Suu Kyi del Myanmar incarcerato ai lavori forzati per frode elettorale

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Reuters) – Il deposto leader del Myanmar Aung San Suu Kyi è stato condannato venerdì per frode elettorale e condannato a tre anni di carcere con lavori forzati, secondo una fonte a conoscenza del procedimento.

Il premio Nobel e leader dell’opposizione del Myanmar è stato detenuto per decenni sotto il governo militare dopo un colpo di stato all’inizio dello scorso anno ed è già stato condannato a più di 17 anni di carcere. Nega tutte le accuse contro di essa.

Venerdì, è stata condannata per frode alle elezioni generali del novembre 2020 che la Lega nazionale per la democrazia ha vinto con una schiacciante maggioranza legislativa, sconfiggendo un partito istituito dai potenti militari.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La fonte, che ha chiesto di non essere identificata perché non autorizzata a parlare con i media, ha affermato che questa è la prima volta che la pena dei lavori forzati viene applicata alla condanna di Suu Kyi e non è chiaro cosa comporterebbe.

La fonte ha affermato che l’imputato Win Myint, il presidente estromesso, è stato condannato alla stessa punizione.

Un portavoce del consiglio militare al potere non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Il consiglio militare ha detto che Suu Kyi, 77 anni, riceverà un giusto processo.

Ex prigionieri hanno riferito a Reuters delle dure condizioni in alcune carceri del Myanmar e negli ultimi anni i media hanno riferito di ceppi e lavori forzati nelle cave di alcune strutture.

Il consigliere di Stato del Myanmar, Aung San Suu Kyi, partecipa alla Conferenza sugli investimenti del Myanmar a Naypyitaw, Myanmar, il 28 gennaio 2019. REUTERS/Ann Wang/file foto

Tuttavia, un funzionario dell’Association to Aid Political Prisoners, un gruppo di attivisti che tiene traccia delle detenzioni, ha affermato di non aspettarsi che prigionieri politici di alto profilo come Suu Kyi siano sottoposti a lavori forzati, anche perché significherebbe fraternizzare con altri prigionieri.

READ  La leader di Hong Kong Carrie Lam ha dichiarato che non si candiderà per un secondo mandato

Ha anche affermato che le leggi sulle carceri del Myanmar stabiliscono che gli anziani o le persone in cattive condizioni di salute dovrebbero evitare tale lavoro.

I militari hanno preso il potere nel febbraio 2021 per impedire all’NLD di Suu Kyi di formare un nuovo governo dopo le elezioni che secondo loro contenevano casi di frode che non erano stati adeguatamente indagati.

L’NLD ha negato la frode e ha affermato di aver vinto in modo equo.

Suu Kyi è sotto processo da più di un anno con molteplici accuse, che vanno da corruzione e sedizione alla divulgazione di segreti ufficiali, per i quali la pena massima combinata ha superato i 190 anni.

I suoi processi si sono svolti a porte chiuse nella capitale, Naypyitaw, e le dichiarazioni della giunta sul procedimento sono state limitate. All’avvocato di Suu Kyi è stato imposto un ordine di bavaglio.

A giugno, le autorità militari del Myanmar si sono trasferite da un luogo sconosciuto all’isolamento in una prigione della capitale, Naypyitaw.

In risposta a una richiesta di un funzionario delle Nazioni Unite in visita che chiedeva a Suu Kyi di tornare a casa, il capo della giunta Min Aung Hlaing ha detto il mese scorso che avrebbe preso in considerazione l’idea di spostarla agli arresti domiciliari, ma solo dopo che tutti i verdetti nei suoi casi erano stati approvati. ricevuta. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione da parte del personale Reuters. Scritto da Martin Petty / Ed Davies; Montaggio di Clarence Fernandez, Robert Percell e Nick McPhee

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  La regina Elisabetta appare di nuovo alla celebrazione del Giubileo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.