28 marzo che è stato ampliato per limitare praticamente tutti i residenti nelle loro case, il 3 aprile ha segnalato 8.581 casi asintomatici di COVID-19 e 425 casi asintomatici di COVID. Domenica.

La città è emersa come un banco di prova per la strategia cinese di sbarazzarsi di COVID basata su test, tracciamento e quarantena di tutti i casi positivi e dei loro stretti contatti.

Il paese ha 12.400 istituzioni in grado di elaborare test per un massimo di 900 milioni di persone al giorno, secondo quanto riferito il mese scorso da un alto funzionario sanitario cinese.

La Cina utilizza principalmente i test in piscina, un processo in cui fino a 20 campioni di tamponi vengono mescolati insieme per un’elaborazione più rapida.

La città ha anche convertito diversi ospedali, palestre, complessi di appartamenti e altri luoghi in luoghi di quarantena centrali, incluso lo Shanghai New International Exhibition Center che può ospitare 15.000 pazienti a pieno regime.

Sabato, la polizia di Shanghai ha affermato che le persone che si rifiutano di sottoporsi a un test COVID senza giustificato motivo dovranno affrontare sanzioni amministrative o penali.

frode generale

L’aumento del sostegno statale a Shanghai arriva quando la città è messa a dura prova dalle richieste della strategia di “sgombero dinamico” del paese, con alcuni residenti che si lamentano dei centri di quarantena centrali affollati e antigienici, nonché delle difficoltà nel garantire cibo e assistenza medica.

Alcuni stanno iniziando a mettere in discussione le politiche, chiedendosi perché i bambini con coronavirus vengono separati dai loro genitori. Anche i diplomatici occidentali hanno esortato la Cina a non farlo. Per saperne di più

I bambini possono essere accompagnati dai genitori se anche i genitori sono infetti, ma separati se non lo sono, ha detto lunedì Wu Qianyu, funzionario di Shanghai in una conferenza stampa, aggiungendo che le politiche sono ancora in fase di perfezionamento.

C’è stata anche una crescente domanda pubblica sul perché le infezioni lievi o asintomatiche – la maggior parte dei casi di Shanghai – non possono essere isolate a casa. Per saperne di più

Un residente di Shanghai, che ha chiesto di non essere nominato per motivi di privacy, ha detto a Reuters di essere stato portato in una struttura di quarantena centrale domenica notte dopo aver riportato un risultato positivo in un autotest più di una settimana fa.

Un altro test dell’antigene sabato ha mostrato che non era più infetto, ma le autorità hanno insistito sul fatto che fosse mandato in quarantena, dove è stato messo in un appartamento dove doveva condividere il bagno con altri due pazienti, entrambi affetti ancora dal virus.

“Com’è questo isolamento?” Ha detto, aggiungendo che ora teme una reinfezione. “Non sono dell’umore giusto per fare niente in questo momento, non riesco a dormire.”

Lunedì, i video che circolano sull’app di messaggistica WeChat hanno mostrato dozzine di persone che si precipitavano a strappare biancheria da letto e forniture dal pavimento di terra battuta di quello che secondo il poster era un centro di quarantena i cui edifici sono ancora disseminati di materiali da costruzione.

La Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente il filmato.

Lavoratori sotto pressione

Anche la pressione sugli operatori sanitari della città e sui membri del Partito Comunista è stata grande, lavorando 24 ore su 24 per gestire il blocco della città e affrontare le frustrazioni dei residenti.

Foto e video sono circolati sui social media cinesi di lavoratori e volontari esausti che dormono su sedie di plastica o sull’erba fuori dai complessi di appartamenti, o vengono rimproverati dai residenti.

READ  Vettore

Sabato, il China Pudong Center for Disease Control della città ha dichiarato che stava indagando su una registrazione trapelata di una chiamata tra un membro dello staff e un parente malato, che è rimasto sconcertato dai risultati del test COVID di suo padre.

La dipendente del CDC, identificata dai media locali come l’esperta di malattie infettive Zhu Weiping, può essere ascoltata dire indignata di aver espresso le sue preoccupazioni sulle attuali regole di quarantena e test e che il virus è diventato “politico”.

La Reuters non è stata in grado di verificare in modo indipendente la registrazione, che è diventata virale sui social media cinesi.

Gli utenti della piattaforma di social media Weibo hanno avviato l’hashtag “Proteggi Zhu Weiping”, che entro lunedì aveva raggiunto 2,9 milioni di visualizzazioni, nel timore di poter subire una penalità per aver parlato contro la linea ufficiale.

Il presidente cinese Xi Jinping ha esortato il Paese a frenare lo slancio dell’epidemia il prima possibile, pur attenendosi alla politica di “disinfezione dinamica”. Per saperne di più

Sabato, il vicepremier Sun Chunlan, inviato a Shanghai dal governo centrale, ha esortato la città a “prendere provvedimenti risoluti e rapidi” per arginare l’epidemia.

La città orientale di Suzhou ha affermato di aver rilevato una versione della variante Omicron BA.1.1 che non corrispondeva a nessun’altra variante nel database locale o nel database internazionale di tracciamento delle varianti GISAID, secondo quanto riportato dalla TV di stato.

Il quotidiano Science and Technology sostenuto dallo stato ha affermato che non era ancora chiaro se il virus fosse un nuovo ramo secondario di Omicron e che l’emergere di una o due nuove copie era normale data la prevalenza di Omicron in Cina, citando un esperto non identificato che ha un nativo. Banca dati.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Brenda Goh, David Kirton e Shanghai Newsroom; Montaggio di Stephen Coates, Jerry Doyle, Raju Gopalakrishnan, Ed Osmond e Chizu Nomiyama

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.