Villaggio di Gouryeong, Corea del Sud: 500 persone evacuate mentre un enorme incendio divampa in uno degli ultimi bassifondi di Seoul


alluvione
Cnn

Circa 500 persone sono state evacuate dalle loro case venerdì dopo che un incendio ha devastato il villaggio di Koryeong, uno degli ultimi bassifondi rimasti nella capitale sudcoreana, Seoul, secondo i funzionari dei vigili del fuoco.

L’incendio è scoppiato intorno alle 6:28 nel quarto distretto del villaggio, ha detto Shin Young-ho, un funzionario della stazione dei vigili del fuoco di Gangnam, in un briefing televisivo. Ha detto che i paramedici sono arrivati ​​circa cinque minuti dopo.

Si è spento intorno alle 11:50 ora locale e ha danneggiato un’area di 2.700 metri quadrati.

Finora non ci sono state segnalazioni di morti o feriti.

Si ritiene che circa 60 case siano state bruciate, ha detto Shin, aggiungendo che la maggior parte delle strutture sono realizzate con fogli di compensato vinilico.

I video sui social media mostrano le fiamme che avvolgono quelle che sembrano file di case, con enormi colonne di denso fumo nero che incombono sullo slum mentre le sirene suonano nelle vicinanze.

Shen ha affermato che sono stati mobilitati più di 800 addetti alla risposta, inclusi vigili del fuoco, polizia e personale governativo, mentre 10 elicotteri sono stati dispiegati per assistere nella risposta.

Il presidente sudcoreano Yoon Sok-yul, che si trova in Svizzera per il World Economic Forum, è stato informato dell’incendio e ha ordinato alle autorità di mobilitare “tutto il personale e le attrezzature disponibili”, secondo l’ufficio presidenziale.

Yoon ha anche chiesto ai governi locali di evacuare i residenti e garantire la sicurezza dei soccorritori, ha detto il suo ufficio.

Le autorità hanno da tempo avvertito che i residenti di Guryong sono particolarmente vulnerabili ai disastri, con il governo di Gangnam che ha affermato sul suo sito web che le baraccopoli erano “incline agli incendi” nel 2019.

READ  5 portaerei pronte a collaborare in Europa per l'esercitazione Nato

È stata anche gravemente colpita dalle inondazioni lo scorso agosto, quando sono state registrate precipitazioni Almeno 13 persone sono state uccise A Seoul – compresi alcuni residenti intrappolati nelle sporche case seminterrate “Banjeha” che sono state girate nel film “Parasite”.

I grattacieli residenziali della Gangnam Tower sopra il villaggio di Goryeong a Seoul, Corea del Sud, il 24 novembre 2020.

La baraccopoli di Goreong è stata a lungo vista come un simbolo del divario tra ricchi e poveri nella Corea del Sud, la quarta economia più grande dell’Asia. Fa parte del quartiere ricco e glamour di Gangnam, reso famoso dalla canzone di Psy del 2012 “Gangnam Style” e talvolta chiamato Beverly Hills di Seoul.

A meno di un chilometro dalle capanne Goryeong si trovano i grattacieli di Gangnam, dove molti residenti vivono in anguste abitazioni temporanee costruite con materiali come legno e lamiera ondulata.

Sebbene i piani per la riqualificazione dell’area risalgano ad almeno un decennio fa, molte proposte sono fallite a causa di disaccordi tra le agenzie governative locali e le trattative sulla compensazione dei terreni.

Tali sforzi sono in corso, con 406 famiglie – più di un terzo degli abitanti delle baraccopoli – trasferite a partire dal 2019, secondo Sito web del governo di Gangnam. I funzionari di Gangnam hanno confermato venerdì che più di 1.000 residenti vivono ancora lì.

Il distretto ha condiviso più piani di riqualificazione lo scorso maggio, con funzionario locale Dicendo che il terreno sarà trasformato in un “complesso residenziale di lusso ecologico”.

Il governo di Seoul ha dichiarato in un comunicato stampa lo scorso novembre che le autorità stanno lavorando per aiutare a trasferire circa 1.500 famiglie che vivono nelle baracche in tre grandi baraccopoli, tra cui Goryong, in alloggi pubblici.

READ  La polizia indiana arresta gli studenti che si sono riuniti per guardare un documentario della BBC su Modi

In definitiva, ha aggiunto, la città mira a “eliminare alloggi innaturali come cottage e case in vinile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.