Sydney McLaughlin ha battuto il record di 400 ostacoli con un 50.68

NuovoPuoi ascoltare gli articoli di Fox News ora!

Nel mondo degli ostacoli pre-Sydney McLaughlin, ci sono voluti anni per radere secondi ai record e vincere le gare non significava sempre riscrivere la storia.

Questa atleta irripetibile distrugge rapidamente quella mentalità mentre distrugge i record che stabilisce più e più volte.

Sydney McLaughlin degli Stati Uniti riceve la sua medaglia d’oro dopo la finale dei 400 metri a ostacoli femminili ai Campionati mondiali di atletica leggera a Eugene, Oregon, venerdì 22 luglio 2022.
(Foto AP/Ashley Landis)

Il 22enne McLaughlin ha stabilito il record mondiale per la quarta volta in 13 mesi. Venerdì ha corso nei 400 metri a ostacoli Campionato Mondiale in 50,68 secondi. Ha rotto il suo vecchio segno di 0,73 secondi, un numero ridicolo per una gara di questa distanza e nel mondo prima di McLaughlin, che ha impiegato 33 anni per essere stabilito.

Ha battuto l’olandese Femke Pols, seconda in classifica, di 1,59 secondi. Il principale rivale di McLaughlin, Dalilah Muhammad, è arrivato terzo in 53,13 secondi, il che avrebbe facilmente vinto il titolo mondiale sette anni fa.

Noah Lyles ha stabilito un record americano con una vittoria sui 200 metri, guidando lo sweep americano

Eppure, mentre McLaughlin ha riassunto il suo asporto della serata, una serata in cui ha tenuto una gara, si è trasformato in una. Gli eventi imperdibili della pista – Non è pronta per annunciare che ha corso la gara perfetta.

“Non ho avuto la possibilità di guardarlo, quindi dovrò tornare indietro e parlarne con il mio allenatore”, ha detto McLaughlin. “Ma penso che ci siano sempre cose su cui devo migliorare, specialmente nel nostro evento in cui penso che stiamo spingendo i confini di questo sport”.

READ  I sintomi quotidiani del gozzo in Cina sono tre volte più alti

Dopo che McLaughlin l’ha presa Medaglia d’oro E ascoltando “The Star-Spangled Banner”, il presidente della World Athletics Sebastian Coe gli ha consegnato un assegno di $ 100.000, un premio per aver battuto il record mondiale. Ha segnato la quarta gara importante in cui ha migliorato il segno.

Sydney McLaughlin degli Stati Uniti, medaglia d'oro nei 400 metri ostacoli femminili, posa con un segno dopo aver vinto la finale femminile di 400 metri ostacoli ai Campionati mondiali di atletica leggera in Ore., venerdì 22 luglio 2022.

Sydney McLaughlin degli Stati Uniti, medaglia d’oro nei 400 metri ostacoli femminili, posa con un segno dopo aver vinto la finale femminile di 400 metri ostacoli ai Campionati mondiali di atletica leggera in Ore., venerdì 22 luglio 2022.
(Foto AP/Ashley Landis)

In una notte limpida, perfetta, a 72 gradi all’Hayward Stadium, McLaughlin ha lasciato Ball e Muhammad a 150 yard dalla fine. Quando l’americano ha raggiunto l’ultima curva, era chiaro che questa sarebbe stata sicuramente una corsa contro il tempo.

“E ‘stato pazzesco”, ha detto Ball. “Alla fine era così avanti che quasi dubitavo di aver fatto davvero una buona gara. Poi, ho guardato l’ora e ho pensato: ‘Wow, questo spiega molto'”.

Quando McLaughlin finì, si accovacciò sul pavimento, guardò il tabellone segnapunti e disse: “Fantastico, fantastico”. Si tenne le ginocchia e sorrise. Un minuto dopo, l’icona, la leggenda del Bigfoot, l’ha fotografata mentre teneva un cartello con la scritta “World Records My Favorite Food”.

Il record di 400 ostacoli della russa Yulia Bechonkina di 52,34 è rimasto nei libri per 16 anni quando Muhammad, non McLaughlin, lo ha abbassato a 52,20 ai campionati statunitensi del 2019 in Iowa.

