Vicki Bowman: la giunta militare del Myanmar condanna l’ex ambasciatore britannico a un anno di carcere

La coppia è stata arrestata a Yangon il mese scorso dopo che le autorità li hanno accusati di aver violato le leggi sull’immigrazione. Le autorità militari del Myanmar hanno affermato che l’indirizzo registrato da Boman sul suo visto non corrispondeva al suo luogo di residenza. Le violazioni della legge sull’immigrazione del Myanmar comportano una pena massima di cinque anni di carcere.

La sentenza contro Bowman arriva dopo che il governo britannico ha annunciato il mese scorso un nuovo round di sanzioni contro le società legate alla giunta militare del Myanmar, che ha preso il potere con un sanguinoso colpo di stato nel febbraio 2021.

È stata condannata lo stesso giorno dell’ex leader del Myanmar estromesso Aung San Suu Kyi Fu condannato per frode elettorale e condannato a tre anni di carcere ai lavori forzati.

Bowman è stata la principale diplomatica britannica nel paese del sud-est asiatico dal 2002 al 2006. Dopo aver completato la sua posizione di ambasciatrice, Bowman è rimasta nel paese come fondatrice dell’organizzazione non governativa Myanmar Center for Responsible Business.

Le autorità hanno arrestato Bauman e suo marito Htin Lin, cittadino birmano, il mese scorso.

Hittin Lin è un artista di spicco ed ex prigioniero politico che ha trascorso sei anni e mezzo dietro le sbarre per il suo ruolo nelle rivolte studentesche contro la vecchia giunta militare nel 1998. È stato rilasciato nel 2004.

Un portavoce del ministero degli Esteri britannico ha detto alla Galileus Web che il governo “continuerà a sostenere la signora Bowman e la sua famiglia fino a quando il loro caso non sarà risolto”.

READ  Un elefante uccide una donna anziana, poi torna a calpestare il suo corpo a un funerale in India

Ming Yu-hah, vicedirettore regionale di Amnesty International per le campagne dell’Asia orientale e sudorientale, ha condannato la notizia in un comunicato, definendo la sentenza “estremamente preoccupante”.

“Gli ultimi rapporti sulla condanna dell’ex ambasciatore britannico e del marito artista birmano sono profondamente inquietanti. L’esercito birmano ha una storia di arresti e incarcerazioni di persone con accuse motivate politicamente o inventate”, ha affermato Yeo Hah.

Nel frattempo, la sentenza di venerdì contro Suu Kyi è l’ultima di una serie di sanzioni imposte alla 77enne e significa che ora rischia 20 anni di carcere.

Tuttavia, questa è la prima volta che Suu Kyi – il leader dell’opposizione a decenni di governo militare nel Paese – viene condannato ai lavori forzati dal colpo di stato dello scorso anno.

Il processo di venerdì riguarda le elezioni generali del novembre 2020 in cui la Lega nazionale per la democrazia (NLD) ha vinto in modo schiacciante, sconfiggendo un partito creato dai militari. Tre mesi dopo quelle elezioni, i militari hanno preso il potere per impedire al partito Suu Kyi di formare un governo, accusando frode elettorale.

Suu Kyi e il suo partito hanno negato le accuse e hanno affermato di aver vinto le elezioni in modo equo.

I gruppi per i diritti umani hanno ripetutamente espresso preoccupazione per la punizione degli attivisti pro-democrazia nel paese dopo il colpo di stato. A luglio, il Consiglio militare Due importanti attivisti pro-democrazia sono stati giustiziati e altri due uomini accusati di terrorismo dopo un processo condannato dalle Nazioni Unite e da gruppi per i diritti umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.