Un manifestante di Hong Kong ha preso d’assalto il terreno del consolato cinese a Manchester ed è stato picchiato

Un manifestante pro-democrazia di Hong Kong è stato preso d’assalto all’interno del consolato cinese a Manchester domenica ed è stato picchiato.

Assalitori non identificati sono usciti dal consolato e hanno costretto un uomo a entrare nel complesso prima di fuggire con l’aiuto della polizia e di altri manifestanti.

“Mi hanno trascinato dentro e mi hanno picchiato”, ha detto il manifestante alla BBC.

Un portavoce del consolato ha detto che i manifestanti hanno mostrato un’immagine offensiva del presidente cinese.

Il ministero degli Esteri ha detto che cerca urgentemente di chiarire l’incidente. La polizia di Greater Manchester ha avviato un’indagine.

Parlando dopo l’incidente, il manifestante Bob ha detto alla BBC della BBC cinese che i “residenti della terraferma” – persone dalla Cina continentale, a differenza di Hong Kong – sono usciti dal consolato e hanno distrutto i loro manifesti.

“Mentre cercavamo di fermarli, mi hanno trascinato dentro e mi hanno picchiato”, ha detto, aggiungendo che la polizia britannica lo ha poi tirato fuori.

“È ridicolo [the attackers] Non dovresti farlo. Dovremmo essere liberi di dire quello che vogliamo qui [in the UK]. “

Dopo l’incidente, la folla è rimasta arrabbiata. I manifestanti hanno urlato contro gli uomini del consolato e la polizia britannica, dicendo che avrebbero potuto fare di più.

Il personale del consolato aveva precedentemente chiesto ai manifestanti di spostarsi dall’altra parte della strada.

C’erano due agenti di polizia alla manifestazione, ma molti altri si sono presentati pochi minuti dopo l’inizio della rissa.

Si sono radunati ai cancelli del complesso nel tentativo di sedare i combattimenti e riportare indietro i manifestanti.

Un agente di polizia è entrato nel cortile del Consolato e ha tirato fuori l’uomo che era stato trascinato dentro.

READ  Il re Carlo III e il principe William visitano le persone in fila per vedere la bara della regina

Quindi almeno otto uomini – alcuni con elmetto e tute protettive – sono rientrati nell’edificio del consolato.

Il Consolato si trova nel territorio del Regno Unito, ma non è possibile accedervi senza consenso. Qualsiasi reato commesso in sedi diplomatiche è disciplinato dalla legge del Regno Unito, ma i dipendenti possono godere dell’immunità diplomatica.

In risposta a Twitter, l’ex leader del Partito conservatore Ian Duncan Smith ha affermato che il governo del Regno Unito dovrebbe chiedere le scuse complete all’ambasciatore cinese e che le persone coinvolte dovrebbero essere restituite in Cina.

I manifestanti protestavano Il Congresso del Partito Comunista è iniziato a Pechino.

Il presidente Xi Jinping, Chi è destinato ad assicurarsi un terzo mandato al potereHa detto di aver spostato la situazione a Hong Kong dal “caos al governo”, un riferimento alla repressione cinese delle proteste a favore della democrazia lì.

Un portavoce del consolato ha detto che i manifestanti “hanno appeso una foto offensiva del presidente cinese all’ingresso principale”.

“Questo sarebbe inaccettabile e inaccettabile per qualsiasi missione diplomatica o consolare di qualsiasi Paese. Pertanto, condanniamo questo atto deplorevole con forte indignazione e risoluta opposizione”, ha aggiunto il portavoce.

Un portavoce della polizia di Greater Manchester è a conoscenza dell’incidente.

Hanno aggiunto che “gli agenti sono intervenuti e hanno risposto immediatamente per calmare la situazione”.

“In questo momento sono in corso le indagini per comprendere appieno le circostanze”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.