CLICCA QUI PER ULTERIORI COPERTURA SPORTIVA SU FOXNEWS.COM

A quel tempo, l’allenatore di Muhammad, Boogie Johnson, disse che da tempo c’era la percezione che il record russo fosse “un po’ debole” e maturo per l’acquisizione. Muhammad l’ha rotto di nuovo ai Mondiali del 2019 alle 52.16.

READ  New Yorker: Milley pronto a perdonare Trump con una lettera di dimissioni inedita dopo il photo-op di Lafayette Square

Ciò ha battuto McLaughlin di appena 0,07, spingendolo ad apportare modifiche.

Da quando ha collaborato con l’allenatore Bobby Kersey, ha battuto il record alle prove olimpiche dello scorso anno (51,90), alle Olimpiadi (51,46) e alle nazionali il mese scorso. (51.41) Ora, questo: un miglioramento dell’1,4% rispetto a un massimo di quattro settimane e un viaggio inaugurale negli anni ’50.

“Ho decisamente pensato che fosse possibile”, ha detto Muhammad. “Dopo quella gara, penso che 49 sia possibile.”

McLaughlin ha stabilito tre dei suoi quattro record all’Hayward Stadium su questa pista. Muhammad ha trasformato quello che era il miglior incontro uno contro uno in pista – lei contro Muhammad – in uno spettacolo personale per ora.

La grande domanda: come?

Alcune delle risposte risiedono in una combinazione di superfici della pista migliorate, nuova tecnologia che impedisce al grande Edwin Moses di paragonarlo ai “trampolini nelle tue scarpe” e un nuovo regime di allenamento di Kersey, che ha lavorato con tutti i grandi d’America. Prima delle Olimpiadi dell’anno scorso.

Ma soprattutto, talento puro.

“È praticamente tutto ciò che hai fatto in una gara, dove hai lasciato che il tuo corpo lo facesse”, ha detto McLaughlin.

Fare clic qui per ottenere l’app Fox News

Un altro modo per guardare al predominio di McLaughlin: attraversare la pista nei 10 ostacoli ha richiesto 1,57 secondi in più di quanto Shaunae Miller-Uibo delle Bahamas aveva bisogno per vincere i 400 piatti, tenuti mezz’ora prima dell’evento principale.

Nella gara maschile, l’americano Michael Norman ha vinto il titolo mondiale in 44,29 secondi, staccandosi dal campione olimpico 2012 Karani James negli ultimi 80 metri.

Norman ha ricevuto una standing ovation da quasi tutto lo stand, pensando che il fulcro emotivo della serata fosse arrivato pochi istanti prima. La lanciatrice di giavellotto Kara Winger, 36 anni, dopo il suo secondo intervento chirurgico all’ACL, ha lanciato 64,05 metri (210 piedi, 1 pollice) nel suo sesto e ultimo tentativo di finire seconda dietro all’australiana Kelsey-Lee Barber.

È stata la sua prima medaglia in un torneo importante per l’otto volte campione nazionale, che ha recuperato un sistema di cavi e carrucole nel suo cortile per continuare il suo allenamento durante la pandemia.

Poi è arrivato McLaughlin. Lei e Muhammad hanno spostato il conteggio delle medaglie degli Stati Uniti da 26 a otto. Gli americani hanno bisogno di altri cinque per battere il loro record di campionato. Il fine settimana ha visto più staffette, inclusa la staffetta a sorpresa di Allison Felix nella 4×400.

Non sorprende vedere McLaughlin (e Muhammad) nella staffetta 4×400 degli Stati Uniti, come hanno fatto la scorsa estate a Tokyo, dove hanno aiutato gli Stati Uniti a vincere l’oro.

Parlando dei 400 appartamenti, McLaughlin ha preso in giro l’idea che potrebbe avere un futuro lì.

“Il mio allenatore pensa che ci sia ancora molto da fare”, ha detto. “A volte, potremmo fare 4 o 100 ostacoli. Dice di goderci davvero i 400 ostacoli quando lo faccio, e poi, se vuoi espanderti, vai da lì. Quindi, il cielo è sicuramente il limite”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.