Truss, uno dei preferiti del primo ministro britannico, promette un’azione immediata sull’energia

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

LONDRA (Reuters) – Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha dichiarato domenica che avrebbe preso provvedimenti immediati nella sua prima settimana in carica per far fronte all’aumento delle bollette energetiche e all’impennata delle forniture energetiche se fosse stata nominata primo ministro, come previsto.

È ampiamente previsto che il Partito conservatore al potere nominerà il suo nuovo leader e nuovo primo ministro britannico lunedì mentre il paese è alle prese con quella che dovrebbe essere una recessione prolungata, inflazione a due cifre e disordini industriali.

È una lista lunga e costosa per il prossimo leader che sostituirà il primo ministro Boris Johnson. Truss ha detto che sarebbe stata audace nell’affrontare l’economia vacillante, ribadendo la sua promessa di stimolare la crescita per riparare la sua lunga lista di mali.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scrivendo sul Sunday Telegraph, ha affermato di aver capito quanto fosse difficile la crisi del costo della vita per i britannici e avrebbe intrapreso “azioni decisive per garantire che le famiglie e le imprese possano superare questo e l’inverno successivo”.

“Se eletto, ho in programma durante la prima settimana della mia nuova amministrazione di determinare le nostre azioni immediate sulle bollette energetiche e sull’approvvigionamento energetico”, ha affermato.

“Un evento finanziario seguirà a fine mese dai miei consulenti, con un pacchetto più ampio di misure sull’economia”.

Il Sunday Times ha citato fonti che hanno familiarità con il ministero delle finanze affermando che il costo del piano di Truss supererebbe facilmente i 100 miliardi di sterline (115 miliardi di dollari), la maggior parte dei quali sarebbe stata aggiunta ai prestiti del governo.

READ  Tifone Chapa: Hong Kong afferma che è necessario un "miracolo" per trovare più sopravvissuti dall'isola sommersa di Fujiing 001. La Cina ne ha appena trovato uno

Pressata in un’intervista con la BBC sul suo piano, Truss ha rifiutato di fornire alcun dettaglio, dicendo che non era appropriato approfondire la sua strategia esatta prima di entrare in carica. Non ha commentato il numero di 100 miliardi di sterline.

“Agirò se sarò eletta primo ministro tra una settimana”, ha detto domenica al Laura Koensberg Show.

“disastro”

Sul Telegraph, ha affermato che il suo approccio sarebbe duplice: un’azione immediata per affrontare la crisi del costo della vita e un piano per la crescita economica. Nominerà anche il Consiglio dei consulenti economici per ottenere le “migliori idee” per l’economia.

Ha scritto: “Dobbiamo prendere le decisioni difficili per assicurarci di non trovarci in questa situazione ogni autunno e inverno. Attaccare cerotti e prendere a calci una lattina per strada non farà il trucco. Sono pronta a fare il difficile decisioni per ricostruire la nostra economia”. .

Il suo rivale, l’ex ministro delle finanze Rishi Sunak, ha anche cercato di affinare le sue credenziali per affrontare l’aumento delle bollette energetiche, dicendo che avrebbe dato a tutti i britannici un sostegno finanziario, con un aiuto aggiuntivo per le persone a basso reddito e i pensionati.

Dopo settimane trascorse in una gara di leadership spesso irascibile, lunedì sarà l’inizio di una transizione di potere da parte di Johnson, che è stato estromesso dalla carica di leader dopo che mesi di scandali hanno prosciugato il sostegno del suo partito nei suoi confronti.

Il vincitore con il maggior numero di voti tra i membri conservatori sarà annunciato lunedì e il giorno successivo il nuovo primo ministro incontrerà la regina Elisabetta e le chiederà di formare un governo. Leggi di più

READ  La Russia riprende i bombardamenti a lungo raggio delle città ucraine

Oltre all’immediata crisi del costo della vita, il nuovo primo ministro dovrà anche fare i conti con un numero crescente di scioperi, lunghe liste d’attesa nel servizio sanitario pubblico e la sentenza del tribunale del mese prossimo sulla candidatura all’indipendenza della Scozia.

In un segno che le relazioni con la Scozia potrebbero inasprirsi se Truss salisse al potere, il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha detto che avrebbe fatto tutto il possibile per lavorare con il ministro degli Esteri.

“Se avesse governato durante la campagna durante l’estate, sarebbe un disastro non solo per la Scozia ma per il Regno Unito”, ha detto Sturgeon a Sky News. “Ma speriamo che non sia così”.

(dollaro = 0,8690 sterline)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Elizabeth Piper) Montaggio di Angus McSwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.