Stagione 6, Episodio 13, “Saal Khan”

Rhea Seehorn in Meglio chiamare Saul

Rea Seehorn Meglio chiamare Saulo
Fotografia: Greg Lewis/AMC/Sony Pictures Television

Quando è stato chiesto un suggerimento su come Meglio chiamare Saulo Da completare durante il panel del Tribeca Festival a giugno, Bob Odenkirk ha offerto due parole: “Second Life”. L’indizio si rivelò più sinistro e preciso di quanto chiunque potesse immaginare. E questo è era Una sorta di finale perfetto e un nuovo inizio per Jimmy McGill.

Jimmy conduce a Saul, che conduce brevemente a Jean Dagovich, che torna da Saul, che afferma di riscattarsi come Jimmy. L’86enne è stato condannato a sette anni di prigione per dimostrare di non essere stato troppo sviato, non importa cosa gli hanno detto Mike Ehrmantraut, Walter White e suo fratello Chuck. Trucco di Jimmy alla fine.

Il jeans rotto è stato fatto dall’intrepida ricercatrice di Ask-Jeeves Marian, che ha usato il suo LifeAlert per informare la polizia di dove si trova Saul Goodman, completo di dettagli dell’auto e numero di targa. Ha cercato di andarsene con il suo barattolo di bende pieno di diamanti, ma i gioielli di Slippin’ Jimmy gli sono sfuggiti di mano mentre si nascondeva in un cassonetto e gli agenti di polizia di Omaha lo hanno portato a Husco. La trama dello showrunner e sceneggiatore e regista di episodi Peter Gould manda Saul in prigione all’inizio del finale, aumentando la nostra eccitazione per ciò che verrà.

Una delle più grandi apparizioni a sorpresa dell’episodio è stata l’avvocato di Saul, o “consulente”, Bill Oakley, un ex procuratore distrettuale di Albuquerque che ha preso il posto di Saul su una panchina dell’autobus mentre pubblicizzava la sua nuova posizione di avvocato difensore. Non in soggezione per il successo di Jimmy dopo aver appreso del suo legame con i Salamanca, Bill accetta comunque l’invito di Saul e accetta di rappresentarlo dopo che Saul ha promesso di fare miracoli per la sua credibilità legale. Dalla modesta automobile che guida, immaginiamo che potrebbe usare un lavoro di fascia alta. Non che Saul stia facendo un favore a Bill. Bill è lì per aiutare Saul a mantenere una piccola credibilità di strada locale, qualcuno che non ha un carico di accuse penali in sospeso, condanna Saul a una generosa condanna a sette anni in una comoda prigione tipo Club Fed (in Butner, North Carolina, dove morì Bernie Madoff), vantaggi per il golf e pinte settimanali di menta, gelato con gocce di cioccolato. Quest’ultimo vantaggio dimostra che anche nella situazione di Saul, può avere il sopravvento e sconfiggere l’avvocato che si dice non abbia mai perso una causa. Anche dopo decenni in prigione, può possedere completamente il suo nemico.

Ma poi, una svolta: quando Saul cerca di giocare un’altra carta raccontandogli nuove e succose informazioni sulla morte di Howard Hamlin, scopre che Kim ha infangato la polvere come parte di una raccolta di confessioni che ha già dato. Albuquerque DA e la vedova di Howard, Cheryl. Gli racconta tutto del suo ruolo nelle circostanze dell’omicidio di Howard, scioccandolo con ciò che Kim gli ha chiesto di fare durante la loro recente telefonata tesa.

All’inizio, pensiamo che Saul sia arrabbiato per il fatto che Kim si sia approfittato di lui e abbia limitato ciò che poteva ottenere dal governo. Gli piace molto quel gelato settimanale Blue Bell, e Bill dice davanti al maresciallo che lo accompagna nell’aula del tribunale di Albuquerque, qualcosa che è sicuro che Kim non condivide. potrebbe essere usato contro di lei, forse provocando una devastante azione civile contro di lei da parte di Cheryl Hamlin. Saul sembra ansioso di farlo, e quando l’assistente del procuratore distrettuale di Albuquerque Suzanne Erickson informa Kim che Saul ha intenzione di presentare una nuova testimonianza che lo coinvolge, Kim osserva i suoi ultimi imbrogli in aula.

