Vladimir Kara-Murza è stato arrestato a Mosca dopo un’intervista alla CNN in cui criticava Putin

Lunedì le autorità russe hanno arrestato Vladimir Kara-Murza, un importante critico e politico del Cremlino, che ha scritto colonne per il Washington Post per protestare contro la guerra russa in Ucraina e le violazioni dei diritti umani.

Kara Morza è stato arrestato fuori dalla sua casa a Mosca, lo stesso giorno in cui è andato in onda la CNN Colloquio Ha predetto che l’invasione russa dell’Ucraina avrebbe portato alla caduta del governo del presidente Vladimir Putin.

Kara Morza è una critica di Putin di lunga data che è sopravvissuta a due avvelenamenti che il Cremlino ha orchestrato come rappresaglia per i suoi commenti.

Sua moglie, Evgenia Kara-Morza, ha confermato il suo arresto in un tweet alla fine di lunedì. “Le autorità russe hanno tentato due volte di uccidere mio marito per aver chiesto punizioni per ladri e assassini, e ora vogliono gettarlo in prigione perché ha definito la loro sanguinosa guerra una guerra”, Scrissi. “Chiedo l’immediato rilascio di mio marito”.

Kara Morza è una compagna di classe di lunga data del defunto leader dell’opposizione russa Boris Nemtsov. È un ex candidato al parlamento russo ed è stato vice leader di un partito politico, il People’s Freedom Party. Ha svolto un ruolo chiave nell’adozione di sanzioni contro i violatori dei diritti umani russi negli Stati Uniti, nell’Unione Europea, in Canada e in Gran Bretagna.

Questa è una storia urgente. Verrà aggiornato a breve.

READ  Come l'Estonia vuole stare lontana dalla propaganda russa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.