Terremoto in Messico: un forte terremoto nello stato di Michoacan seguito da un allarme tsunami



CNN

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha affermato che un terremoto di magnitudo 7,7 al largo della costa sud-occidentale del Messico, nello stato di Michoacan, lunedì, ha innescato allerta tsunami e causato almeno una morte.

L’epicentro del forte terremoto si è verificato in un’area scarsamente popolata nello stato di Michoacan, vicino alla costa. Nella vicina Colima, a circa 100 chilometri dall’epicentro, è stata segnalata una scossa molto forte in grado di causare danni “moderati”, secondo i dati dell’USGS.

A Città del Messico, a circa 500 km di distanza, sono state segnalate vibrazioni “da lievi a moderate”, in grado di causare danni “leggerissimi”, soprattutto nelle strutture vulnerabili. Non sono state ancora registrate vittime o danni noti a Città del Messico, secondo il sindaco della città, Claudia Sheinbaum.

I canali di notizie locali hanno riferito che i vigili del fuoco hanno chiuso al pubblico alcuni edifici a Città del Messico per timore di un crollo.

Una persona ha perso la vita dopo che una recinzione è caduta in un centro commerciale a Manzanillo, nello stato di Colima occidentale, ha detto sui social media il presidente Lopez Obrador, citando Jose Rafael Ojeda Duran, Segretario della Marina.

La coordinatrice della protezione civile messicana Laura Velasquez ha confermato la morte in una conferenza stampa a mezzogiorno di lunedì.

La magnitudo del terremoto è stata inizialmente riportata dallo United States Geological Survey (USGS) come 7,6. L’Agenzia sismologica nazionale del Messico ha successivamente aggiornato la forza a 7,7 in una conferenza stampa lunedì.

Secondo l’US Geological Survey, il sisma ha colpito circa 37 chilometri a sud-est della città dell’Aquila, a una profondità di circa 15,1 chilometri.

Immediatamente dopo il terremoto, il Pacific Tsunami Warning Center ha affermato che onde fino a 3 metri potrebbero colpire il Messico. È possibile che le prime onde di tsunami si siano già verificate in località costiere come Manzanillo e Acapulco, e potrebbero colpire anche la zona turistica di Puerto Vallarta.

L’organizzazione ha affermato che onde di tsunami inferiori a 0,3 metri potrebbero verificarsi anche lungo le coste del Pacifico di Colombia, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama e Perù.

La notizia è arrivata 5° anniversario del terremoto del 2017 che ha ucciso 216 persone a Città del Messico.

L’US Geological Survey ha riferito all’epoca che l’epicentro del terremoto di magnitudo 7,1 era 2,8 miglia (4,5 km) a est e nord-est di San Juan Raposo e 34,1 miglia (55 km) a sud-ovest della città di Puebla, nello stato di Puebla.

READ  Almeno cinque morti in un terremoto di magnitudo 6,1 al largo delle coste del Golfo dell'Iran

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.