Ma c’è un’altra svolta, che spiega il riferimento di Bob Odenkirk al finale e il titolo del finale, “Saul Khan”. Saul ha mostrato una scena spettacolare del segnale di uscita dall’aula sopra la sua testa per sottolineare al giudice che l’impresa criminale di Walter White gli aveva fatto guadagnare milioni di dollari e che Walt sarebbe finito senza manovre legali per conto di Walt. In galera per un mese. Saul si emoziona mentre cerca di parlare con Howard di quello che è successo, ma quando vede Kim in fondo alla stanza e vede che lei lo sta ascoltando, finalmente rivela a Chuck cosa ha fatto e ha rovinato la sua capacità di allenatore. Law, per ferirlo apposta, dopo di che Chuck si uccide. “Vivrò con quello”, dice Saul. E, ufficialmente, per assicurarsi che tutti sappiano come ci si sente quando Kim si è girata e ha fissato gli occhi su di lei, il signor Saul ha chiesto al giudice. Corregge Goodman quando gli chiede di sedersi. «Il nome è McGill. Sono James McGill,” disse, indicando se stesso e togliendosi la giacca del suo vestito molto brillante di Saul.

Bob Odenkirk in Meglio chiamare Saul

Dentro Bob Odenkirk Meglio chiamare Saulo
Fotografia: Greg Lewis/AMC/Sony Pictures Television

Il povero Bill cerca di salvare una parvenza di caso, perché quando Saul ottiene il suo Jimmy McGill e si riscatta con Kim, si costa quel dolce contratto governativo. Infatti, lasciando Saul, Jimmy è stato portato in prigione in autobus… non Madoff, ma Montrose, che aveva precedentemente descritto come “l’Alcatraz di Rocky”. E dovrebbe rimanere lì per i prossimi otto decenni e mezzo, il che significa un’ergastolo con tempo libero per buona condotta.

Tuttavia, non tutto è perduto: durante quel viaggio in autobus, i suoi compagni di reclusione lo riconoscono non come Jimmy, ma come “Meglio chiamare Saul”, e battono i piedi e gridano il suo tormentone in lode del loro eroe. Dentro Montrose, è chiaro che è pronto a riportare il suo Saul a vivere quella frase il più comodamente possibile. Le sue coorti si riferiscono a lui come Saul, e una scena in cui aziona una macchina per la farina ci inganna facendoci pensare che potremmo essere di nuovo a Chinnapan finché non vediamo Saul che fa il pane nella cucina della prigione.

Poi riceve una visita dal suo avvocato, ma non è Bill. Kim usa la sua vecchia tessera del bar del New Mexico per vedere il suo ex marito. In un’altra scena meravigliosamente girata, Kim e Jimmy (come lei lo chiama) sono uno di fronte all’altro nella stanza delle visite, condividendo una sigaretta che ha nascosto per lui. Un minuto, la chimica trasuda quando i due sono nel parcheggio HHM, passandosi sigarette avanti e indietro nel primo episodio della serie, “Uno”.

È una riunione molto emozionante, breve, e mentre Jimmy è in piedi nel cortile, guardando Kim che se ne va, spara pistole a dita e gliele lancia mentre se ne va. Stanno ai lati opposti delle recinzioni, della libertà, ma Kim potrebbe tornare. Dice di essere venuta a trovare Jimmy con quella tessera del bar del New Mexico che non aveva data di scadenza. A Kim, come Jimmy, piace piegare un po’ di più le regole da solo.

Osservazioni errate

  • Chi vuole di più un cameo flashback a sorpresa: Bill Oakley di Peter DeSeth, Mike di Jonathan Banks, Chuck di Michael McKean, Walter di Bryan Cranston o Mary Schrader di Betsy Brand che cercano di assicurarsi che Saul venga punito. Giustizia per lei Hank? Una scelta naturale per l’inevitabile viaggio in prigione di Saul era un gradito raduno di favoriti.
  • La grande occasione di Jimmy è iniziata con le immersioni nei cassonetti per aiutare i residenti di Sandpiper a citare in giudizio l’azienda. La sua vita in prigione inizia in un altro cassonetto, dove lascia cadere tutti quei diamanti e distrugge le possibilità di Ed di avere un’altra vita.
  • Senza dubbio, la battuta più divertente di Jimmy Chuck su un negozio di artigianato che descrive come sta andando la sua pratica legale: “Uno dei miei clienti, è stato sorpreso a sventolare un piagnucolone fuori da una lobby di hobby”.
  • Durante i flashback di Mike (durante il loro famigerato viaggio nel deserto in “Pacman”) e Walt (dal loro tempo insieme nel seminterrato di Ed, in attesa di essere trasportati nella loro nuova vita), Jimmy è curioso di sapere cosa faranno. Diverso con accesso al viaggio nel tempo. Walt, nei suoi modi più arroganti e sprezzanti, fa notare che il viaggio nel tempo non è possibile, e poi dice che ciò che Saul vuole davvero è che loro discutano di ciò che li turba. Più tardi, in un flashback della visita con Chuck, Chuck ha un libro tascabile sul bancone della cucina: HG Wells’ Macchina del tempo.
READ  Il Signore degli Anelli: Programma di rilascio degli anelli del potere: quando è l'episodio 3 su Amazon Prime Video?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.